Passa ai contenuti principali

Tornare a Firefox 56 da 57 dopo l'aggiornamento

Come tornare a Firefox 56 da Firefox 57 perché sono sparite le estensioni installate sulla precedente versione del browser
Da qualche ora è disponibile l'aggiornamento a Firefox 57, noto anche con il nome di Firefox Quantum.

LEGGI ANCHE: Firefox 57 Quantum cosa cambia in questa nuova versione

Versione che da inizio a una nuova era per il browser internet di Mozilla, ora completamente ridisegnato e più preformante, tant'è che la stessa Mozilla dichiara essere due volte più veloce rispetto a prima, essere più leggero (rispetto a Chrome consuma il 30% di risorse in meno), e più sicuro con la nuova tecnologia di sviluppo delle estensioni WebExtensions.

Ma è proprio quest'ultima caratteristica che potrebbe spingere alcuni utenti a voler tornare da Firefox 57 a Firefox 56.

Come infatti meglio spiegato in questo articolo, con il termine WebExtensions si identificano le moderne estensioni di Firefox create con la nuova tecnologia di sviluppo più sicura e affidabile, le quali rispetto a quelle create con le vecchie API (impiegate fino a Firefox 56) non possono in alcun modo modificare il codice del browser, ponendo così fine a eventuali utilizzi illegittimi e a conseguenti ovvi rischi per la sicurezza.

Il problema però, dato che Firefox 57 supporta solo le WebExtensions, è che sul browser internet di Mozilla adesso non è più possibile installare e dunque usare le vecchie estensioni. E dato che una grossa fetta di sviluppatori non ha ancora provveduto ad adeguare tali estensioni alla nuova tecnologia WebExtensions, aggiornando da Firefox 56 a Firefox 57 a seconda dei casi ci si ritroverà molto probabilmente con installate pochissime estensioni, quasi zero.

Estensioni a molte delle quali non si può rinunciare e perciò motivo del downgrade da Firefox 57 a Firefox 56 (e magari restarci almeno fino a che le estensioni di proprio interesse non verranno adeguate al nuovo standard o fino a quando non saranno disponibili valide alternative). Come procedere? Il tutto fortunatamente si effettua in maniera indolore e abbastanza rapida.

NOTA: Tenere in considerazione che è già disponibile Firefox 57 in versione portable (ovvero che non richiede installazione e che dunque non sostituisce la versione installata sul PC) in questo modo senza aggiornare da Firefox 56 o dopo il downgrade, si potranno usare entrambi i browser senza rinunciare né a l'uno, né all'altro.

Dato però che l'adeguamento delle estensioni tradizionali alle nuove API WebExtensions potrebbe richiedere diverso tempo, allora durante questa attesa più che tornare a Firefox 56, per motivi di sicurezza piuttosto conviene passare a Firefox ESR (Extended Support Release) ovvero la versione destinata alle aziende e ad altre grandi organizzazioni che necessitano di un browser Firefox che venga aggiornato a livello della protezione come la versione ufficiale, ma non a livello delle più recenti funzionalità, miglioramenti delle prestazioni e tecnologie; difatti Firefox ESR è basato su Firefox 52, dunque supporta tutte le vecchie estensioni, e riceverà gli aggiornamenti di sicurezza fino al 26 giugno 2018.

Come tornare a Firefox 56 da Firefox 57
Per prima cosa per sicurezza è bene effettuare una copia del profilo di Firefox in maniera tale che se qualcosa dovesse andare male lo si possa ripristinare. Per fare ciò, nella barra indirizzi del browser digitare e inviare il comando about:support e nella pagina "Informazioni per la risoluzione dei problemi" che verrà visualizzata (come nell'esempio sotto in figura):
Schermata Informazioni base Firefox pulsante Apri cartella profilo
nelle "Informazioni di base", nella riga "Cartella del profilo" cliccare il pulsante "Apri cartella" per aprire sul computer la cartella del profilo del proprio Firefox. Chiudere completamente Firefox e dalla cartella del profilo tornare indietro di un livello alla cartella "Profiles" e come nell'esempio sotto in figura:
Cartella Profili Firefox in Windows Explorer
copiare la cartella del profilo facendoci sopra un clic destro di mouse e nel menu contestuale cliccando l'opzione "Copia"; quindi incollarla in una differente posizione dalla quale reperirla per il ripristino in caso di bisogno.

2. Si potrebbe inoltre prendere in considerazione di esportare i impostazioni, segnalibri e password salvate su di un altro browser, dal quale ripristinarle in un secondo momento se fosse necessario, ovvero se qualcosa dovesse andare storto con il downgrade. A tale proposito leggere la guida: Importare Esportare preferiti e impostazioni Chrome, Firefox, Edge, Opera.

3. Fatto ciò non resta che scaricare Firefox 56 a 32 bit o Firefox 56 a 64 bit (entrambe le versioni sono scaricabili direttamente anche dall'archivio web ufficiale di Mozilla) e, senza disinstallare Firefox 57 (il quale però non deve essere in esecuzione), installarlo sul computer.

Al termine se tutto è andato a buon fine si sarà tornati a Firefox 56 e qui ci si ritroverà nuovamente con tutte le vecchie estensioni di prima, non solo le WebExtensions.

Qualora l'installazione di Firefox 56 non dovesse riuscire, allora si dovrà provvedere alla disinstallazione di Firefox 57 e poi all'installazione di Firefox 56.

Ovviamente così facendo si perderanno impostazioni, segnalibri e password salvate, per questo motivo come suggerito al passo 1 e al passo 2, prima di procedere è bene effettuare la copia di backup della cartella del profilo di Firefox e importare su di un altro browser i siti preferiti e le credenziali di accesso: nel primo caso dopo aver reinstallato Firefox 56 basterà rimpiazzare la cartella del profilo con la versione di backup copiata in precedenza; nel secondo caso basterà importare su Firefox i segnalibri e le password precedentemente esportare sull'altro browser.

Commenti

  1. Grazie, caro e prezioso Vinnie, per i tuoi suggerimenti dei quali avevo proprio bisogno. mi ritrovo la 57 in versione inglese e ritornerò alla 56 seguendo i tuoi consigli. Tuttavia ti informo che, forse per mia fortuna o/e per caso, non ho perso il mio profilo: tutto a posto. Se mi si dovesse ripresentare la versione in inglese come passare a quella in italiano? Ho caricato l'estensione Language Italian Pack ma non è cambiato niente. Grazie e cordialità. Ferdy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io opterei per un backup completo di Firefox usando magari FEBE:

      https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/febe/

      quindi disinstallando e reinstallando Firefox, ma questa volta scaricadno dal sito ufficiale la versione italiana (che viene proposta in automatico).

      Può inoltre tornarti utile questo topic:

      https://support.mozilla.org/it/kb/Effettuare il backup dei dati personali

      Elimina
  2. grazie di tutto! il mio parere è che bisognerebbe poter scegliere, ma se l'aggiornamento parte in automatico e ti toglie tutti gli addons, ci si ritrova con un nuovo programma senza tutte le tue personalizzazioni!

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…