Passa ai contenuti principali

Crittografare i file prima di caricarli sul cloud per più sicurezza con 7zip e WinRAR

Come crittografare i file al PC prima di caricarli sul servizio cloud storage per maggiore sicurezza contro le violazioni, usando 7zip e WinRAR
In tanti oggi si affidano all'archiviazione di file e dati online sul cloud per averne una copia sempre disponibile via internet oppure per risparmiare spazio nella memoria del proprio computer, smartphone o tablet.

I servizi archiviazione cloud oggi disponibili sono davvero tanti e sempre più capienti; in questo articolo dedicato ad esempio abbiamo raccolto una lunga lista di cloud storage che offrono gratuitamente gigabyte di spazio di archiviazione.

Il problema però è che non tutti i servizi cloud storage disponibili offrono come opzione la crittografia dei file caricati dall'utente sul suo spazio di archiviazione online personale; fatto non trascurabile per ovvie ragioni di sicurezza visto che anche di recente le cronache hanno documentato violazioni in merito.

LEGGI ANCHE: I migliori servizi cloud storage più sicuri per la privacy

Di conseguenza qualora si dovesse avere a che fare con un servizio cloud storage che non prevede la cifratura dei dati dell'utente, senza rinunciarvi si può allora prendere in considerazione di crittografare preventivamente sul computer i file da caricare online in maniera tale che anche se lo spazio cloud venisse violato, i cybercriminali non possano comunque aprire e vedere il contenuto di tali file.

E fra l'altro tenere in considerazione che per applicare una buona crittografia ai file non c'è bisogno di servirsi obbligatoriamente di appositi software dedicati, bensì basta un semplice gestore di archivi come il gratuito 7zip oppure WinRAR.

Crittografare file con 7zip
1. Per prima cosa al PC è necessario mettere dentro una cartella creata appositamente tutti i file che si desidera cifrare e caricare sul servizio di cloud storage. Con la procedura che segue si andrà a crerae un archivio crittografato della cartella in questione e annessi file contenuti.

2. Fatto ciò eseguire 7zip (pagina di download 7zip) e nella barra dei menu cliccare File > Apri per indicare la cartella che contiene i file che si desidera cifrare e caricare sul servizio di cloud storage. Come nell'esempio sotto in figura:
7zip selezione e aggiunta fila ad archivio
adesso selezionare tutti i file contenuti nella cartella quindi cliccare il pulsante "Aggiungi"; subito dopo verrà aperta la finestra "Aggiungi all'archivio".

3. Nella finestra "Aggiungi all'archivio", come nell'esempio sotto in figura:
7zip finestra opzioni cifratura
nella parte in basso a destra è disponibile la sezione "Cifratura" nella quale come "Metodo di cifratura" si deve indicare la crittografia AES-256 (Advanced Encryption Standard) quindi digitare la password (per due volte, la seconda è di verifica) che più si preferisce per creare l'archivio crittografato.

Per ulteriore riservatezza può tornare utile attivare l'opzione "Cifra anche il nome dei file" che serve a nascondere i nomi dei singoli file.
Configurato il tutto confermare cliccando il pulsante "OK" per creare l'archivio protetto e crittografato il quale a procedura terminata verrà salvato nella cartella dove si trovano i file che si è voluto cifrare.

Nel caso in cui un malintenzionato riuscisse a violare lo spazio cloud, poco importa per la sicurezza dei file cifrati in quanto quando andrà ad aprire l'archivio ecco che come nell'esempio sotto in figura:
7zip richiesta password per estrarre file da archivio
gli verrà richiesto di inserire la password per aprire e decrittografare l'archivio e dunque accedere al suo contenuto.

NOTA: Tenere in considerazione che per impostazione predefinita 7zip crea archivi in formato .7z; se si preferisce però nella finestra "Aggiungi all'archivio", aprendo il menu dell'opzione "Formato dell'archivio" si può scegliere un formato archivio diverso, fra i quali anche il formato .zip.

Crittografare file con WinRAR
1. Con WinRAR la procedura è piuttosto simile a quella appena vista con 7zip. Anche in questo caso per prima cosa al PC è necessario mettere dentro una cartella creata appositamente tutti i file che si desidera cifrare per poi caricarli sul servizio di cloud storage nell'archivio crittografato che verrà creato con la procedura che andremo ora a vedere. Anche con WinRAR la cifratura dei file avviene con la crittografia AES-256.

2. Avviare WinRAR e indicare la cartella che contiene i file che si desidera cifrare. Come nell'esempio sotto in figura:
WinRAR opzioni per proteggere archivio con password
selezionare tutti file in essa contenuti quindi cliccare il pulsante "Archivia". Subito dopo verrà visualizzata la finestra delle opzioni "Nome archivio e parametri" attraverso la quale sarà possibile applicare la password e dunque la cifratura all'archivio che si sta andando a creare.

Dunque nella finestra "Nome archivio e parametri", come nell'esempio sopra in figura, selezionare la scheda "Avanzati", qui cliccare il pulsante "Parola chiave..." e nella finestra finestra "Proteggi con una parola chiave" che a seguire verrà visualizzata, digitare per due volte una password a proprio piacimento.

Come in 7zip si può prendere in considerazione di attivare l'opzione "Crittografa anche le informazioni sui file" nascondere i nomi dei singoli file. Fatto tutto, non resta altro che confermare cliccando i pulsanti "OK" per creare l'archivio crittografato.
WinRAR richiesta password per estrarre file da archivio
Anche qui nel caso in cui un malintenzionato riuscisse a violare lo spazio cloud poco importa per la sicurezza dei file cifrati in quanto quando andrà ad aprire l'archivio ecco che come nell'esempio sopra in figura dovrà prima immettere la password di decifratura; diversamente resterà a bocca asciutta.

NOTA: WinRAR di default genera archivi in formato .rar, ma all'occorrenza nella finestra "Nome archivio e parametri", sotto la scheda "Generali" con l'opzione "Formato archivio" si può cambiare formato in .zip.

LEGGI ANCHE: Come usare DiskCryptor per crittografare hard disk, SSD e chiavetta USB

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…