Passa ai contenuti principali

Come mettere password a archivi Zip e Rar per proteggere i file

Come proteggere con password un archivio ZIP e RAR su Windows per impedire di aprirlo, vedere ed estrarre i file
Il vantaggio principale degli archivi Zip e RAR è di poter contenere più file e cartelle di file in un unico pacchetto riducendo la dimensione grazie alla compressione.

Ecco perché ad esempio quando si vuole inviare per email delle fotografie conviene comprimerle all'interno di un archivio in maniera tale da risparmiare spazio e dunque non superare il limite di dimensioni consentito per l'invio degli allegati.

Qualora però l'archivio di file che si intende creare lo si deve caricare e/o inviare su internet, e però si preferirebbe che i file in esso contenuti siano accessibili solo a specifiche persone, è bene sapere che è possibile proteggere gli archivi con password in maniera tale che chi non la conosce non possa estrarre né vedere i file presenti all'interno.

A seguire andiamo dunque a vedere come mettere la password agli archivi Zip e RAR con il programma gratis 7zip e WinRAR.

Mettere la password agli archivi con 7zip
7zip è il popolare programma gratis per creare e decomprimere archivi RAR e Zip e di tanti altri formati.

1. Lanciare 7zip e cliccare File > Apri per indicare la cartella che contiene i file che si desidera aggiungere e proteggere con password all'interno dell'archivio. Come nell'esempio sotto in figura:
7zip selezione e aggiunta fila ad archivio
selezionare i file di proprio interesse e una volta fatto ciò cliccare il pulsante "Aggiungi" per passare alla finestra delle opzioni "Aggiungi all'archivio".

2. Dunque nella finestra "Aggiungi all'archivio" che subito dopo verrà visualizzata, come nell'esempio sotto in figura:
7zip finestra opzioni cifratura
nella parte a destra portarsi sulla sezione "Cifratura" e qui inserire a propria scelta la password di protezione dell'archivio (inserila per due volte, la seconda è di conferma).

Si potrebbe inoltre prendere in considerazione di spuntare e dunque attivare anche la casella dell'opzione "Cifra anche il nome dei file"; così facendo i nomi dei file non verranno visualizzati in chiaro, caratteristica che torna utile nel caso in cui i nomi descrivono il contenuto dei file. Archivio e nome dei file vengono protetti con crittografia AES-256 (Advanced Encryption Standard).

Non resta altro che confermare e creare l'archivio protetto cliccando il pulsante "OK". Al termine l'archivio creato verrà salvato all'interno della cartella nella quale si trovano i file originali. Quando si andrà ad aprire l'archivio, come nell'esempio sotto in figura:
7zip richiesta password per estrarre file da archivio
verrà chiesto di inserire la password; diversamente non sarà possibile accedere ed estrarre il suo contenuto.

NOTA: Per impostazione predefinita 7zip crea file nel suo formato .7z; all'occorrenza però nella finestra "Aggiungi all'archivio", espandendo il menu dell'opzione "Formato dell'archivio" è possibile scegliere un formato archivio differente, fra i quali anche il formato .zip.

Mettere la password agli archivi con WinRAR
Con WinRAR, forse il più noto gestore di archivi, la procedura è pressoché la stessa di 7zip, e anche qui la cifratura avviene con la crittografia AES-256.

1. Lanciare WinRAR e usare la barra di navigazione per portarsi sulla cartella che contiene i file che si desidera aggiungere all'archivio. Come nell'esempio sotto in figura:
WinRAR opzioni per proteggere archivio con password
selezionare i file desiderati e una volta fatto ciò cliccare il pulsante "Archivia" per passare alla finestra delle opzioni "Nome archivio e parametri".

Nella finestra "Nome archivio e parametri" che subito dopo verrà visualizzata, come nell'esempio sopra in figura, per proteggere l'archivio con password, portarsi nella scheda "Avanzati" e qui cliccare il pulsante "Parola chiave..." per aprire la finestra "Proteggi con una parola chiave" nella quale si deve digitare, per due volte, una password a proprio piacimento.

Come in 7zip anche in questo caso è possibile spuntare l'opzione "Crittografa anche le informazioni sui file" per criptare anche i nomi dei singoli file contenuti nell'archivio. Confermare cliccando i pulsanti "OK" per avviare la creazione dell'archivio protetto da password.
WinRAR richiesta password per estrarre file da archivio
Quando si andrà ad aprire l'archivio, come nell'esempio sopra in figura, verrà chiesto di inserire la password; diversamente non sarà possibile accedere ed estrarre il suo contenuto.

NOTA: Dato che WinRAR per impostazione predefinita crea archivi in formato .rar, tenere in considerazione che all'occorrenza nella finestra "Nome archivio e parametri", portandosi nella scheda "Generali", con l'opzione "Formato archivio" è possibile cambiare formato in .zip.

LEGGI ANCHE: Come usare DiskCryptor per crittografare hard disk, SSD e chiavetta USB

Commenti

  1. Salve, io ho la versione 16.04 di 7-zip_64-bit, ma non ho l'opzione per crittografare anche il nome del file. Riesci a capire perchè?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la stessa identica versione, utilizzata per questa guida. Sinceramente non ho idea del perché. Hai scaricato il programma dal sito ufficiale? Prova a scaricarlo nuovamente.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…