Passa ai contenuti principali

Facebook niente più anonimato nelle ricerche, ora tutti gli utenti possono essere trovati

Il 10 Ottobre 2013 Michael Richter, Chief Privacy Officer di Facebook, ha annunciato la rimozione dell’opzioneChi può cercare il tuo diario per nome” dalle impostazioni sulla privacy di Facebook anche per gli utenti che ne hanno fatto uso fino a oggi.

Tale opzione infatti in realtà venne rimossa circa un anno fa da tutti i profili degli utenti Facebook che non se ne sono mai serviti. Adesso invece anche chi si è servito di tale impostazione, vedrà apparire un promemoria che informa della sua rimozione entro le prossime settimane. Decisione principalmente dovuta a lamentele fatte nel tempo da tanti utenti che con il motore di ricerca del social network non riuscivano a trovare neanche le persone che conoscevano personalmente.

Ciò significa che con questo nuovo aggiornamento sulla privacy da ora in avanti nessun utente Facebook potrà nascondersi dalle ricerche, bensì tutti gli iscritti al social network saranno visibili nei risultati quando qualcuno effettuerà la ricerca con il loro nome.

Di conseguenza se già non si è provveduto in precedenza, è bene accedere alle Impostazioni sulla privacy del proprio profilo sul social network e se è necessario, dato che ora tutti possono trovarci, mettere mano ad alcune opzioni restringendo la possibilità di visualizzazione dei nostri contenuti soltanto agli amici piuttosto che pubblici visibili a tutti:

Impostazioni sulla privacy Facebook

Da qui è infatti possibile specificare:

  • Chi può vedere i nostri post futuri;
  • Controllare tutti i post in cui siamo stati taggati e per ognuno di essi restringere il pubblico ai quali rendere visibili i relativi contenuti (ove possibile);
  • Limitare i contenuti pubblici (visibili anche agli amici di amici) ai soli amici;
  • Limitare le richieste di amicizia  e i messaggi in posta in arrivo;
  • Limitare la portata di persone che può cercarci tramite indirizzo email o numero di telefono;
  • Impedire che il nostro profilo possa essere trovato con gli altri motori di ricerca (escluso Facebook ovviamente) come Google, Bing e via dicendo.

Infine, preso atto della nuova modifica sulla privacy introdotta, da ora in avanti quando si pubblica qualcosa su Facebook prendere in considerazione i contenuti per i quali limitare la portata di pubblico:

Facebook pubblicare contenuti con filtri di pubblico

specificando se renderli visibili a tutti, solo agli amici, a nessuno oppure personalizzando la condivisione a persone o liste specifiche.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…