Passa ai contenuti principali

Come disattivare gli aggiornamenti di Windows 10 automatici

Quattro modi di disattivare gli aggiornamenti automatici di Windows 10
Seppur Windows 10 sia uno dei sistemi operativi desktop migliori di sempre e nonostante il continuo e crescente successo che in neanche un anno dal lancio lo ha portato a essere il secondo SO più diffuso al mondo (dati di Aprile 2016), a tanti utenti fa ancora storcere il naso la politica adottata da Microsoft che per impostazione predefinita, ai fini della sicurezza, ha imposto gli aggiornamenti automatici senza dare possibilità all'utente di decidere e/o entrare in merito in alcun modo costringendolo di conseguenza ad attuare appositi stratagemmi per raggiungere comunque lo scopo.

Infatti seppur non riportati nelle linee guida ufficiali, su Windows 10 è possibile disattivare gli aggiornamenti automatici in maniera non convenzionale ma comunque efficace. Nello specifico a seguire andremo a vedere quattro differenti metodi per bloccare gli aggiornamenti automatici in Windows 10.

I metodo - Ricevere notifica aggiornamenti disponibili e decidere se scaricarli e installarli (per Windows 10 Pro)
Questo metodo, che abbiamo già visto nel dettaglio con tanto di guida illustrata, è la migliore soluzione da adottare su Windows 10 Pro (non funziona su Windows 10 Home).

In pratica consiste nell'attivare l'impostazione "Configura aggiornamenti automatici" agendo dall'Editor Criteri di gruppo locali e settarla sull'opzione "Avviso per download e installazione".
Editor Criteri di gruppo locali Configura aggiornamenti automatici Windows 10
Così facendo da ora in avanti Windows 10 non scaricherà e installerà più gli aggiornamenti automaticamente bensì visualizzerà una notifica desktop da parte di Windows Update non appena saranno disponibili nuovi aggiornamenti e sarà l'utente a decidere (cliccando il pulsante "Download" in Windows Update) quando scaricarli e installarli.

II metodo - Impostare la connessione a consumo (per Windows 10 Pro e Home)
Questo trucco funziona sia sull'edizione Pro che Home di Windows 10. Come su smartphone e tablet anche su Windows 10 gli aggiornamenti non vengono scaricati se si è connessi a internet in modalità dati in quanto essendo gli update di elevate dimensioni potrebbero incidere pesantemente sul traffico dati disponibile sulle connessioni a consumo.
Windows 10 opzione imposta come connessione a consumo
Preso atto di ciò, come nell'esempio sopra in figura, per disattivare gli aggiornamenti automatici di Windows 10 non resta che portarsi in Start > Impostazioni > Wi-Fi > Opzioni avanzate e qui attivare l'interruttore "Imposta come connessione a consumo".

Da ora in avanti il sistema operativo notificherà soltanto la presenza di nuovi aggiornamenti ma non li scaricherà e dunque non li installerà in automatico.

LEGGI ANCHE: Come ridurre il consumo traffico dati su Windows 10

III metodo - Bloccare specifici aggiornamenti automatici (per Windows 10 Pro e Home)
Se invece l'intenzione è quella di disattivare soltanto specifici aggiornamenti automatici di Windows 10, magari perché stanno causando problemi a livello driver e/o comunque conflitti e problematiche a livello software e hardware, allora tornerà utile l'apposito tool rilasciato dalla stessa Microsoft dal nome "Show or hide update" scaricabile da questa pagina e per il quale abbiamo già visto la guida all'uso illustrata.
Show or hide update selezioinare aggiornamenti Windows 10 da bloccare
Avviato lo strumento non si dovrà fare altro che indicare gli aggiornamenti di Windows 10 che si desidera disattivare, ovvero da bloccare e nascondere in maniera tale che non vengano scaricati e installati in automatico fino a quando sarà l'utente a deciderlo.

IV metodo - Disattivare Windows Update (per Windows 10 Pro e Home)
È senza ombra di dubbio il metodo più estremo e non consigliato in quanto disattiva completamente Windows Update, ovvero il computer non riceverà più alcuna notifica di aggiornamenti disponibili e di conseguenza nel tempo si utilizzerà un sistema operativo non aggiornato e dunque non protetto a livello di sicurezza.

1. Per fare ciò aprire il Task Manager di Windows 10, portarsi nella scheda "Servizi" e in basso alla finestra cliccare il link "Apri servizi".

2. Nella finestra dei "Servizi" che verrà aperta, scorrere la lista dei servizi verso il basso fino ad individuare "Windows Update" e farci sopra un doppio clic di mouse.
Finestra servizi Windows 10 disattivare Windows Update
3. Nella finestra delle proprietà del servizio Windows Update che verrà aperta, come nell'esempio sopra in figura nella scheda "Generale" espandere il menu a tendina della sezione "Tipo di avvio" e qui selezionare l'opzione "Disabilitato"; confermare cliccando i pulsanti Applica e OK.

Finito. Da ora in avanti Windows 10 non riceverà più alcun aggiornamento di sistema fino a quando non si attiverà nuovamente il servizio Windows Update.

LEGGI ANCHE: Windows 10 risolvere download aggiornamenti bloccato in Windows Update

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…