Passa ai contenuti principali

WhatsApp attivare la verifica in due passaggi per proteggere il numero di telefono

Come attivare la verifica in due passaggi su WhatsApp per proteggere il numero di telefono da future registrazioni non volute o autorizzate
In seguito al cambio di cellulare oppure alla disinstallazione e reinstallazione dell'applicazione o ancora in caso di cancellazione dei dati di accesso all'app, per poter accedere nuovamente al proprio account WhatsApp e annessi dati basta soltanto ripetere la registrazione del proprio numero di telefono e attendere che venga verificato tramite apposito codice (procedura rapida e automatica).

Metodo di autenticazione perciò abbastanza facile da superare per chiunque si impossessi del telefonino di un'altra persona e/o qualora il numero di cellulare venga riciclato dall'operatore di telefonia mobile; figurarsi per i malintenzionati di mestiere che sanno come muoversi con SIM clonate o rubate.

Bene, per evitare situazioni di questo tipo su WhatsApp è stata appena introdotta la "Verifica in due passaggi" ovvero una nuova funzione aggiuntiva di sicurezza che in fase di re-registrazione dopo la normale verifica del numero di telefono protegge l'accesso all'account con un codice di sei cifre che serve appunto ad attestare che la persona in questione è il vero proprietario dell'account (ovviamente dando per scontato che si è gli unici a conoscere quel codice di sei cifre).

Come attivare la verifica in due passaggi su WhatsApp
Avviata l'applicazione aprire il menu e qui portarsi in Impostazioni > Account > Verifica in due passaggi. Come nell'esempio sotto in figura:
WhatsApp attivare verifica in due passaggi
nella schermata iniziale dello strumento di configurazione di tale protezione toccare il tasto "Attiva" per dare inizio alla procedura.

A seguire in ordine digitare un codice di accesso a sei cifre che servirà a proteggere il numero di telefono in fase di registrazione a WhatsApp, successivamente e facoltativamente digitare un indirizzo email valido di recupero del codice a sei cifre appena indicato qualora lo si dimenticasse.

NOTA: Tenere in considerazione che se ci si dimentica il codice di accesso e non si è fornita l'email di recupero, l'account WhatsApp verrà bloccato per 7 giorni di conseguenza non potrà essere verificato e dunque non vi ci si potrà accedere prima di una settimana. Passati i 7 giorni sarà nuovamente possibile verificare nuovamente il numero senza il codice di accesso,  ma come conseguenza si perderanno tutti i messaggi in attesa i quali infatti verranno eliminati. Se il numero verrà nuovamente verificato dopo 30 giorni dall'ultimo utilizzo dell'app senza il codice di accesso, l'account allora verrà eliminato e ne verrà creato uno nuovo dopo la classica verifica.

Finito. Adesso la verifica in due passaggi è stata attivata correttamente. Da ora in avanti quando si dovrà ri-registrare nuovamente su WhatsApp quel numero di telefono per accedere al proprio account verrà prima richiesto il codice di accesso a sei cifre, diversamente non sarà possibile procedere.
WhatsApp gestire Verifica in due passaggi
Come nell'esempio sopra in figura in ogni momento portandosi in Menu > Impostazioni > Account > Verifica in due passaggi si ha la possibilità di disattivare la verifica in due passaggi, cambiare il codice di accesso e/o aggiungere o modificare l'indirizzo email di recupero.

LEGGI ANCHE: WhatsApp trucchi e funzioni da conoscere per usarlo al meglio

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…