Passa ai contenuti principali

Come riavere la vecchia grafica di Google con la barra nera in alto alla pagina

Come abbiamo già visto nel dettaglio in questo articolo, la versione numero 30 del browser Chrome ha portato diversi cambiamenti e novità nella pagina Nuova scheda e nella Home Page di Google ricerca.

Venendo alla pagina iniziale del motore di ricerca Google, nello specifico le novità sono: la rimozione della nota barra nera in alto alla pagina nella quale c’erano i link veloci di collegamento ai più popolari servizi by Google (Maps, Gmail, Play, YouTube, News e Altro) ora rimpiazzata dai tre collegamenti Google+, Gmail, Immagini con l’aggiunta del nuovo pulsante App; l’altra novità invece è il nuovo logo di Google che adesso è piatto.

Anche in questo caso non tutti gli utenti potrebbero apprezzare tali cambiamenti, magari perché ormai abituati al precedente stile grafico di Google. A tale proposito infatti in questo articolo abbiamo visto come ripristinare la vecchia pagina Nuova scheda di Chrome disattivando la nuova versione.

A seguire invece andremo a vedere un semplice metodo per riavere la vecchia interfaccia grafica di Google motore di ricerca con in alto anche la barra nera dei link veloci; da così (la nuova interfaccia):

Google nuova interfaccia

A così (ripristinando la vecchia interfaccia):

Google vecchia interfaccia

Il tutto in modo semplice. Ovvero su Chrome per accedere alla vecchia interfaccia di ricerca Google (in italiano) basterà collegarsi a questo indirizzo:

https://www.google.com/webhp?complete=0&hl=it

Per tutte le altre lingue diverse dall’italiano, nell’indirizzo qui sopra sostituire il suffisso finale “it” con quello corrispondete alla propria nazione, oppure collegarsi direttamente a questo indirizzo internet che rileva in automatico la lingua di provenienza:

https://www.google.com/webhp?complete=0

Se l’intenzione è quella di accedere sempre alla vecchia interfaccia di Google ricerca, allora si potrebbe prendere in considerazione di impostare uno degli indirizzi appena indicati come pagina iniziale di Chrome (agendo da Impostazioni>Aspetto>Mostra pulsante Pagina iniziale>Cambia; oppure aggiungere uno di questi indirizzi ai preferiti di Chrome agendo da Impostazioni>Preferiti>Aggiungi questa pagina ai Preferiti o in alternativa premendo la combinazione di tasti Ctrl+D.

Commenti

  1. Usando la vecchia interfaccia però non compaiono più i suggerimenti

    RispondiElimina
  2. Esatto.Se digito le prime lettere di una parola nella barra di ricerca della vecchia interfaccia non compaiono più,a differenza della nuova.

    RispondiElimina
  3. Si hai ragione e purtroppo non c'è niente da fare.

    RispondiElimina
  4. Ormai brutta notizia questi due link li hanno cancellati e ora e sempre questo nuovo stile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione. Ormai la barra nera viene visualizzata soltanto su i browser internet non più supportati (es. Internet Explorer 8).

      Elimina
  5. Perché anche le cose semplici diventano difficili?
    Rivoglio la barra, non voglio CROME

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le stesse cose le ritrovi nel pulsante a quadretti in alto a destra di Google e dei servizi Google.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…