Passa ai contenuti principali

Utenti Chrome supervisionati per vedere i siti visitati da un utente e bloccare quelli inopportuni

Con la funzione Utenti Supervisionati di Chrome è possibile controllare la navigazione internet degli utenti per vedere i siti visitati e bloccare i siti non adatti
Quando si condivide il computer con altre persone, ad esempio i propri figli, e gli si consente di navigare internet, a seconda dei casi sarebbe opportuno attuare una qualche soluzione di controllo parentale per impedire ai più piccoli di incappare e accedere su siti internet non adatti a loro, ad esempio quelli per adulti o con contenuti violenti.

In tal senso esistono diverse soluzioni come ad esempio i server DNS di FamilyShield, il programma
Easy Website Blocker, l'addon Firefox BlockSite e così via. Google si è attivato ugualmente da questo punto di vista tanto che su Chrome Beta (la versione sperimentale di Chrome) ha introdotto la nuova funzionalità Utenti Supervisionati. Con questa funzionalità infatti è ora possibile creare nuovi utenti Chrome da supervisionare, ovvero per i quali sarà possibile vedere i siti visitati, bloccare l'accesso a specifici siti internet oppure consentire l'accesso soltanto a determinati siti internet. Vediamo come procedere.

1. Per iniziare è necessario possedere un account Google (che fungerà da amministratore per gestire e controllare gli utenti supervisionati) e con esso effettuare l'accesso a Chrome. Dunque accedere nelle Impostazioni del browser e aggiungere un nuovo utente:
Dopo aver specificato l'avatar e il nome da dare all'utente si dovrà abilitare l'opzione "Questo è un utente supervisionato gestito da email dell'amministratore"; confermare cliccando il pulsante Crea.

Finito. L'utente supervisionato è stato creato dunque se si desidera monitorare la navigazione internet del proprio figlio ad esempio, si dovrà avviare Chrome dall'icona di collegamento che è stata appena creata sul Desktop così da far navigare il bambino sul web con quella sessione che appunto è supervisionata.

2. Ora è necessario settare a proprio piacimento i permessi e restrizioni per l'utente supervisionato in questione, in quanto di default non è impostata alcuna limitazione. Dunque avviare Google Chrome (dalla classica icona non quella supervisionata) e accedere alla pagina www.chrome.com/manage per aprire il pannello di controllo degli utenti supervisionati che si presenterà come nell'esempio sotto in figura:
In primis nel riquadro "Autorizzazioni" si dovrà cliccare il link "Gestisci" attraverso il quale nella successiva schermata si potranno indicare i siti da bloccare oppure abilitare la navigazione web solamente su i siti internet specificati vietando automaticamente tutto il resto.

Conclusa la configurazione, da ora in avanti, dopo aver effettuato l'accesso a Chrome con il proprio account Google, basterà collegarsi con la pagina  www.chrome.com/manage per vedere (nel riquadro Attività) i siti visitati dall'utente supervisionato per ognuno dei quali verrà riportata data e ora della visita.

Quando un utente supervisionato proverà ad aprire un sito internet bloccato dall'amministratore visualizzerà questa notifica:
nella quale viene informato che per accedere a quella pagina web occorre l'autorizzazione dell'admin. Tale autorizzazione può essere richiesta facendo un click sul pulsante "Richiedi autorizzazione" che invierà una notifica al pannello di controllo utenti supervisionati (verrà mostrata nel riquadro Richieste) cosicché l'amministratore possa valutare se è il caso di consentire o negare l'accesso a quel sito web.

Come detto in apertura questa funzionalità (che si può usare sia su i Chromebook che su Windows, Mac e Linux) al momento è disponibile esclusivamente su Chrome Beta, non è dato sapere quando verrà integrata anche nella versione stabile del browser, ma niente di strano che ciò avvenga con il rilascio di Chrome 31.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…