Passa ai contenuti principali

Sapere quali siti e applicazioni hanno accesso al nostro account Google

Come vedere i siti, servizi, estensioni e app che si è autorizzato ad avere accesso al nostro account Google, e come rimuovere l'autorizzazione
Per usare alcuni servizi internet e applicazioni delle volte è necessario consentire ad essi l'accesso al proprio account Google in quanto diversamente non potrebbero funzionare.

Estensioni, app e webapp per Chrome, Gmail, Android e quant'altro, nel corso del tempo si potrebbe aver consentito l'accesso al nostro account Google a diverse risorse, alcune delle quali non le si utilizza più in quanto dopo averle testate non si sono rivelate poi così tanto utili lasciandole di conseguenza da una parte.

Ma una volta autorizzate e anche se non li si adopera più, questi servizi e applicazioni continueranno comunque ad avere accesso al nostro account Google in differenti livelli. Infatti come si può leggere nel Centro di assistenza Google, esistono diversi livelli di accesso (dei siti e app) all'account Google, più nello specifico:
  • Accesso completo all'account - L'app e/o estensione e/o sito può visualizzare e modificare tutte le informazioni dell'account eccetto la password, eliminare l'account o pagare con Google Wallet;
  • Visualizzazione delle informazioni di base del profilo - L'app e/o estensione e/o sito ha accesso solamente ai dati base dell'account come il nome, l'indirizzo email, il sesso e il Paese;
  • Accesso di lettura e scrittura - L'app e/o estensione e/o sito può pubblicare sui prodotti Google che utilizziamo, le informazioni sull'attività che abbiamo svolto con esse.
Dunque potrebbe tornare utile sapere e vedere a quali siti e applicazioni si è concesso fin'ora l'autorizzazione ad accedere al nostro account Google. La stessa Google permette di fare ciò. Vediamo come.

1. Effettuato il login all'account, in alto a destra della pagina (di qualsiasi pagina Google) cliccare la propria foto del profilo e nel fumetto popup che si aprirà cliccare il link "Account".

2. Nella pagina che verrà visualizzata spostarsi nella scheda "Sicurezza" e qui nella sezione "Autorizzazioni account" cliccare il link "Visualizza tutto". Più semplicemente si può seguire questo link https://security.google.com/settings/security/permissions per evitare i passaggi sopra descritti.

3. Verrà così visualizzata la pagina "Autorizzazioni account" nella quale in lista vengono mostrate tutte le app e i servizi che hanno accesso al nostro account Google, che abbiamo autorizzato:
Pagina gestione autorizzazioni accesso app ed estensioni all'account Google
Facendo un clic su una di esse per selezionarla, come nell'esempio sopra in figura si potrà notare che nel pannello a destra a riguardo verrà mostrato il livello di accesso di quell'app/servizio e la data in cui si è concessa l'autorizzazione.

Nel caso in cui nella lista fosse presente qualche app o servizio che non si riconosce o che non si ritiene attendibile (specialmente se ha livello accesso completo), dopo averla selezionata è possibile fare clic sul pulsante "Rimuovi accesso" per rimuoverla dall'account e da ogni autorizzazione.

App e siti che hanno accesso all'account Google si possono visualizzare anche da questaltro link https://accounts.google.com/IssuedAuthSubTokens (è prima necessario aver effettuato il login a Google) che aprirà la pagina "Accesso autorizzato al tuo Account Google" nella quale come nell'esempio sotto in figura:
è mostrato l'elenco dei siti, applicazioni e servizi connessi all'account. Anche in questo caso per ognuno di essi è mostrato il livello di accesso e in ogni momento è possibile rimuoverli cliccando il corrispondente pulsante "Revoca accesso".

LEGGI ANCHE: 10 link importanti che ogni utente Google dovrebbe conoscere

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…