Passa ai contenuti principali

Gmail, tracciare e distruggere gli allegati email da remoto con docTrackr

Estensione Chrome per tracciare, monitorare e distruggere da remoto gli allegati email inviati e vedere su mappa dove sono stati aperti
Grazie ai programmi e servizi di posta elettronica è possibile inviare allegati (che possono essere documenti, foto, video, audio e/o altre tipologie di file) per email in ogni parte del mondo ad altri indirizzi email.

I maggiori client di posta elettronica all'occorrenza permettono di abilitare la conferma di avvenuta lettura dell'email per sapere se è stata aperta dal destinatario. Ma oltre a questa, al momento non c'è a disposizione alcuna opzione in grado di fornire informazioni riguardo le attività che il destinatario ha svolto sull'allegato dell'email e tantomeno non c'è la possibilità di poterlo gestire e controllare a distanza dopo averlo inviato.

Gli utenti che come servizio di posta elettronica usano Gmail, possono però installare su Google Chrome l'estensione docTrackr con la quale prendere il controllo da remoto degli allegati che si è inviato per email.

Più nello specifico con questo componente aggiuntivo è possibile tracciare gli allegati email (al momento solo i documenti PDF ma gli sviluppatori dicono che presto verranno supportati anche altri formati di file) e vedere su mappa geografica la località in cui sono stati visualizzati, sapere se è stato letto, stampato e/o modificato. Inoltre da remoto il mittente potrà in ogni momento disattivare l'allegato impedendo al destinatario di poterlo aprire ancora.
Infine prima di inviare l'email, docTrackr dà al mittente la possibilità di impostare una scadenza all'allegato indicando una data oltre la quale esso non sarà più reperibile in quanto andrà distrutto; fra l'altro prima dell'invio si potranno applicare restrizioni come impedire la copia e le stampa dell'allegato. Vediamo come funziona.

1. Per prima cosa è necessario installare su Chrome l'estensione docTrackr (link di download a fine articolo) e accedere al proprio account Google Gmail.

2. Creare un nuovo messaggio di posta cliccando il pulsante "Scrivi". Come si avrà modo di notare (e come farà notare il tutorial di docTrackr), nella finestra di composizione dell'email verrà aggiunto il nuovo strumento "Secure with docTrackr" (sotto in figura):
Pulsante che si dovrà cliccare per aggiungere alla mail l'allegato che si desidera gestire e tracciare da remoto..

3. Composto il messaggio di posta elettronica, cliccare il pulsante "Invia", ma prima che il messaggio venga inviato sarà necessario registrare un account gratuito a doctrackr.com (tramite apposita finestra di registrazione che verrà visualizzata subito dopo), indispensabile per poter gestire e tracciare i propri allegati inviati con Gmail.

Prima che l'email venga inviata, docTrackr mostrerà all'utente una finestra tramite la quale all'occorrenza potrà applicare restrizioni all'allegato e settare una data di scadenza (esempio sotto in figura):
Nello specifico in "Recipients of this email" si può indicare se il destinatario dell'email oltre che a vedere l'allegato (Can View) può stamparlo (Can Print) e/o modificarlo (Can Edit), attivando la casella corrispondente al permesso che si vuole consentire.
Invece, opzionalmente, in "Expire accesses to the attachments on" è possibile indicare una data di scadenza oltre la quale, come detto prima, l'allegato in questione non sarà più reperibile in quanto verrà distrutto.
Una volta concluso con la configurazione non resta che inviare l'email cliccando il pulsante "Secure & Share".

4. Ora per monitorare e gestire a distanza da remoto l'allegato email si dovrà accedere con il proprio account al sito web https://use.doctrackr.com nella sezione Gmail e come nell'esempio sotto in figura:
nell'interfaccia grafica a schede si potranno consultare le informazioni riguardo all'allegato (le info verranno generate e aggiornate automaticamente non appena l'allegato verrà aperto dal destinatario/i). Nello specifico la scheda:
  • Analytics - Mostra in un grafico le attività svolte sugli allegati;
  • Loaction - Mostra su mappa geografica le località nelle quali è stato aperto l'allegato;
  • Activity - Mostra le attività svolte sull'allegato riportando per ognuna ora e data;
  • People - Permette di modificare le restrizioni (stampa e modifica) dell'allegato;
  • Notification - Permette di abilitare notifiche sullo schermo per essere informati quando un destinatario apre e/o stampa l'allegato.
Infine, in ogni momento sarà possibile disabilitare l'allegato da remoto cliccando il pulsante "disable" nella sezione "Control your file"; così facendo il destinatario non potrà più aprire l'allegato fino a che l'impostazione in questione non verrà riattivata con "enable".

Download docTrackr

LEGGI ANCHE: Programmare l’invio delle email Gmail e sapere se è stata aperta dal destinatario

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…