Passa ai contenuti principali

Come ricaricare il cellulare dal portatile con coperchio chiuso

Trucco per ricaricare il cellulare anche se il coperchio del portatile è chiuso o il computer è in stato di sospensione
Per evitare di ritrovarsi con la batteria dello smartphone quasi scarica proprio quando si ha necessità del telefono, in via preventiva è bene attuare alcuni stratagemmi come quelli consigliati qui per Android e qui per iOS.

Ad ogni modo se si ha necessità di ricaricare la batteria del cellulare le soluzioni sono due: o lo si collega alla presa elettrica a muro oppure a un dispositivo elettronico dotato di porta USB ad esempio il computer desktop o il portatile (notebook e netbook).

In quest'ultimo caso di collegamento dello smartphone al portatile si avrà pero sicuramente avuto modo di notare che il telefono viene ricaricato soltanto quando il computer è attivo ma non quando è in stato di sospensione e/o con il coperchio chiuso.

Si tratta di un'impostazione di sistema predefinita che ha lo scopo di preservare la carica della batteria del portatile quando non viene utilizzato e perciò quando si trova in questo stato in automatico interrompe il passaggio di energia al cellulare collegato (e a qualsiasi altro dispositivo elettronico).

Si potrebbe dunque prendere in considerazione di disattivare la sospensione del portatile quando non lo si utilizza, ma se il portatile non è collegato alla presa elettrica così facendo la sua stessa batteria andrebbe a scaricarsi più rapidamente e di conseguenza la ricarica del cellulare sarà insufficiente.

LEGGI ANCHE: Trucco per aumentare la durata della batteria del portatile di alcuni minuti

Ecco allora che torna utile il trucco che andremo ora  a vedere e che in maniera semplice permette di ricaricare il cellulare dal portatile anche quando il coperchio di quest'ultimo è chiuso e/o comunque quando il computer e in stato di sospensione.

1. Portarsi in Pannello di controllo > Sistema e sicurezza > Sistema e nel menu a colonna a sinistra cliccare il link "Gestione dispositivi".

2. Nella finestra "Gestione dispositivi" che a seguire verrà visualizzata, nella lista individuare ed espandere la voce "Controller USB (Universal Serial Bus) e come nell'esempio sotto in figura:
Windows Gestione dispositivi aprire proprietà Hub radice USB
procedendo una alla volta, su ogni "Hub radice USB" fare un clic destro di mouse e nel menu contestuale cliccare la voce "Proprietà".

3. Nella finestra "Proprietà - Hub radice USB" che verrà visualizzata portarsi nella scheda "Risparmio energia" e qui come nell'esempio sotto in figura:
Windows disattivare opzione Consenti computer spegnere dispositivo
deselezionare la casella di controllo dell'opzione "Consenti al computer di spegnere il dispositivo per risparmiare energia" per disattivarla. Confermare cliccando il pulsante OK e ripetere la procedura con tutte le altre voci "Hub radice USB".

Finito. Da ora in avanti il computer portatile anche se in stato di sospensione e/o con il coperchio chiuso ricaricherà comunque la batteria del cellulare.

NOTA: Qualora nonostante il trucco appena descritto non si dovesse sortire alcun effetto, allora è probabile che tale impostazione sul proprio portatile vada gestita dal BIOS. Dunque riavviare il computer, entrare nel BIOS e nella scheda "Advance Settings" (o simile) cercare l'impostazione "USB wake support" (o simile) e attivarla (su "Enabled"); salvare le modifiche apportate e riavviare il computer, quindi verificare se adesso il trucco funziona.

Infine per ricaricare più velocemente la batteria del cellulare quando è collegato via USB al computer portatile, attuare questi suggerimenti quando possibile:

- Spegnere lo smartphone oppure metterlo in modalità "Aereo" o "Offline" in maniera tale che tutta la parte internet e radio del dispositivo venga disattivata favorendo così un più veloce assorbimento di energia;

- Se è disponibile, nel portatile collegare lo smartphone a una porta USB 3.0 piuttosto che 2.0 o peggio 1.0 in quanto anche in questo caso seppur di poco, la ricarica della batteria dovrebbe essere più veloce.

LEGGI ANCHE: Durata di vita della batteria dei cellulari, tablet e computer portatili: consigli utili

Commenti

  1. Sul lavoro ho lasciato un cavetto USB<->microUSB anche per ricaricare il telefonone, è più comodo che portarsi il caricabatteria e, sopratutto, trovare una presa elettrica libera.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…