Passa ai contenuti principali

Salvare offline le mappe Google Maps su Android e iPhone ora è più facile con l'ultimo aggiornamento dell'app

Guida per salvare offline le mappe dell'app Google Maps su Android e Apple iOS per visualizzarle anche senza connessione internet
Anche se ormai è possibile connettersi a internet ovunque e in ogni momento tramite hotspot WiFi o più semplicemente tramite la connessione dati del proprio smartphone o tablet, durante un viaggio in una località che non si conosce se per gli spostamenti si ha intenzione di basarsi sulle mappe Google Maps, per maggiore prudenza sarebbe bene salvare preventivamente offline la mappa del luogo in questione in maniera tale da poterla consultare comunque anche nel caso in cui quella zona non è coperta dalla rete o la connessione a internet è lenta.

Su cellulari e tablet Android e Apple iOS iPhone, iPad e iPod touch abbiamo già visto in questa guida come salvare le mappe offline con l'app Google Maps, metodo che consisteva prima nel visualizzare sullo schermo la mappa di proprio interesse, quindi digitare "Ok maps" nel motore di ricerca e poi confermare per avviare il salvataggio di quella mappa per poterla così consultare offline.

Ora con il recente aggiornamento dell'app Google Maps per smartphone e tablet Andoid e iOS, il salvataggio delle mappe offline è meno macchinoso in quanto l'applicazione ha finalmente guadagnato un apposito pulsante per salvarle ovviando così al metodo di inserimento del termine "OK maps". Andiamo dunque a vedere come salvare le mappe offline con la nuova versione di Google Maps per Android e dispositivi Apple iOS (il procedimento è identico in entrambi i sistemi operativi).

LEGGI ANCHE: Come scaricare le lingue per usare Google Traduttore offline su Android

Come salvare le mappe offline con l'app Google Maps
1. Per prima cosa connettere il cellulare o tablet a internet, avviare l'app Google Maps (assicurarsi di averla aggiornata all'ultima versione disponibile: Download Google Maps per Android | Download Google Maps per iOS) e accedere con il proprio account Google aprendo il menu opzioni dell'app e andando poi in Impostazioni > Accedi.

2. Adesso trovare la località o la zona di proprio interesse per visualizzare sullo schermo la mappa corrispondente ovvero quella che si intende salvare offline (se sulla mappa non è stato applicato il segnaposto, allora toccare una zona dell'area per applicarlo manualmente).

3. Una volta visualizzata la mappa con applicato il segnaposto, come nell'esempio sotto in figura, partendo dallo screenshot a sinistra:
trascinare verso l'alto la barra che riporta il nome della località (quella in basso alla schermata), quindi scorrere la scheda informativa sino alla fine per visualizzare il pulsante "Salva mappa da usare offline" e toccarlo. Nella successiva schermata si tornerà alla mappa e qui ora si ha la possibilità di zoomarla a dovere in maniera tale da comprendere nello schermo l'intera area di proprio interesse che si desidera consultare offline. Fatto ciò confermare toccando il pulsante "Salva".

4. Successivamente come riportato nell'esempio degli screenshot sotto in figura:
si dovrà assegnare un nome alla mappa offline e una volta confermato subito dopo in automatico partirà il salvataggio. Al termine sarà ora possibile vedere quella mappa Google Maps anche senza essere connessi a internet.

Come accedere alle mappe offline salvate con l'app Google Maps
Per visualizzare le proprie mappe offline salvate in Google Maps per prima cosa occorre accedere all'app con il proprio account Google (lo stesso utilizzato per salvare le mappe offline). Dunque come nell'esempio riportato negli screenshot sotto in figura, partendo da sinistra:
per prima cosa toccare il pulsante dell'omino a destra del motore di ricerca per aprire la pagina del proprio profilo personale; scorrere in basso la pagina del profilo fino ad arrivare alla sezione "Mappe offline" nella quale verranno appunto mostrate quelle salvate.
Per aprire, vedere ed esplorare la mappa basterà toccare il nome di quella di proprio interesse, invece per gestire le mappe offline salvate si deve toccare l'opzione "Visualizza tutte e gestisci". Così facendo si avrà modo di ottenere informazioni aggiuntive riguardo le mappe salvate come ad esempio la dimensione da esse occupata in memoria e all'occorrenza sarà anche possibile rinominarle, aggiornarle o eliminarle.

LEGGI ANCHE: Usare Google Maps in 20 modi diversi dal solito

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Scaricare video da ogni sito internet – Migliori programmi gratis per farlo

Scaricare video da internet è un’operazione ormai comune a tutti. La maggior parte degli utenti ha imparato bene come fare il download dei filmatidalla rete.

Ma la tendenza per la stragrande maggioranza degli utenti è quella di scaricare video sempre dagli stessi siti, tendenza in parte dovuta alla loro popolarità, al tanto materiale disponibile e alle varie risorse gratis sviluppate appositamente per fare il download da quei siti.

Però bisogna ricordare che oltre ai soliti noti, internet brulica di tanti altri portali video ricchi di contenuti di vario tipo e genere. L’unico problema potrebbe essere quello di non sapere come fare a scaricare i video nel PC anche da questi siti, magari perché non esistono estensioni dedicate o software appositi.

A tale proposito sotto a seguire andiamo dunque a vedere una lista dei migliori programmi gratis per scaricare video praticamente da ogni sito internet, anche da quelli dove normalmente è impossibile farlo.

1. aTube Catcher
Ne avevamo parlato de…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…

3 modi per aumentare il volume dei file video se l'audio è troppo basso

Alcune volte può capitare che riproducendo un file video al computer, un film scaricato da internet ad esempio, l'audio sia troppo basso e di conseguenza si faccia fatica a sentire i dialoghi anche aumentando al massimo il volume del player multimediale e/o del computer stesso.

Se si sta usando un computer fisso si può rimediare facilmente alzando il volume delle casse collegate al case, mentre invece il discorso cambia se si sta usando un computer portatile per il quale per ovvie ragioni di comodità, specialmente se si è fuori casa, non si avranno sicuramente con se le casse esterne da collegare al PC, di conseguenza aumentare il volume del lettore e del computer stesso potrebbe rivelarsi essere non sufficiente per ottenere un livello audio accettabile.

In tali circostanze si può comunque risolvere abbastanza rapidamente riproducendo il video su alcuni player multimediali provvisti di apposita opzione che permette di aumentare ulteriormente il volume anche se lo si è già portato …