Passa ai contenuti principali

Rubate 5 milioni di password di account Gmail, scopri se il tuo è stato violato

Scoprire se il proprio account Google Gmail fa parte dei 5 milioni violati dagli hacker poche ore fa
Da circa 24 ore è trapelata in rete la notizia di un massiccio furto di password, oltre 5 milioni, associate ad altrettanti indirizzi di posta elettronica Gmail. Gli hacker responsabili del furto hanno poi pubblicato tali credenziali online.

Come Google precisa sull'Online Security Blog, l'attacco hacker non ha interessato i suoi server bensì le email Gmail trafugate sono state probabilmente rubate da altri siti web terzi hackerati su i quali le vittime disponevano di un account per il quale in fase di registrazione hanno utilizzato un indirizzo di posta Gmail. Oppure il furto si potrebbe anche imputare all'azione da parte di malware o di tecniche di phishing che hanno permesso ai cybercriminali di sottrarre tali credenziali.

LEGGI ANCHE: Come riconoscere le email di phishing per non cascare nella truffa

Come scoprire se il proprio account è stato violato?
Dato che 5 milioni di account sono davvero tanti, per ovvie ragioni di sicurezza è bene verificare se anche se la nostra email rientra tra quelle degli account violati per correre eventualmente subito ai ripari. In tal senso da questo link MEGA è possibile scaricare una versione in formato .txt del database degli account rubati (per motivi di privacy riporta solo gli indirizzi email Gmail senza le password associate). Aperto il documento di testo premere la combinazione dei due tasti Ctrl+T (oppure nella barra dei menu cliccare Modifica > Trova) per aprire lo strumento di ricerca nel quale digitare la propria email Gmail e verificare se si trova nella lista, come nell'esempio sotto in figura:
Se l'email non si trova nel database significa dunque che il proprio account non è stato hackerato. Ma per essere certi al 100% si potrebbe prendere in considerazione di effettuare un doppio controllo utilizzando stavolta questo apposito strumento online messo a disposizione proprio per tale scopo, nel quale come nell'esempio sotto in figura:
una volta inserita la propria email nel campo "Check Your Gmail" e cliccato "Search" si verrà informati se l'indirizzo di posta elettronica inserito fa parte degli account rubati. Data l'elevata mole di richieste delle ultime ore, il servizio potrebbe risultare essere lento o non funzionate, in tal caso ritentare aggiornando la pagina.

Inoltre per vedere se il proprio account Google è stato utilizzato nell'ultimo periodo da altre persone, si può utilizzare il servizio "La tua attività recente" di Google, raggiungibile a questo indirizzo, il quale in lista elenca tutti gli accessi effettuati al proprio account riportando per ognuno di essi la data, l'ora e la città dalla quale è stato effettuato l'accesso.

LEGGI ANCHE: Google Attività recenti, vedere la cronologia degli accessi all’account

Come comportarsi se il proprio account è stato violato?
Nello sfortunato caso in cui il proprio account è stato hackerato è bene ricorrere subito ai ripari procedendo come segue:

1. Accedere alla pagina di "Sicurezza" Google, raggiungibile a questo indirizzo.
2. Nell'area "Password" cliccare il link "Cambia password".
3. Dunque cambiare la vecchia password con una nuova, non facile da indovinare, lunga almeno 13 caratteri e composta da numeri, lettere maiuscole e minuscole, simboli. Oltre che per l'account Google sarebbe bene provvedere con il cambio della password di tutti gli altri eventuali account per i quali si è utilizzata l'email Gmail violata.

Per rinforzare la sicurezza del proprio account Google prendere inoltre in considerazione di attivare la verifica in due passaggi con la quale per poter accedere, oltre che a digitare la password si dovrà immettere anche il codice di verifica che verrà inviato per SMS al proprio cellulare.

LEGGI ANCHE: 10 link importanti che ogni utente Google dovrebbe conoscere

Commenti

  1. Grazie se non fosse stato per te non avrei saputo come fare..Buon lavoro e giornata

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Windows 10 October 2018 Update risolto il problema che cancellava i file con l'aggiornamento

Lo scorso 5 ottobre Microsoft ha interrotto la distribuzione di Windows 10 October 2018 Update iniziata ufficialmente tre giorni prima, in quanto dopo l'aggiornamento su alcuni computer (solo sullo 0.001% delle installazioni) venivano cancellati file personali contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download ecc.

Ma ieri con un post sul blog ufficiale di Windows è stato annunciato che gli ingeneri hanno identificato e risolto tutti i problemi noti che portavano a tale perdita di dati con l'upgrade a Windows 10 versione 1809.

Qual'è stata la causa del problema? La perdita dei dati ha interessato i file contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download e via dicendo, reindirizzate in un percorso di destinazione diverso da quello predefinito (es. C\Users\NomeUtente\Documents); soluzione che alcuni adottano per risparmiare spazio sul disco di sistema archiviando, con il reindirizzamento delle cartelle, tali file su altre unità di memori…

Vedere il consumo elettrico dei programmi nel Task Manager di Windows 10

A partire dall'aggiornamento October 2018 Update, il Task Manager di Windows 10 ora mostra il consumo elettrico da parte dei programmi in esecuzione.

In questo modo è possibile individuare rapidamente i processi degli applicativi che incidono maggiormente a livello energetico quando il computer portatile è alimentato dalla solo batteria, e in base a tali informazioni decidere se terminare o meno i programmi più dispendiosi in questo senso, soprattutto se sono in esecuzione in background.

Per prima cosa è necessario aprire il Task Manager facendo un clic destro sulla barra delle applicazioni e qui nel menu contestuale cliccando la voce "Gestione attività"; oppure ci si può servire direttamente della combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc.

LEGGI ANCHE: Cosa si può fare con il Task Manager di Windows 10

Qualora il Task Manager venisse eseguito in un piccola finestra, allora qui nell'angolo in basso a sinistra cliccare il link "Più dettagli" per visualizzare…