Passa ai contenuti principali

Windows 10 disattivare richiesta password dalla sospensione del PC

Come disattivare la richiesta della password dell'account utente quando si torna a usare il computer Windows 10 dopo la sospensione
Per impostazione predefinita il computer Windows quando non è utilizzato per un tot di tempo entra in automatico in modalità di sospensione e alla successiva riattivazione per continuare a usare il PC verrà richiesto di digitare la password dell'account utente.

Una caratteristica di sicurezza utile che appunto serve a proteggere l'account utente in questione qualora per qualche ragione ci si è allontanati dalla postazione lasciando il PC alla portata di altre eventuali persone presenti li intorno.

Caratteristica però che alla lunga invece potrebbe risultare fastidiosa se a utilizzare il computer si è soli e i soli, specialmente se durante il giorno capita spesso di doversi allontanare dalla postazione il tempo necessario affinché scatti la sospensione del PC che ogni volta alla riattivazione chiede l'immissione della password per accedere all'account.

A tale proposito abbiamo già visto come disattivare la richiesta della password alla riattivazione di Windows dalla modalità standby su Windows 7, 8, 8.1 e nelle prime due versioni di Windows 10 agendo dal Pannello di controllo.

Ma su Windows 10 Anniversary Update l'impostazione per disattivare la richiesta della password alla riattivazione del PC dopo la sospensione adesso non si trova più nel Pannello di controllo bensì nella nuova finestra delle Impostazioni.
Windows 10 disattivare richiesta password riattivazione PC dopo la sospensione
Dunque come nell'esempio sopra in figura se si preferisce non digitare la password dopo la sospensione del computer bensì tornare subito al desktop di Windows, portarsi in menu Start > Impostazioni > Account > Opzioni di accesso e a destra della finestra nella sezione "Richiedi l'accesso" espandere il menu a tendina delle opzioni e qui selezionare l'opzione "Mai" dell'impostazione "Dopo un periodo si assenza, quando vuoi che Windows ti richieda di eseguire nuovamente l'accesso?" piuttosto che la predefinita "Alla riattivazione del PC dopo la sospensione".

La modifica avrà effetto immediato, ovvero riattivando il computer dopo la sospensione adesso non verrà richiesta la password di accesso all'account utente.

Voglio ricordare che all'occorrenza è possibile cambiare il tempo dopo il quale in automatico il computer entra in modalità di sospensione.
Windows modificare tempistica di sospensione del computer
Per fare ciò, come nell'esempio sopra in figura, portarsi in Pannello di controllo > Hardware e suoni > Opzioni risparmio energia > Modifica impostazioni combinazione e qui sia per l'alimentazione a batteria che da rete elettrica del PC è ora possibile indicare un altro valore di tempo per la sospensione rispetto a quello predefinito e volendo si può anche disattivare la sospensione settandola su "Mai" (sconsigliato su i computer portatili a fini del risparmio energetico se alimentati dalla sola batteria). Confermare e applicare le modifiche cliccando il pulsante "Salva cambiamenti".

LEGGI ANCHE: Accedere a Windows 10 senza digitare la password ma in automatico

Commenti

  1. non è vero : il 'mai' NON FUNZIONA e non c'è neanche il pulsante 'salva cambiamenti'.
    fake

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché fake? Si vede bene in figura l'opzione "mai". Piuttosto che scaldarti inutilmente, documenta meglio la situazione indicando magari anche la versione di Windows in uso.

      Elimina
  2. Nel mio caso windows 10 va in sospensione dopo 3 minuti anche se nei settaggi ho impostato qualsiasi altro valore (default 30 minuti)
    Qualcuno ha una soluzione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è qualcosa che non va allora. Prova a disattivare lo screensaver.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…