Passa ai contenuti principali

Dove sono gli sfondi di Windows 10, 8, 7 sul PC

Dove trovare gli sfondi sul PC dei temi di Windows per copiare le foto
Fra le altre cose i sistemi operativi Windows a partire da Windows Millennium sono sempre stati caratterizzati dagli sfondi per il desktop predefiniti inseriti dalla Microsoft.

Comparto che edizione dopo edizione è stato di volta in volta migliorato fino all'introduzione in Windows Vista e successivi della sezione "Personalizzazione" attraverso la quale è appunto possibile cambiare sfondo del desktop scegliendo fra le sempre più numerose e belle immagini disponibili di default.

Pacchetti di sfondi che cambiano in base alla versione di Windows in uso; ovvero ogni edizione del sistema operativo ha il suo esclusivo pacchetto di sfondi ed ecco perché su Windows 7 non ci sono le foto di Windows Vista, 8 e 10 e viceversa.

Dunque se si sta prendendo in considerazione di passare a una differente versione di Windows e sulla nuova installazione si vorrebbe portare il pacchetto di sfondi della vecchia versione del sistema operativo a seguire andiamo a vedere come fare.

Infatti gli sfondi per il desktop predefiniti di Windows non si trovano sotto la cartella "Immagini" bensì all'interno di un'altra directory dedicata che non tutti conoscono.

La cartella in questione dove si trovano tutti gli sfondi per il desktop di ogni tema di Windows si chiama "Web" e si raggiunge seguendo il percorso Risorse del computer > Disco locale (C:) > Windows > Web.
Sfondi temi Windows cartella Web Wallpaper
Ed ecco che come si può vedere nell'esempio sopra in figura al suo interno c'è la cartella "Wallpaper" la quale a sua volta contiene le sottocartelle di ogni tema Windows dentro le quali sono disponibili i rispettivi sfondi per il desktop pronti da copiare su una chiavetta USB per aggiungerli poi a un'altra edizione di Windows.

Nel caso in cui nella cartella "Wallpaper" non dovesse esserci il pacchetto d sfondi di un tema Windows (a me è capitato su Windows 7 con gli sfondi del pacchetto "Italia") si deve allora cercare all'interno della directory "Globalization" che si trova sotto Risorse del computer > Disco locale (C:) > Windows > Globalization.

Dopo aver aperto la cartella "Globalization" nella barra dei menu della finestra cliccare Strumenti > Opzioni cartella > Visualizzazione e qui attivare l'opzione "Visualizza cartelle, file e unità nascosti" dunque confermare cliccando i pulsanti Applica e OK.

Adesso nella cartella "Globalization" dovrebbe essere visibile la cartella "MCT". Aprirla e a seguire aprire la sottocartella "MCT-IT" ed ecco che al suo interno ci sarà la cartella del pacchetto di sfondi mancanti nella directory Web > Wallpaper (il pacchetto "Italia" nel mio caso):
Sfondi tema Windows nella cartella Globalization
Anche qui non resta che selezionare tutte le immagini di proprio interesse e copiarle su una unità di memoria esterna per poi trasferirle sull'altro PC.

Voglio ricordare che dal sito della Microsoft è possibile scaricare tanti altri pacchetti sfondi desktop per il PC agendo dalla sezione Temi e Sfondi del sito. Inoltre per gli amanti delle belle immagini da usare come sfondo del desktop abbiamo già visto anche come scaricare tutti gli sfondi di Bing il motore di ricerca di Microsoft caratterizzato ogni giorno da bellissime foto.

Commenti

  1. Ok, mi è stato molto utile, Grazie da Enry

    RispondiElimina
  2. Salve a tutti, io vorrei sapere dove vengono memorizzati gli sfondi che metto io col tasto destro del mouse...vengono memorizzati da qualche parte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In che senso che metti col tasto destro del mouse? Spiega bene tutti i passaggi dal principio.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…