Passa ai contenuti principali

Attivare la protezione anti-ransomware di Windows Defender su Windows 10

Come attivare la protezione ransomware di Windows Defender su Windows 10 per proteggere i file e le cartelle da modifiche non autorizzate
A partire dall'aggiornamento Fall Creators Update, su Windows 10 Windows Defender ha guadagnato un'importante nuova funzione anti-ransomware dal nome "Protezione ransomware - Accesso alle cartelle controllato" che protegge i file del computer dall'attacco dei ransomware, ovvero di quei malware che crittografano i dati dell'utente chiedendo il pagamento di un riscatto per ricevere la chiave di decrittazione con la quale potervi avere nuovamente accesso.

Questa caratteristica fa di Windows Defender un antivirus sempre più completo integrato nel sistema operativo per proteggere il computer dalle minacce sin da subito. Vediamo come attivare la protezione ransomware.

Come detto a inizio articolo questa funzione si trova a partire da Windows 10 Fall Creators Update o superiore: Sapere quale versione Windows 10 è installata sul PC.

Avviare Windows Defender con un clic sulla sua icona visualizzata nell'area di notifica della barra delle applicazioni, oppure aprire il menu Start, scrivere "windows defender" e infine cliccare il risultato Windows Defender Security Center, oppure aprirlo da Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Sicurezza di Windows > Apri Windows Defender Security Center.

Aperto Windows Defender Security Center accedere nella sezione "Protezione da virus e minacce" (quella che ha il pulsante con l'icona dello scudo, fra l'altro visualizzato anche nel menu a colonna a sinistra della finestra per l'accesso rapido).
Scorrere in basso la schermata fino a individuare e cliccare l'opzione "Protezione ransomware" per aprire e dunque accedere all'omonima sezione (come nell'esempio sotto in figura):
Windows Defender Security Center attivare Protezione ransomware
Dunque nella schermata "Protezione ransomware" adesso spostare su "Attivato" l'interruttore per attivare l'impostazione "Accesso alle cartelle controllato" (ovvero la funzione anti-ransomware vera e propria di questo antivirus).
Da ora in avanti Windows Defender proteggerà le cartelle e i file da modifiche da parte di applicazioni non autorizzate, ovvero non ritenute affidabili da parte di Microsoft scongiurando così anche gli attacchi ransomware.


Attivando questa impostazione di sicurezza, le cartelle di sistema (Documenti, Immagini, Video, Musica ecc) verranno automaticamente protette di default, ma all'occorrenza, qualora si è soliti archiviare file importanti anche in altre cartelle, è possibile aggiungere manualmente tali directory personalizzate per sottoporle a protezione anti-ransomware.

Per fare ciò, sotto all'opzione "Accesso alle cartelle controllato" cliccare il link  dell'opzione "Cartelle protette" e nella schermata che segue come nell'esempio sotto in figura:
Windows Defender aggiungere cartella a Accesso alle cartelle controllato

cliccare il pulsante "+ Aggiungi cartella protetta" per indicare, una alla volta, tutte le cartelle che si desidera aggiungere alla protezione da parte delle modifiche non autorizzate.

Qualora l'impostazione anti-ransomware di Windows Defender dovesse bloccare un programma o applicazione che invece si considera attendibile, è bene sapere che può essere aggiunto come applicazione consentita e dunque permettergli di apportare modifiche ai file e alle cartelle protette.

Per fare ciò, sotto all'opzione "Accesso alle cartelle controllato" cliccare il link "Consenti app tramite accesso alle cartelle controllato" e nella succesiva schermata come nell'esempio sotto in figura:
Windows Defender consentire programma a Accesso alle cartelle controllato
cliccare il pulsante "+ Aggiungi app consentita" dunque indicare il programma o l'applicazione di proprio interesse alla quale concedere l'accesso e la modifica alle cartelle e ai file sottoposti a protezione anti-ransomware di Windows Defender.

LEGGI ANCHE: Come avere più protezione da Windows Defender su Windows 10

Commenti

  1. Nel mio Windows Defender Security Center non ho trovato l'opzione "Accesso alle cartelle controllato". Dipende forse dalla versione? Grazie e buon lavoro. Marcello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, come ho scritto nell'articolo questa funzione è disponibile a partire da Windows 10 Fall Creators Update che è stato rilasciato lo scorso 17 Ottobre. Per sapere quale versione Windows 10 è installata sul tuo PC leggi qui:

      http://www.guidami.info/2016/07/sapere-quale-versione-windows-10-installata.html

      Per scaricare/installare/aggiornare a Windows 10 Fall Creators Update leggi qui:

      http://www.guidami.info/2017/10/scaricare-installare-windows-10-fall-creators-update.html

      Elimina
  2. si, solo se w10 è stato aggiornato alla versione 1709 fall creator update. Può controllare in pannello di controllo poi sistema. In caso affermativo, l'opzione si teova sotto la voce impostazioni di Defender.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…