Passa ai contenuti principali

Scansione file e link online con Kaspersky VirusDesk come VirusTotal

Kaspersky VirusDesk è un servizio gratis online per fare la scansione antivirus di file e link per sapere se contengono malware oppure sono sicuri
Prima di installare e/o aprire un file o un indirizzo internet sospetto al PC (ma anche al cellulare volendo) è bene sottoporlo a scansione antivirus per sapere se si tratta di un malware oppure di un contenuto pulito, sicuro.

In tal senso tornano utili servizi come VirusTotal di Google e/o Metascan di Opswat che analizzano i file e i link indicati con decine di diversi motori antivirus così da avere più pareri riguardo la loro integrità.

Adesso è possibile aggiungere ai preferiti del proprio browser internet anche Kaspersky VirusDesk creato dall'omonima azienda russa di sicurezza informatica, che esattamente come VirusTotal e Metascan permette di scansionare file e link online per sapere se sono malevoli o meno prima di eseguirli.
Kaspersky VirusDesk sito web
Facile da usare, collegati con il sito se si desidera analizzare un link lo si può incollare direttamente nel campo di ricerca, se invece si desidera scansionare un file lo si può trascinare e rilasciare all'interno del campo di ricerca oppure cliccare l'icona della graffetta per selezionarlo manualmente; cliccare il pulsante "Scan" per avviare la scansione antivirus.

Scansione che verrà eseguita con lo stesso motore antivirus Kaspersky impiegato dall'omonimo software di sicurezza per computer Windows.

In caso di analisi antivirus di un file, i risultati che Kaspersky VirusDesk può restituire sono i seguenti:
  • Is safe ovvero il file è pulito dunque non contiene alcun malware;
  • Is suspicious ovvero il file è sospetto dunque potrebbe presentare qualche minaccia (eseguirlo con attenzione);
  • Is infected  ovvero il file è infetto, contiene malware, dunque cestinarlo.
NOTA: Per quanto riguarda i file al momento è possibile sottoporre file che non superino i 50 MB di dimensione (contro i 128 MB supportati da VirusTotal). È anche possibile analizzare archivi compressi, dunque se si desidera scansionare più file in una volta sola si potrebbe prendere in considerazione di metterli tutti all'interno di un archivio e poi sottoporlo alla scansione di Kaspersky VirusDesk, purché non venga superato il limite di 50 MB di dimensione.

In caso di analisi antivirus di un link, i risultati che Kaspersky VirusDesk può restituire sono i seguenti:
  • Is safe ovvero il link in questione è sicuro;
  • Is suspicious ovvero il link è sospetto e aprendolo si potrebbe incorrere in rischio di malware o phishing;
  • No information found about the link ovvero Kaspersky non ha ancora alcuna informazione su quel link, dunque prestare attenzione se lo si apre.
Infine, sia per i file che per i link è possibile cliccare il pulsante "I disagree with the scan results" per dissentire contro i risultati di scansione di Kaspersky VirusDesk; caratteristica che ad esempio torna utile agli sviluppatori di software nel caso in cui un loro programma sia stato segnalato come malevolo, magari ingiustamente. Così facendo potranno mettersi in comunicazione con Kaspersky e chiarire la questione.

LEGGI ANCHE: Consigli per non prendere virus da internet

Commenti

  1. virus total, come sempre, è velocissimo.
    Kaspersky, ancora sta analizzando il mio file da 30 mega.
    ammetto che sei sempre un grande.
    il Vecchietto

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…