Passa ai contenuti principali

Chrome più veloce con queste tre estensioni

Estensioni per velocizzare Google Chrome facendo in modo che il browser occupi meno memoria e risorse di sistema
Google Chrome è attualmente uno dei browser internet più veloci per navigare sul web, ma in alcune circostanze, specialmente su i computer meno potenti, potrebbe dare luogo a un rallentamento e calo delle prestazioni.

I motivi principali di ciò sono dovuti alle risorse di sistema occupate in eccesso da Chrome in avvio se si sta caricando una precedente sessione di navigazione e/o se installate vi sono diverse estensioni, e dal fatto che più schede ci sono aperte e più restano aperte maggiore sarà il consumo di memoria da parte del browser.

Tali problemi ad ogni modo possono essere risolti o comunque ampiamente ridotti installando su Google Chrome queste tre estensioni.

1. Native Lazy Tabs | Download
Se su Chrome si è attivato l'impostazione "Continua da dove eri rimasto" che all'apertura del browser permette ripristinare le schede della precedente sessione di navigazione, alla riapertura della nuova sessione il browser non si limiterà a caricare solo la pagina internet della scheda aperta in primo piano bensì caricherà anche quelle delle altre schede aperte; tutto questo si traduce in un consumo elevato di memoria RAM da parte di Chrome e di un conseguente rallentamento dello stesso browser internet.
Task Manager Chrome prima e dopo estensione Native Lazy Tabs
Native Lazy Tabs è l'estensione che risolve questo problema. Una volta installata infatti, quando si andrà ad avviare Chrome, verranno si aperte le schede internet della precedente sessione, ma verrà caricato solo il contenuto della scheda in primo piano mentre le altre resteranno sospese, fino a che non le si clicca, per non incidere sul consumo di memoria (sopra in figura il Task Manager di Chrome dove si può notare come Native Lazy Tabs incide sulle risorse di sistema prima e dopo la sua installazione).

2. The Great Suspender | Download
Come appena detto, ogni scheda internet aperta su Chrome consuma risorse di sistema; va da se che più schede aperte ci sono maggiore sarà il consumo di memoria da parte del browser.

The Great Suspender è l'estensione che si occupa di contenere tale problema. La sua funzione infatti è quella di sospendere le schede internet aperte in secondo piano, ovvero quelle inutilizzate, in maniera tale che non pesino sulle risorse di sistema e che di conseguenza non provochino il rallentamento di Chrome.
The Great Suspender estensione Chrome menu opzioni
La sospensione delle schede inutilizzate può essere effettuata manualmente cliccando l'icona di The Great Suspender e come nell'esempio sopra in figura nel menu popup dei comandi che verrà visualizzato facendo poi un clic sull'opzione "Suspend other tabs" per sospendere tutte le schede aperte tranne quella sulla quale ci si trova, oppure l'opzione "Suspend this tab" per sospendere solo la scheda sulla quale ci si trova.
The Great Suspender impostazioni
Ma più comodamente è possibile settare la sospensione automatica delle schede inutilizzate dopo tot tempo specificato dall'utente. Per fare ciò si deve accedere alle opzioni di The Great Suspender cliccando la sua icona e nel menu cliccando il link "Settings"; qui come nell'esempio sopra in figura si potrà ora regolare l'opzione "Automatically suspend tabs after" per sospendere automaticamente le schede inattive dopo un minimo di 20 secondi di inutilizzo fino a un massimo di 3 giorni.

3. Extension Automation | Download
Esattamente come le schede internet, anche ogni estensione installata su Chrome consuma parte delle risorse di sistema, anche se non le si sta utilizzando.

Extension Automation è stato sviluppato per rimediare a tale problema. Il suo compito infatti è di consentire l'esecuzione delle estensioni solo su i siti internet sui quali possono effettivamente interagire.

Ad esempio è inutile che un'estensione che serve a scaricare video da YouTube resti attiva anche su altri siti web diversi da YouTube sui quali non può funzionare, consumando così inutilmente le risorse di sistema. Con Extension Automation è dunque possibile limitare a specifici siti web le estensioni installate su Chrome.
Extension Automation estensione Chrome
Una volta installato Extension Automation, come nell'esempio sopra in figura, si deve cliccare la sua icona e nella finestra delle impostazioni in "I want to Enable/Disable the extension" dopo aver selezionato l'opzione "Enable" per consentire oppure l'opzione "Disable" per impedire, si deve espandere il menu a tendina sottostante e qui indicare fra quelle installate l'estensione che si desidera configurare; infine nel campo di inserimento "for web addresses with" si deve incollare l'indirizzo del sito internet sul quale, e solo sul quale, quell'estensione deve "Enable" o non deve "Disable" funzionare. Ripetere la stessa procedura per tutte le estensioni di proprio interesse.

Se si desidera vedere gli effetti apportati da tali estensioni al browser, è possibile richiamare il Task Manager interno di Chrome (da Menu > Altri strumenti) e qui verificare il consumo di risorse di sistema con prima disattivati e poi attivati questi tre componenti aggiuntivi.

LEGGI ANCHE: Firefox e Chrome sapere quali schede stanno consumando più memoria e CPU

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…