Passa ai contenuti principali

App per vedere dove il segnale WiFi è più potente in casa (Android e iPhone)

WiFi SweetSpots è un app Android e iPhone per scoprire in tempo reale dove il segnale WiFi è più potente in casa o in ufficio
Chi in casa o in ufficio ha un router WiFi sa bene che il segnale è più potente nelle stanze adiacenti al router e più debole in quelle lontane, tenendo conto fra l'altro che esso può essere disturbato dunque depotenziato anche da ostacoli come muri, porte, mobili e via dicendo.

Se si hanno problemi di ricezione in tal senso allora tornerà utile l'articolo Come migliorare il segnale WiFi per avere più copertura della rete, ma nel caso in cui in aggiunta o semplicemente per effettuare un rapido controllo al fine di individuare in casa o in ufficio le aree nelle quali il segnale WiFi è più potente e più debole può tornare particolarmente utile l'applicazione gratis WiFi SweetSpots per cellulari e tablet Android e Apple iOS iPhone, iPad e iPod touch.

WiFi SweetSpots funziona come un metal detector con la differenza che invece di individuare i metalli essa mentre ci si sposta per la casa o per l'ufficio individua, misura e mostra in tempo reale la potenza del segale WiFi emesso dal router consentendo così di farsi velocemente un'idea del posto dove è più conveniente posizionarsi per connettersi in WiFi con il computer, telefonino, tablet o altro dispositivo wireless ancora. Facile da usare, una volta installata e avviata WiFi SweetSpots si presenterà con questa interfaccia grafica (sotto in figura):
Per iniziare, partendo dal primo screenshot a sinistra, si deve toccare il tasto "Start" per azionare la misurazione in tempo reale del segnale WiFi. Fatto ciò non resta che spostarsi in giro per la casa o l'ufficio per vedere come la potenza del segnale WiFi (riportata nel grafico e nel conta-megabyte dell'applicazione) varia a seconda della zona in cui ci si trova.

Toccando il tasto "Audio" di WiFi SweetSpots (quello arancione posto al centro tra il tasto "Stop" e "Record") verrà abilitato il segnale acustico, l'intesità del quale aumenterà o diminuirà a seconda della potenza del segnale WiFi rilevato (proprio come il metaldetector).

Per mappare la potenza del segnale WiFi nelle varie stanze o aree di casa o dell'ufficio che si stanno verificando, si può toccare il tasto "Record" che appunto registrerà la misurazione attuale rilevata. Da impostazione predefinita le varie registrazioni verranno rinominate in ordine crescente con la sigla Spot 1, Spot 2, Spot 3 e via dicendo, ma per evitare confusione e ottenere un risultato preciso e ordinato è possibile rinominare ogni Spot magari rimpiazzandolo con il nome della stanza nella quale ci si trovava e dove si è fatta quella misurazione.

In questo modo con WiFi SweetSpots in maniera semplice e rapida si saprà bene con certezza dove mettersi a lavorare in WiFi dentro caso o in ufficio a seconda della potenza del segnale rilevata con le misurazioni effettuate, o perché no, quest'app si potrebbe anche utilizzare per testare la posizione ideale nella quale collocare il router al fine di ottenere una migliore copertura WiFi.

Download WiFi SweetSpots per Android | Download WiFi SweetSpots per Apple iOS

LEGGI ANCHE: Come trovare il miglior canale WiFi in zona per la propria rete

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…