Passa ai contenuti principali

Ridurre al massimo la dimensione delle immagini PNG e JPEG senza perdere qualità

Comprimere la dimensione di file PNG e JPEG al massimo conservando la qualità, usando un servizio internet più un programma gratis
Ridurre la dimensione delle immagini è un esigenza che può avere luogo in varie circostanze, ad esempio quando si pubblicano post su un blog o sito internet così da non appesantire troppo la pagina web finale, oppure quando le si deve caricare su un servizio di cloud storage, un account sul web, sulla scheda SD del cellulare e via dicendo dove lo spazio a disposizione è poco e di conseguenza bisogna farne economia appunto intervenendo sul peso dei file.

I formati immagine più diffusi sono sicuramente JPEG e PNG. Nel caso in cui si ha avuto la necessità di diminuire la loro dimensione, molto probabilmente su internet si è trovato qualche risorsa per farlo, ma se si desidera ottenere ancora di più, a seguire andiamo a vedere come ridurre al massimo la dimensione delle immagini PNG e JPEG senza perdere la qualità, utilizzando un servizio web gratuito più un programma freeware.

TinyPNG servizio internet per ridurre le dimensioni dei file PNG
TinyPNG è forse uno dei più noti servizi web gratuiti per ridurre notevolmente il peso delle immagini in formato PNG.
Per aggiungere dal computer l'immagine (o immagini) da comprimere si deve cliccare  in alto alla pagina il rettangolo "Drop yout.png files here!"; il file non deve superare i 5 MB di dimensione. Subito dopo in automatico l'immagine verrà processata da TinyPNG che provvederà a ridurre la sua dimensione conservando allo stesso tempo la qualità.
Al termine del processo (impiega qualche secondo) sarà possibile vedere la percentuale di dimensioni che si è risparmiato; nell'esempio sopra in figura il risparmio è stato di ben il 79%, di fatti il file originale che pesava 4.9 MB è stato ridotto da TinyPNG a 1.1 MB. Non resta che cliccare il link "download" per scaricare nel computer il file PNG ottenuto.

JPEGmini servizio internet per ridurre le dimensioni dei file JPEG (JPG)
JPEGmini è invece uno dei più popolari servizi internet gratuiti per ridurre la dimensione delle immagini JPEG o JPG.

Una volta caricata la foto o le foto dal computer cliccando il pulsante "Press to Upload Photos" in automatico insieme al caricamento del file, JPEGmini interverrà sul file con i suoi algoritmi riducendo la dimensione conservando allo stesso tempo la qualità dell'immagine.
Al termine del processo, che impiega qualche secondo, sarà possibile vedere di quanto è stata ridotta la dimensione del file. Nell'esempio sopra in figura l'immagine JPEG originale pesava 1250 KB che ridotta da JPEGmini adesso pesa solo 487 KB ovvero è 2,6 volte più leggera.
Non resta che cliccare il pulsante "Download Full Res." per scaricarla nel computer.

RIOT programma gratis per Windows per ridurre la dimensione delle immagini PNG e JPEG
Ora se la compressione dell'immagine PNG con TinyPNG o la compressione dell'immagine JPEG con JPEGmini non è abbastanza per le proprie esigenze, è possibile spingerla oltre utilizzando il programma gratis RIOT (Radical Image Optimization Tool) compatibile da Windows XP a Windows 8, disponibile anche in versione portable.

La funzione di RIOT infatti è di ridurre la dimensione delle immagini PNG, JPEG ma anche GIF preservando la qualità. Facile da usare, una volta avviato, nella barra degli strumenti selezionare la modalità compressione automatica "Full Auto mode", dunque cliccare il pulsante "Open" per indicare dal PC il file da comprimere (in questo caso l'immagine PNG o JPEG già ridotta con TinyPNG o JPEGmini).
Come si avrà modo di notare, nell'interfaccia grafica di RIOT nel primo riquadro a sinistra verrà mostrata l'anteprima dell'immagine originale, mentre nel riquadro a destra viene mostrata l'anteprima dell'immagine compressa automaticamente dal programma così da poter notare al volo eventuali cambiamenti qualitativi. Per vedere di quanto è stata ridotta la dimensione del file basterà confrontare i dati riportati sopra i due riquadri di anteprima.
Nell'esempio sopra in figura l'immagine originale "Initial image" pesava 486,81 KB ottimizzata poi da RIOT "Optimized image" a 240,95 MB ovvero la metà senza perdere in qualità. Se si è soddisatti cliccare il pulsante "Save" per salvare l'immagine ottimizzata (rimpiazzerà l'originale).

All'occorrenza è possibile spingere ancora oltre la compressione agendo manualmente. Per fare ciò si deve cliccare il pulsante "Compress to size" e nell'omonima finestrella che verrà visualizzata digitare in KB la dimensione del file che si desidera ottenere. Procedere però gradatamente  in quanto riducendo sensibilmente e ulteriormente la dimensione del file si può perdere in qualità dell'immagine in quanto RIOT l'ha già compressa al suo massimo, o quasi.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7 e 8 | Dimensione: 1.66 MB | Download RIOT - Versione portable

LEGGI ANCHE: Ridurre le dimensioni delle foto in un clic contemporaneamente con FILEminimizer

Commenti

  1. Ce ne sono parecchi: io usavo Light image resizer, ma a parità di "peso", la qualita di RIOT è decisamente superiore. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si vero, anche io ne ho provato diversi ma RIOT riduce di qualcosa in più la dimensione del file rispetto agli altri software simili che ho provato nel tempo, e poi si può spingere oltre la compressione manualmente.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…