Passa ai contenuti principali

Sapere se il PC è rallentato dalla protezione contro Meltdown e Spectre (le vulnerabilità CPU)

Come scoprire se il computer Windows è rallentato a livello di calo delle prestazioni dopo aver installato gli aggiornamenti di sicurezza contro Meltdown e/o Spectre (le vulnerabilità CPU)
Meltdown e Spectre sono le due vulnerabilità delle CPU Intel, AMD e ARM rese pubbliche a inizio gennaio 2018, attraverso le quali con un attacco hacker può essere compromessa la sicurezza del computer.

Per tale motivo è bene controllare se il proprio PC è vulnerabile, e in tal caso metterlo in sicurezza installando su Windows gli appositi aggiornamenti di sistema rilasciati da Microsoft contro Meltdown, e gli appositi aggiornamenti firmware/BIOS rilasciati dal produttore del computer contro Spectre.

LEGGI ANCHE: Come sapere se il PC è protetto da Meltdown e Spectre e Come proteggere computer, cellulare e tablet da Meltdown e Spectre.

Ma mettendo in sicurezza il computer da queste vulnerabilità si potrebbe andare incontro a un effetto collaterale, ovvero un calo delle prestazioni del PC.

Microsoft infatti ha confermato che gli update di sicurezza contro queste due vulnerabilità causano un calo delle prestazioni del computer a livello di processore.

Tale peggioramento delle performance si riscontra maggiormente su PC con sistema operativo Windows Server con qualsiasi CPU in silicio, su PC Windows 8, Windows 7 e Windows 10 con CPU in silicio del 2015 o più vecchie, mentre su computer Windows 10 con CPU del 2016 o più recente non dovrebbe rilevarsi alcun significativo calo delle prestazioni.

Ma come si fa a sapere se effettivamente il computer è più lento rispetto a prima, ovvero dopo aver installato gli aggiornamenti di sicurezza contro le due (o anche una soltanto) vulnerabilità Meltdown e Spectre?

InSpectre è un piccolo programma gratis portable (non richiede installazione) per Windows, che una volta avviato, oltre a mostrare se il computer in questione è protetto o meno da Meltdown e/o Spectre, informa se è rallentato dagli aggiornamenti di sicurezza installati per tali vulnerabilità.
InSpectre interfaccia grafica
Come si può notare nell'esempio sopra in figura il computer non è vulnerabile a Meltdown (grazie agli aggiornamenti Microsoft installati) ma lo è a Spectre (in quanto è necessario aggiornare il firmware/BIOS del computer con gli update rilasciati dal produttore, in questo caso non ancora disponibili), e con "Permonce: SLOWER" viene notificato che le prestazioni del PC sono rallentate (in seguito all'installazione degli aggiornamenti contro Meltdown).

NOTA: Nel caso in cui nel report venisse riportato "Permonce: GOOD" sta a significare che le prestazioni per il computer sono buone dunque non hanno subito alcun rallentamento.

Cosa si può fare in merito? L'unico modo per godere nuovamente di prestazioni superiori è di disattivare la protezione contro Meltdown e/o Spectre e in tal senso InSpectre in basso all'interfaccia dispone di due appositi pulsanti "Disable Meltdown Protection" e "Disable Spectre Protection" (in tal caso è necessario eseguire InSpectre come amministratore).

Ovviamente il prezzo da pagare è quello di esporre nuovamente il computer a rischio sicurezza da parte di tali vulnerabilità, dunque la questione va soppesata in base al singolo caso e soprattutto in base a quanto è effettivamente rallentato il computer rispetto a prima, ovvero se il calo delle performance incide troppo oppure in modo accettabile sull'usabilità generale del PC.

Compatibile con Windows: 7, 8, 8.1, 10 | Dimensione: 122 KB | Download InSpectre

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…