Passa ai contenuti principali

Rimettere la barra nera di Google su Chrome con una estensione

Estensione Chrome per rimettere la barra nera di Google con possibilità di personalizzare i colori dei link e dello sfondo
Come già visto in precedenza, con Chrome 30 Google ha apportato alcune modifiche al suo browser internet fra le quali la rimozione della barra nera (modifica poi estesa anche su Firefox, Opera e Safari ma non su Internet Explorer) nella quale venivano mostrati i link di collegamento a popolari servizi come Maps, Gmail, YouTube, Play e via dicendo.

In realtà questi collegamenti esistono ancora e sono integrati nel nuovo App Launcher ovvero il menu popup di scelta rapida che compare cliccando in alto a destra delle pagine Google il pulsante composto da piccoli quadrattini. Menu che fra l'altro in questo articolo abbiamo visto come personalizzare. Inoltre sia su Chrome che negli altri browser abbiamo anche visto come riavere la barra nera di Google aprendo o settando come Home Page una URL elaborata appositamente per lo scopo ma che ha l'unico difetto di non mostrare i suggerimenti di ricerca mentre si stanno digitando i termini.

Proper Menubar è una estensione per Chrome che riporta la barra nera di Google in alto alla pagina tale e quale all'originale ma con la possibilità di decidere quali link visualizzare in essa. Fra l'altro è anche possibile personalizzare il colore della barra e dei link ed eventualmente al posto dei colori applicare un'immagine di sfondo. Vediamo come procedere.

Per prima cosa installare l'estensione Proper Menubar, dunque aprire la Home Page Google ricerca ed ecco che verrà visualizzata nuovamente la barra nera:
Come si può notare sopra in figura, da impostazioni predefinite nella barra verranno mostrati tutti i link Google previsti dall'estensione, dunque nel caso in cui si volesse personalizzarla è necessario accedere nelle opzioni di Proper Menubar cliccando la sua icona (posta accanto alla barra indirizzi internet di Chrome) con il tasto destro del mouse e la voce Opzioni nel menu contestuale. Verrà così visualizzata la finestra delle impostazioni dell'estensione:

nella quale in Basics>Menubar si potranno selezionare e deselezionare i link che si desidera visualizzare o meno nella barra nera mettendo o togliendo la spunta dalla corrispondente casella di selezione. Invece in Basics>Websites si potrà decidere in quali pagine deve essere mostarta la barra nera: soltanto nei siti di Google (Show the bar only on Google websites normal use), in tutti i siti internet anche quelli non Google (Show the bar on all websites included not Google sites), solamente nei siti internet che si andrà a specificare (Show the bar only on this websites).

Infine accedendo in Design sarà possibile modificare l'aspetto grafico della barra nera persnalizzando all'occorrenza il colore del Font (dei link), il colore di sfondo della barra (Background) e la sua opacità:
Inoltre come prima accennato, in Design>Background abilitando l'opzione "Click below your favorite background image" si potrà applicare alla barra un'immagine di sfondo scegliendo una fra le sei predefinite visualizzate subito sotto in lista.

Download Proper Menubar

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…