Passa ai contenuti principali

Come disattivare OneDrive su Windows 10 e 8.1

Due modi per disattivare OneDrive su Windows 10 e 8.1 eliminando l'icona nella barra delle applicazioni, dall'esplora risorse e dal Task Manager
OneDrive (ex SkyDrive) è il servizio di cloud storage di Microsoft che da impostazioni predefinite di sistema è profondamente radicato in Windows 10 e 8.1 in quanto fornito come app integrata.

Difatti quando si accede a Windows 10 o 8.1 con account utente Microsoft si avrà modo di notare che l'icona di OneDrive (se il PC è connesso a internet) verrà visualizzata nell'area di notifica della barra delle applicazioni di Windows, oltreché come applicazione nel menu Start ed è integrato anche nell'Esplora risorse di Windows per accedere rapidamente ai file in esso archiviati agendo da questa posizione.

OneDrive è un buon servizio di cloud storage ma alcuni utenti a esso potrebbero preferire uno dei tanti altri servizi di cloud storage alternativi come ad esempio Dropbox, Google Drive o quelli elencati in questo articolo dedicato. Di conseguenza tali utenti in Windows 10 e 8.1 potrebbero trovare fastidiosa la profonda radicazione nel sistema operativo di OneDrive. Se si sta cercando un modo per disattivare OneDrive su Windows 10 e 8.1 è bene sapere che ci sono due metodi per farlo; andiamo a vedere quali e come procedere.

NOTA: Ovviamente sarà comunque sempre possibile continuare ad accedere al proprio account OneDrive dunque a tutti i file in esso archiviati agendo dal sito internet e/o dalle app mobile dedicate.

AGGIORNAMENTO: Su Windows 10 Anniversary Update e successivi è ora possibile disinstallare OneDrive dal computer come un qualsiasi altro normale programma. In questa guida abbiamo visto come procedere.

Disattivare OneDrive su Windows 10 e 8.1 agendo dall'Editor Criteri di gruppo locali (solo per Windows 10 e 8.1 Pro)
1. Nella tastiera premere la combinazione dei due tasti Windows + R per richiamare la finestra di dialogo "Esegui", quindi nel campo di inserimento digitare il comando gpedit.msc (come nell'esempio sotto in figura):
e premere "Invio" o "OK" per inviare il comando.

2. A seguire verrà così aperto l'Editor Criteri di gruppo locali nel quale si deve accedere al percorso Configurazione computer > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > OneDrive e come nell'esempio sotto in figura:
fare un doppio clic sull'impostazione "Impedisci uso di OneDrive per archiviazione file".

3. Verrà così aperta la finestra di gestione dell'impostazione "Impedisci uso di OneDrive per archiviazione file" nella quale come nell'esempio sotto in figura:
occorre settarla su "Attivata" e infine confermare cliccando Applica e OK. Finito. L'effetto sarà immediato, infatti si avrà modo di notare che l'icona di OneDrive sparirà dalla barra delle applicazioni di Windows, così come il suo processo dal Task manager di Windows e così come il suo collegamento nell'Esplora Risorse. Nella schermata Start resterà la tile dell'applicazione che come detto prima è comunque possibile rimuovere cliccandola con il tasto destro del mouse e selezionando poi l'opzione "Rimuovi da Start".

Nel caso in cui in futuro si avesse necessità di riattivare OneDrive basterà settare su "Non configurata" l'impostazione "Impedisci uso di OneDrive per archiviazione file".

Disattivare OneDrive su Windows 10 e 8.1 agendo dal registro di sistema (per versione Home e Pro)
Per fare ciò è anche possibile intervenire dal registro di sistema di Windows 10 e 8.1. Per evitare di effettuare manualmente i singoli passaggi necessari, il sito eightforums.com a questa pagina ha creato i due appositi file di registro, da scaricare nel PC, "Enable_SkyDrive_Integration.reg" e "Disable_SkyDrive_Integration.reg" (sotto in figura):
che una volta cliccati con un doppio clic di mouse rispettivamente abilitano e disabilitano l'integrazione di OneDrive in Windows 10 e 8.1.

LEGGI ANCHE: Disattivare la Charm bar e gli angoli attivi su Windows 8 e 8.1 e Come disattivare lo Store su Windows 8 e 8.1

Commenti

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…