Passa ai contenuti principali

Disponibile Google Chrome 37 a 64 bit nella versione stabile del browser

Rilasciato ufficialmente Google Chrome 64 bit versione stabile disponibile al download
In soli tre mesi partendo a Giugno 2014 prima dai canali Canary e Dev, poi al Luglio guadagnando la Beta, da poche ore Google Chrome a 64 bit è ufficialmente disponibile al download anche nella versione stabile del browser.

Il numero della versione in questione è Google Chrome 37 e oltre ad essere fruibile a 64 bit lo è anche nell'architettura a 32 bit ed è compatibile sia con i sistemi operativi Windows (da Windows XP a Windows 8.1) che con Mac e Linux.

Anche in questo caso è possibile installare la nuova versione di Chrome su quella già esistente senza preoccuparsi di perdere settaggi e impostazioni personalizzate, né plugin ed estensioni installate. Ad ogni modo se si preferisce prendere qualche precauzione, è possibile copiare la directory C:\Users\Nome Utente\AppData\Local\Google\Chrome\User Data per poterla ripristinare successivamente qualora la nuova installazione avesse causato la perdita di qualche dato.

Google Chrome 37 si scarica da questa pagina del sito e per fare il download della versione a 64 bit, come nell'esempio sotto in figura:
si deve prima cliccare il link "Windows 64-bit" e a seguire confermare e avviare il download dell'installer cliccando il pulsante "Download Chrome". Fatto ciò non resta altro che avviare l'installazione e al termine si potrà iniziare ad utilizzare Google Chrome a 64 bit.
Se si vuole essere sicuri che si è installato la versione a 64 bit del browser è possibile verificare ciò andando in Menu > Informazioni su Google Chrome (oppure aprire la pagina chrome://chrome) dove appunto è riportato il numero e la tipologia delle versione installata la quale se è con architettura a 64 bit mostrerà la sigla (64-bit), come nell'esempio sotto in figura:
Google Chrome a 64 bit come dichiarato dal team che lo ha sviluppato, rispetto a Chrome a 32 bit è: più veloce del 25% soprattutto nel caricare la parte grafica e i contenuti multimediali delle pagine web, più sicuro da exploit, più stabile (meno crash e meno blocchi).

Fra gli altri perfezionamenti di questa versione viene segnalato il miglioramento del 15% nelle prestazioni di decodifica del codec VP9 utilizzato dalla versione in alta definizione dei video di YouTube; confermata anche la maggiore stabilità dei motori di rendering (quasi due volte più stabili rispetto alla versione di Chrome a 32 bit).
L'unico significativo problema noto di Chrome a 64 bit è la mancanza del supporto per i plugin NPAPI a 32 bit che potrebbe non far funzionare correttamente i programmi che utilizzano tale plugin (ad esempio iTunes a 64 bit).

LEGGI ANCHE: Niente più aggiornamenti Chrome per i computer con hardware vecchio

Commenti

  1. Toh, leggo questo post, e avevo scaricato da pochi minuti Chromium 64 bit da qui: http://www.chrome64bit.com/
    Si vede che le vie della rete sono infinite... :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…