Passa ai contenuti principali

Apple rilascia la guida per passare da Android a iPhone

Apple pubblica online la sua guida che spiega come passare dal cellulare Android a iPhone importando i vari contenuti
Gli smartphone Android, nonostante la forte presenza sul mercato dell'iPhone, hanno riscosso comunque  notevole successo non solo per la varietà di prezzi e modelli, ma anche per il fatto che tra i due OS i cellulari con installato il sistema operativo del robottino verde fino a qualche giorno fa rispetto al telefono di Apple erano gli unici ad offrire dispositivi con schermo grande anche sopra i 4 pollici.

Ma con la recente uscita dei due nuovi modelli iPhone 6 Plus e iPhone 6 con display rispettivamente da 5,5 e 4,7 pollici, Apple intende conquistare anche quella fetta di utenza che ha scelto di acquistare uno smartphone Android per via dello schermo più grande rispetto a quello dell'iPhone che infatti fino al modello 5S era di soli 4 pollici.

LEGGI ANCHE: Differenze tra iPhone 6 Plus, iPhone 6 e iPhone 5S

Forte di questa convinzione, di recente Apple ha così pubblicato online a questo indirizzo una guida ufficiale per passare da Android a iPhone spiegando e illustrando i passaggi e gli strumenti per spostare dal cellulare Android all'iPhone foto, musica, video, documenti, email, contatti, documenti, libri e PDF.
In via generale Apple nella sua guida propone all'utente più di un suggerimento per passare da Android a iPhone al fine dell'importazione dei contenuti.Più nello specifico:

Per le Email, Contatti e Calendari - Spiega come aggiungere account di posta elettronica; oppure per importare sull'iPhone i contatti e i calendari salvati sul cellulare Android consiglia l'utilizzo di app come Copy My Data e AT&T Mobile Transfer; oppure se i contatti sono memorizzati su social media come Facebook, Twitter, o Weibo, spiega come procedere con l'importazione agendo dalla stesse omonime app.

Per le Foto e Video - Consiglia l'utilizzo delle app Copy My Data e/o AT&T Mobile Transfer; oppure l'utilizzo del programma ufficiale iTunes sul computer, sia esso un Windows o un Mac.

Per la Musica - Spiega come fare ad importare la musica da Android a iPhone utilizzando sul computer il programma iTunes; oppure se si ascolta la musica in streaming da servizi come Pandora o Beats Music suggerisce l'installazione di tali app sull'iPhone così da avere subito i brani a propria disposizione senza dover importare niente, bensì faendo il login con il proprio account.

Per i Libri e PDF - Spiega come importarli da Android, tramite il computer, a iPhone; oppure come procedere se si è scaricato gli eBook tramite Kindle, Nook, o Google Play Books agendo tramite omonime app senza dover importare nulla.

Per i Documenti - Spiega come importarli tramite l'utilizzo su iPhone delle app Pages, Keynote e Numbers e del servizio iCloud.

Per le Applicazioni - Purtroppo non c'è modo di importare le app da Android a iPhone comprese quelle che si è acquistato, le quali difatti andranno perdute. Ad ogni modo su iTunes Store è possibile trovare la stragrande maggioranza delle app presenti nel Google Play di Android siano essi giochi, utility, mappe, social e quant'altro ancora.

LEGGI ANCHE: Utili applicazioni gratis Android e iPhone per viaggiare in altre città e nazioni e Lista di oltre 60 giochi gratis per iPhone, iPad e iPod Touch

Commenti

  1. E io ti rilascio la guida per passare da windows ad android... sul PC.
    Esiste il progetto Android x86 ,un immagine iso scaricabile da Souceforge, poi montabile su chiavetta usb (vuota) con UNetbootin. Dopo il reboot (con F12 scelgi l'avvio da chiavetta) hai Android 4.4 che gira su computer senza neanche avviare il disco fisso. Geniale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ti ringrazio per avermelo ricordato, perché l'avevo dimenticato nella scaletta (che è lunghissima al contrario della mia memoria) ;)

      Elimina
  2. Ultima news, grazie a un utente dei androidiani (skopje), ho reso persistente android su chiavetta, cioè mi salva in automatico preferiti, user data e app scaricate.
    Ho usato il programmino Toporesize, creando una cartella "data.img" di circa 1800 MB, e copiandola sulla chiavetta. Ora ho un sistema operativo completo su USB, dal quale sto scrivendo ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…