Passa ai contenuti principali

Creare una partizione di ripristino da usare anche se Windows non si avvia (XP, Vista, 7, 8 e 8.1)

Creare un partizione di ripristino di Windows per riportarlo a uno stato precedente anche se non si avvia all'accensione del PC
Alcuni computer portatili vengono forniti con un'apposito programma preinstallato per fare il ripristino del sistema operativo a uno stato precedente o a quello di fabbrica, nel caso in cui ci fossero errori che ne impediscono il corretto utilizzo.

Ma cosa succederebbe se il proprio portatile o computer da tavolo fosse sprovvisto di tale funzionalità? E se il sistema operativo non si avvia all'accensione del PC? Per evitare di ritrovarsi in queste spiacevoli situazioni e venirne fuori in modo facile può tornare particolarmente utile il programma gratis AOMEI OneKey Recovery Free Edition.

Con AOMEI OneKey Recovery, che funziona su Windows XP, Vista, 7, 8, 8.1 e 10 è infatti possibile creare una partizione di ripristino da usare in situazioni di emergenza per riportare il sistema operativo a uno stato precedente oppure per far caricare comunque Windows nel caso in cui non riesce ad avviarsi autonomamente all'accensione del computer magari in seguito a danni e problemi seri come il fallimento della sequenza di Boot o di sistema operativo non trovato. Il tutto in maniera piuttosto semplice. Vediamo come procedere.

1. Una volta installato e avviato AOMEI OneKey Recovery (link di download a fine articolo), come nell'esempio sotto in figura:
nella prima schermata del programma cliccare l'opzione "OneKey System Backup" per lanciare il tool con il quale creare la partizione di ripristino.

2. Nella schermata successiva con un clic di mouse si dovrà selezionare una partizione del disco principale (ovvero dell'hard disk dove è installato il sistema operativo Windows, che solitamente è C) che abbia spazio sufficiente per ospitare la partizione di ripristino che AOMEI OneKey Recovery andrà poi a creare; dunque proseguire cliccando il pulsante Next (come nell'esempio sotto in figura):
N.B. Se nell'hard disk non si è provveduto a creare alcuna partizione del disco è allora necessario crearla prima di utilizzare AOMEI OneKey Recovery, in quanto oltre a essere un prerequisito del programma, la partizione di ripristino non può essere creata né nella partizione principale, né in un hard disk esterno.

LEGGI LA GUIDA: Come creare una partizione dell'hard disk con EaseUS Partition Master

3. Si arriverà così all'ultima schermata nella quale AOMEI OneKey Recovery mostra in anteprima come la partizione del disco verrà suddivisa con quella di ripristino prima "Before" e dopo "After" (come nell'esempio sotto in figura):
Come si avrà modo di notare alla partizione di ripristino non verrà assegnata alcuna lettera per evitare possibili danneggiamenti; difatti verrà tenuta nascosta e il suo nome sarà *:AOMEI Recovery Partition. Non resta che avviare la creazione di tale partizione cliccando il pulsante "Start Backup" e attendere la fine del processo che potrebbe durare diversi minuti a seconda della dimensione del backup.

Ripristinare Windows con AOMEI OneKey Recovery Free Edition
Creata la partizione di ripristino, in caso di futuri errori e/o problematiche varie che impedisocno il corretto funzionamento e utilizzo di Windows, è possibile ripristinare i sistema operativo allo stato precedente (quello in cui si trovava quando si è creata la partizione di ripristino) in due differenti modalità. Vediamo quali.

Primo metodo - Se Windows si avvia e si carica e permette di utilizzare i software installati, allora lanciare
AOMEI OneKey Recovery e nelle schermata iniziale del programma fare clic sull'opzione "OneKey System Recovery". In automatico verrà riconosciuto il backup creato in precedenza e con il quale si potrà procedere così al ripristino di Windows allo stato in cui si trovava in quel momento.

Secondo metodo - Se invece Windows non si avvia, come detto prima con AOMEI OneKey Recovery è comunque possibile ripristinare il sistema operativo anche al boot. Ovvero subito dopo aver acceso il computer si dovrà premere il tasto "A" per richiamare l'ambiente di ripristino di AOMEI OneKey Recovery (sotto in figura):
con il quale appunto procedere con il restore del sistema operativo sistemando il tutto riportandolo allo stato precedentemente funzionante. Per maggiori dettagli circa l'utilizzo del programma consultare questa guida ufficiale.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7, 8, 8.1, 10 | Dimensione: 18.5 MB | Download AOMEI OneKey Recovery Free Edition

LEGGI ANCHE: Ripristino automatico di Windows al riavvio del PC per annullare le ultime modifiche

Commenti

  1. Interessante recovery. A proposito, ieri ho sudato freddo sul lavoro, il pc comune non caricava Windows all' avvio, mi diceva "Missing operating system". Poi mi sono accorto che il collega precedente aveva lasciato inserita una chiavetta USB (quasi invisibile, grande come un bottone). A quel punto è bastato fare F12 all' accensione, e dallo "startup menu" scegliere il disco fisso (SATA HD ecc.). ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si capita è vero. La chiavetta è stata settata (volutamente o per errore) come primary master al posto dell'hard disk principale. F12 o il BIOS (nella scheda Boot) risolvono il tutto. Questa partizione di ripristino può tornare utile in casi analoghi ma più gravi con sequenza boot danneggiata irrimediabilmente o con sistema operativo non trovato. ;)

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…