Passa ai contenuti principali

Scaricare e installare Chrome e Firefox a 64-bit su Windows

Sapere se Chrome e Firefox sono a 64 bit o a 32 bit e come scaricare e installare la versione a 64 bit dei due browser internet
Seppur il computer Windows sia a 64 bit non è detto che anche il browser internet installato sia ugualmente in architettura a 64 bit; bensì è molto probabile che sul PC sia installata la versione a 32 bit del browser web.

Ma come vale per lo stesso sistema operativo anche per il browser internet  è meglio utilizzare la versione a 64 bit in quanto più sicura, più veloce e più stabile rispetto alla 32 bit.

Il problema però è che con Windows non si può ottenere automaticamente la versione a 64 bit del browser internet se per procedere al download dal sito si sta usando la versione a 32 bit. Di conseguenza si deve agire manualmente scaricando appositamente la versione a 64 bit. Vediamo come procedere.

Prima di tutto per installare la versione a 64 bit di un browser internet è necessario verificare che Windows sia a 64 bit. Per ottenere tale informazione basta portarsi in Pannello di controllo > Sistema e sicurezza > Sistema ed ecco che come nell'esempio sotto in figura:
Windows informazioni tipo sistema 64 bit o 32 bit
ciò è riportato nella riga "Tipo sistema" (se la dicitura 64 bit non è riportata allora Windows è a 32 bit). Su Windows 10 questa informazione è raggiungibile anche da Impostazioni > Sistema > Informazioni su.

LEGGI ANCHE: Come sapere se il PC è a 32 o 64 bit e se il processore 32 bit supporta Windows a 64 bit

Stabilito ciò non resta che scaricare la versione a 64 bit del browser internet. Per quanto riguarda Google Chrome, la cui versione a 64 bit è disponibile dal 2014, per sapere se si sta usando la versione a 32-bit o a 64-bit basterà cliccare Menu > Guida > Informazioni su Google Chrome e qui come nell'esempio sotto in figura:
Chrome scheda informazioni versione installata
verificare se è riportata la dicitura "(64-bit)", in caso contrario è in esecuzione la versione a 32-bit del browser.

Per scaricare la versione a 64-bit ci si deve portare sulla pagina di download e qui come nell'esempio sotto in figura:
Chrome pagina di download versione 64 bit
se sotto il pulsante "Scarica Chrome" non è riportata la dicitura "Per Windows 10/8.1/8/7 64-bit" significa che si sta attualmente utilizzando la versione a 32 bit, dunque cliccare il link sottostante "Scarica Chrome per un'altra piattaforma" e nel popup delle opzioni di download che comparirà sullo schermo cliccare il link "Windows 10/8.1/8/7 64-bit" per scaricare la versione di Chrome a 64-bit, pronta da installare sopra quella da 32-bit senza perdere alcun dato.

Se invece si sta utilizzando Firefox, la cui versione a 64 bit è disponibile dal 2015, per sapere se si sta usando la versione a 32-bit o a 64-bit, come nell'esempio sotto in figura:
Firefox popup informazioni versione installata
nella barra dei menu cliccare Aiuto > Informazioni su Firefox e verificare se la dicitura "(64 bit)" viene riportata; diversamente si sta usando la versione a 32 bit.

Per scaricare la versione a 64 bit di Firefox, collegati con la pagina di download, come nell'esempio sotto in figura:
Firefox pagina di download versione 64 bit
sotto al pulsante "Download gratuito" cliccare il link "Firefox per altre piattaforme" quindi nel popup delle opzioni di download che verrà visualizzato fare un clic sul link "Windows 64-bit". Anche in questo caso la versione a 32-bit verrà rimpiazzata da Firefox a 64 bit senza però perdere alcun dato.

Circa gli altri browser internet come Internet Explorer e Microsoft Edge è bene sapere che il primo di default su i computer a 64 bit è disponibile sia in versione a 32-bit (l'eseguibile iexplore.exe che si trova sotto la cartella Discolo locale > Programmi (x86) che a 64-bit (l'eseguibile iexplore.exe che si trova sotto la cartella Discolo locale > Programmi) e che all'occorrenza la versione a 64-bit può essere scaricata da questa pagina del sito Microsoft.

Invece Microsoft Edge, il browser web preinstallato su Windows 10, è sempre e solamente a 64 bit se la versione di Windows installata è a 64 bit, dunque non ci si deve preoccupare in tal senso.

LEGGI ANCHE: Come cambiare la cartella Download dei file scaricati con Firefox, Chrome, Internet Explorer, Edge

Commenti

  1. Ottimo consiglio, le versioni 64 bit dei software sono più sicure e di solito più veloci.
    Anche se, in realtà, esistono versioni di Firefox 64 Bit da ben prima del 2015, ad esempio Waterfox e Cyberfox (quest'ultimo ottimizzato addirittura per chip, Intel o AMD).

    RispondiElimina
  2. Ciaoo Vinnie volevo dirti grazie. Io sono a 64bit però Firefox era a 32 e quindi ho installato il 64 e sinceramente va più veloce. Ho messo come al solito due tuoi articoli su whatsapp che ho trovato molto interessanti quello delle spunte è oggi. Grazie ancora e buona Pasqua a te e famiglia. Un abbraccio.
    (Anche i miei lettori si sono abituati a dirmi nei commenti...passiamo da Vinnie :) :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige, grazie a te e Buona Pasqua a te e famiglia ;)

      Elimina
    2. Vinnie, oggi ho fatto aggiornamento Java ma mi dice che ci sono problemi essendo Firefox a 64bit. Io non ci capisco molto in questo senso e mi permetto di metterti il link dove dicono no va bene. Mi puoi aiutare.. Grazie infinite e buon 25 aprile.
      https://java.com/it/download/help/firefox_java.xml

      Elimina
    3. Ciao Edvige, scusa del ritardo ma ero fuori sede. Si Firefox non supporta più i plugin come Java e Silverlight dunque non c'è più biosgno di aggiornare il plugin.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…