Passa ai contenuti principali

Firefox 54 più veloce con i multiprocessi e più stabile

Su Fireofx 54 è arrivata la tecnologia multiprocesso che rende il browser più veloce e stabile; come attivare i processi multipli manualmente
Su Firefox 54 debutta finalmente la tecnologia multiprocesso (progetto Electrolysis) che migliora a livello di prestazioni il browser di casa Mozilla.

Se infatti sino alla precedente versione tutte le pagine web e i contenuti aperti su Firefox correvano sotto un unico processo, con conseguente e spesso eccessivo carico a livello di risorse di sistema e annesso rallentamento fino al blocco di Firefox, adesso a partire dalla versione 54 il tutto viene spartito su più processi separati, caratteristica che rende il browser più veloce, stabile e meno soggetto a crash.

Esattamente come fanno i browser internet moderni come ad esempio Google Chrome che una volta avviato si palesa con diversi processi nel Task Manager di Windows.

Dopo aver aggiornato a Firefox 54 (se Firefox è già installato sul PC, per aggiornarlo è sufficiente portarsi in Aiuto > Informazioni su Firefox, diversamente scaricarlo dal sito ufficiale) per sapere subito se il browser sta impiegando la tecnologia multiprocesso si possono prima aprire un po' di pagine web e poi lanciare il Task Manager di Windows per verificare quanti processi firefox.exe sono in esecuzione (come nell'esempio sotto in figura):
Task manager di Windows con in esecuzione multi processi di Firefox
Se invece continua ad esserci un solo processo firefox.exe significa che c'è qualcosa che sta impedendo a Firefox di utilizzare i processi multipli, ad esempio qualche componente aggiuntivo non compatibile con tale tecnologia; ciò può essere verificato dalla pagina interna "Informazioni per la risoluzione dei problemi" alla quale si arriva digitando e inviando nella barra degli indirizzi internet il comando about:support e come nell'esempio sotto in figura:
Firefox pagina aboutsupport stato delle Finestre multiprocesso disattivato
nella tabella delle "Informazioni di base" il motivo della mancata attivazione dei multiprocessi verrà riportato in corrispondenza della riga "Finestre multiprocesso".

In tal caso per usare comunque tale tecnologia su Firefox si dovrà provvedere all'attivazione manuale dei multiprocessi e a seguire andremo a vedere come procedere.

1. Nella barra degli indirizzi internet digitare e inviare il comando about:config e nella pagina "Questa operazione potrebbe invalidare la garanzia" che verrà visualizzata cliccare il pulsante "Accetto i rischi".

2. Nella pagina seguente, nel campo "Cerca" incollare e inviare il parametro browser.tabs.remote.autostart dunque farci sopra un doppio clic di mouse per settare il valore da false a true (come nell'esempio sotto in figura):
Firefox pagina parametri aboutconfig
Fatto ciò, riavviare Firefox per applicare le modifiche, quindi navigare su qualche pagina internet e nel Task Manager verificare se vi sono più processi firefox.exe; se così non fosse proseguire come segue.

Tornare su about:config, su un'area della pagina fare un clic destro di mouse, nel menu contestuale cliccare Nuovo > Booleano e come nome del valore incollare browser.tabs.remote.force-enable quindi impostare il valore su true. Riavviare Firefox per verificare se nel Task Manager vi sono più processi firefox.exe; se anche adesso non fosse così allora proseguire come segue.

Tornare su about:config e questa volta nel campo "Cerca" incollare e inviare il parametro extensions.e10sMultiBlockedByAddons e farci sopra un doppio clic di mouse per settare il valore da true a false. Riavviare Firefox. A questo punto i processi multipli dovrebbero essere attivati e ciò può essere verificato sia dal Task Manager, oltreché confermato sulla pagina about:support (come nell'esempio sotto in figura):
Firefox pagina aboutsupport stato delle Finestre multiprocesso attivato
dove adesso in corrispondenza della riga "Finestre multiprocesso" dovrebbe comparire la voce "(Attivato manualmente)".

Una volta che i processi multipli di Firefox sono attivati, su about:config cercando il parametro dom.ipc.processCount e facendoci sopra un doppio clic di mouse si avrà la possibilità di cambiare a proprio piacimento il numero dei multiprocessi firefox.exe che si desidera impiegare (non meno di 4) come nell'esempio sotto in figura:
Firefox pagina parametri aboutconfig cambiare numero processi multipli
Tenere in considerazione che forzando l'attivazione dei multiprocessi di Firefox, qualche addon non ancora compatibile con questa tecnologia potrebbe non funzionare completamente o correttamente. In tal caso o nell'eventualità di altri problemi del browser venuti fuori con l'attivazione manuale dei processi multipli, il tutto si risolve ripristinando i tre parametri sopra indicati al loro stato originale, ovvero browser.tabs.remote.autostart su false, browser.tabs.remote.force-enable su false e extensions.e10sMultiBlockedByAddons su true.

LEGGI ANCHE: Come attivare la modalità offline di Firefox per navigare senza connessione internet

Commenti

  1. Sembra un destino, quando scrivi di Firefox sto usando Chrome, e viceversa :)
    Comunque, ho attivato le finestre multiprocesso con remote.autostart e remote.force-enabled, anche su Firefox 53. Grazie Vinnie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha dai! Usalo un po' in multiprocesso e fammi sapere come ti trovi. A me in effetti sembra decisamente più reattivo rispetto a prima quando inizio ad avere oltre 10 schede aperte.

      Elimina
  2. Si, confermo. Con 12 schede aperte, non solo ripartisce meglio il carico fra CPU e RAM, ma con l'analisi integrità di Firefox ho visto che i tempi di avvio si sono ridotti:
    Fino a ieri da 2.5 a 5 secondi, oggi fra 2 e 4 secondi :)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…