Passa ai contenuti principali

Creare una cartella che non può essere eliminata (Windows)

Trucco Windows per creare cartelle impossibili da eliminare
Per mettere in sicurezza da accessi non autorizzati i file e le cartelle su Windows sono disponibili varie risorse come ad esempio le già recensite Fort, DiskCryptor, SafeHouse e altri ancora.

C'è poi un metodo più geek, che andremo ora a vedere, con il quale su Windows è possibile creare cartelle impossibili da eliminare sia volontariamente che in modo accidentale.

Più nello specifico su i sistemi operativi Windows non è possibile creare cartelle con i seguenti nomi CON, PRN, AUX, NUL, COM1, COM2, COM3, COM4, COM5, COM6, COM7, COM8, COM9, LPT1, LPT2, LPT3, LPT4, LPT5, LPT6, LPT7, LPT8, e LPT9 in quanto utilizzati internamente dal sistema operativo e perciò riservati e che fanno riferimento a precisi dispositivi, ad esempio CON per la CONSOLE, PRN per la stampante, LPT per le porte parallele e via dicendo.

Ma con un trucco è comunque possibile forzare la creazione di tali cartelle e dato che fanno uso di nomi (o meglio sigle) riservati, una volta create non si potranno eliminare con i classici metodi noti, bensì soltanto con un apposito comando dal promt. Vediamo come procedere.

1. Aprire il prompt dei comandi come amministratore (su Windows 7 aprire il menu Start, nel campo di ricerca digitare cmd, nel rispettivo risultato di ricerca ottenuto fare sopra un clic destro di mouse e nel menu contestuale cliccare l'opzione "Esegui come amministratore"; su Windows 8, 8.1 e 10 premere la combinazione dei due tasti Windows+X e nel menu che verrà visualizzato cliccare l'opzione "Prompt dei comandi (amministratore)").
Prompt dei comandi Windows creare cartella riservata
2. Nel prompt dei comandi incollare e inviare il comando md \\.\\"C:\Users\Vinnie\Desktop\aux" sostituendo la parte C:\Users\Vinnie\Desktop con il percorso nel quale si desidera creare tale cartella (nel mio caso sul Desktop ma volendo la si può creare in un'altra cartella o unità di memoria come la chiavetta USB o hard disk esterno o partizione del disco locale purché si indichi il percorso) e all'occorrenza sostituendo anche la sigla aux con COM1, COM2, CON, LPT1, LPT2, LPT3 ecc (vedi i nomi riservati elencati a inizio articolo).

NOTA: Non è possibile creare una cartella riservata di questo tipo nella directory principale C:.

Come si avrà modo di notare ecco che nel percorso indicato verrà così creata la cartella riservata in questione che è impossibile rinominare, modificare e soprattutto cancellare dal computer (vedi esempio sotto in figura della notifica di errore che verrà restituita quando si tenta di eliminarla):
Windows cartella riservata non eliminabile
Come detto in apertura in realtà la cartella può essere eliminata ma agendo sempre dal prompt con un apposito comando; vediamo come.

NOTA: Affinché la cartella possa essere eliminata è necessario che sia vuota, ovvero che al suo interno non vi sia alcun file.

Aprire il prompt dei comandi come amministratore e questa volta incollare e inviare il comando rd \\.\\"C:\Users\Vinnie\Desktop\aux" anche qui rimpiazzando la parte C:\Users\Vinnie\Desktop e aux con il percorso e la sigla che si è utilizzato. Ecco che la cartella riservata è stata così eliminata.

Tenere in considerazione che seppur questo trucco possa in qualche modo affascinare, in realtà non è un valido sistema per tenere in sicurezza i dati in quanto è vero che la cartella non può essere eliminata con i classici metodi, ma d'altra parte i file contenuti al suo interno possono invece essere cancellati con facilità alla classica maniera.

LEGGI ANCHE: Come impedire che un file o una cartella venga cancellato dal PC

Commenti

  1. Senza contare che con una chiavetta linux live si può cancellare non solo la cartella ma l'intero sistema windows, e con pochi clic. Oppure ripristinarlo.
    Ma questa è un altra storia ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…