Passa ai contenuti principali

Registrare lo schermo come GIF animata con LICEcap per Windows e Mac

In questo articolo abbiamo già visto una raccolta di programmi gratis per registrare lo schermo in un file video, sia esso in formato .AVI o altro ancora.

Creare un filmato di quello che è visualizzato sul monitor può rivelarsi utile in varie circostanze, fra le altre anche per la creazione di video guide, magari da caricare online su YouTube o da passare a un amico per illustrargli i passaggi da fare per configurare un qualcosa, un programma ad esempio.

In alternativa alla registrazione in video si potrebbe optare anche per la registrazione in immagini, ovvero filmando lo schermo del PC e salvando poi il tutto come immagine GIF animata. Il vantaggio di questo formato rispetto ai formati video, è la minore dimensione del file finale, ottimo da inviare per email come allegato e meno impegnativo da condividere sul web.

LICEcap è un programma gratis per Windows e Mac con il quale registrare lo schermo del computer in GIF animata, in modo semplice. Una volta installato e avviato si vedrà comparire sul monitor l’interfaccia di registrazione di LICEcap (come nell’esempio sotto in figura):

LICEcap

Tutto ciò che si deve fare è di posizionare la maschera di registrazione sull’area dello schermo che si desidera catturare. Tale maschera si può ridimensionare a piacimento con il mouse agendo su uno dei quattro angoli riducendo o allargando tramite trascinamento, oppure nella barra delle opzioni in basso alla maschera specificando in Size le esatte dimensioni di larghezza e altezza. Per spostare la maschera agire sempre tramite trascinamento del mouse, questa volta tenendo cliccata la barra del titolo del programma.

Nella barra delle opzioni di LICEcap fra l’altro all’occorrenza è anche possibile indicare quanti fotogrammi per secondo (FPS) catturare durante la registrazione, di default 8. Per avviare la registrazione non resta che cliccare il pulsante Record. Prima che la registrazione abbia inizio, nella finestra che verrà visualizzata subito dopo aver cliccato il pulsante Record (sotto in figura):

LICEcap opzioni registrazione

si dovrà indicare in quale cartella salvare la GIF animata e assegnare un nome al file. A disposizione poi, in “Display in animation” ci sono alcune opzioni, attivabili a seconda delle proprie esigenze:

Title frame – Per aggiungere un titolo (un parola o frase) da mostrare nella GIF animata, specificando dopo quanti secondi deve essere visualizzato;

Elapsed time – Per mostrare nella GIF animata il tempo trascorso della registrazione (verrà mostrato nell’angolo in basso a destra della GIF con numeri bianchi su sfondo nero);

Mouse button press – Per catturare nella GIF animata anche il cursore del mouse;

GIF repeat count – E’ possibile specificare quante volte deve essere ripetuta l’animazione della GIF, zero significa ripetizione infinita.

Dopo aver confermato il tutto cliccando il pulsante Salva partirà la registrazione. Nel mentre è ancora possibile spostare di posizione la maschera del programma qualora occorresse riprendere un’altra area dello schermo. La registrazione si può mettere in pausa in ogni momento e riprendere cliccando il pulsante pause/unpause. Ancora, quando la registrazione è in pausa è possibile aggiungere titoli all’animazione cliccando il pulsante Insert (come nell’esempio sotto in figura):

LICEcap aggiungere titoli

Infine per terminare la registrazione fare click sul pulsante Stop. L’immagine GIF animata sarà ora disponibile nella cartella di destinazione specificata precedentemente, pronta da vedere e condividere.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7 e 8 | Mac OSX

Dimensione: 281 KB

Download LICEcap

LEGGI ANCHE: Creare GIF animate da video online o dal PC con Instagiffer.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…