Passa ai contenuti principali

Come cambiare lettera a unità USB su Windows con Drive Letter Changer

Cambiare lettera a chiavetta USB, hard disk esterno, scheda SD con Drive Letter Changer per Windows
Eccetto l'hard disk di sistema e le unità ottiche (masterizzatore e lettore DVD) per tutte le altre periferiche di memoria esterna (quali chiavette e hard disk USB) l'assegnazione della lettera dell'unità è variabile e condizionata dalle periferiche esterne collegate al computer in quel momento.

Qualora dunque si avesse invece la necessità di assegnare una lettera fissa e specifica a una unità di memoria esterna abbiamo già visto come procedere con lo strumento "Gestione disco" di Windows.

A seguire andremo invece a vedere come fare con il  programma gratis e portatile Drive Letter Changer che permette di fare ciò in maniera decisamente più semplice e immediata, oltreché godere di ulteriori utili funzioni extra.

Essendo un software protable, Drive Letter Changer non va installato bensì una volta avviato e pronto all'uso.
Drive Letter Changer interfaccia grafica
Per il cambio lettera, nella sua interfaccia grafica si deve individuare l'unità di memoria di proprio interesse, farci sopra un clic destro di mouse e nel menu contestuale posarsi sulla voce "Modifica lettera unità" così da espandere il rispettivo sottomenu nel quale sono elencate tutte le lettere unità disponibili e già assegnate ordinate alfabeticamente dalla A alla Z (ovviamente è esclusa la lettera corrispondente all'hard disk dove è installato il sistema operativo, solitamente la lettera C).

Dunque nel sottomenu non si deve fare altro che un clic di mouse sulla lettera che si desidera applicare a quell'unità di memoria, scegliendone una libera oppure una già assegnata (in quest'ultimo caso le due unità in questione si scambieranno la propria lettera).

All'occorrenza è anche possibile rimuovere la lettera a una unità di memoria, magari per nasconderla dato che le unità senza lettera non vengono mostrate in Risorse del computer, facendoci sopra un clic destro di mouse e questa volta cliccando l'opzione "Rimuovi lettera unità"; in un secondo momento sarà possibile assegnare nuovamente una lettera a tale unità, rendendole visibili in Risorse del computer, servendosi della già descritta opzione "Modifica lettera unità".

Nel menu contestuale di gestione delle unità di Drive Letter Changer, a seconda dei case potrebbe tornare utile l'opzione "Monta in una cartella NTFS vuota" che permette di montare come cartella con file system NTFS il contenuto dell'unità di memoria in questione nella posizione che più si preferisce (il Desktop ad esempio) per poter avere rapido e facile accesso, magari sotto una rete. Al termine, è possibile smontare la cartella NTFS cliccando nel menu contestuale l'opzione "Smonta cartella NTFS".

Nel menu contestuale sono disponibili altre voci di gestione dell'unità di memoria selezionata che permettono di aprirne al volo il contenuto nell'esplora risorse di Windows, visualizzare le proprietà dell'unità e all'occorrenza copiarne il nome del volume.

Tutte le opzioni di gestione viste fino a qui sono disponibili anche sotto il menu "Attività" dopo aver selezionato la periferica sulla quale intervenire.

Restando nella barra dei menu, sotto "Strumenti" si trovano altre opzioni utili come il collegamento veloce allo strumento "Gestione disco" di Windows, a "Esegui Mountvol" per gestire la lettera delle unità da riga di comando, e l'opzione "Riavvia Windows Explorer" che torna utile qualora dopo aver apportato le modifiche non si sortisca alcun cambiamento.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7, 8, 10 | Dimensione: 429 KB | Download Drive Letter Changer

LEGGI ANCHE: Risolvere impossibile formattare e capacità diminuita unità USB, SD, hard disk e Come recuperare la capacità di memoria della chiavetta USB, schede SD e hard disk esterni

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Windows 10 October 2018 Update risolto il problema che cancellava i file con l'aggiornamento

Lo scorso 5 ottobre Microsoft ha interrotto la distribuzione di Windows 10 October 2018 Update iniziata ufficialmente tre giorni prima, in quanto dopo l'aggiornamento su alcuni computer (solo sullo 0.001% delle installazioni) venivano cancellati file personali contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download ecc.

Ma ieri con un post sul blog ufficiale di Windows è stato annunciato che gli ingeneri hanno identificato e risolto tutti i problemi noti che portavano a tale perdita di dati con l'upgrade a Windows 10 versione 1809.

Qual'è stata la causa del problema? La perdita dei dati ha interessato i file contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download e via dicendo, reindirizzate in un percorso di destinazione diverso da quello predefinito (es. C\Users\NomeUtente\Documents); soluzione che alcuni adottano per risparmiare spazio sul disco di sistema archiviando, con il reindirizzamento delle cartelle, tali file su altre unità di memori…

Vedere il consumo elettrico dei programmi nel Task Manager di Windows 10

A partire dall'aggiornamento October 2018 Update, il Task Manager di Windows 10 ora mostra il consumo elettrico da parte dei programmi in esecuzione.

In questo modo è possibile individuare rapidamente i processi degli applicativi che incidono maggiormente a livello energetico quando il computer portatile è alimentato dalla solo batteria, e in base a tali informazioni decidere se terminare o meno i programmi più dispendiosi in questo senso, soprattutto se sono in esecuzione in background.

Per prima cosa è necessario aprire il Task Manager facendo un clic destro sulla barra delle applicazioni e qui nel menu contestuale cliccando la voce "Gestione attività"; oppure ci si può servire direttamente della combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc.

LEGGI ANCHE: Cosa si può fare con il Task Manager di Windows 10

Qualora il Task Manager venisse eseguito in un piccola finestra, allora qui nell'angolo in basso a sinistra cliccare il link "Più dettagli" per visualizzare…