Passa ai contenuti principali

Programmi per eliminare virus dal computer quando l’antivirus fallisce

Il programma antivirus installato nel computer è la principale e migliore difesa per proteggere in tempo reale il sistema da attacchi e infezioni virus provenienti da internet o da locale.

Anche se alcuni antivirus sono meglio di altri, ad ogni modo chi più e chi meno, non possono garantire sempre una protezione al 100% soprattutto se non vengono fatti gli aggiornamenti automatici per istruire il programma circa le nuove minacce in circolazione.

Quando un computer è infetto significa che quei malware in qualche modo sono riusciti ad aggirare la protezione antivirus installata e continuano ad infettare il sistema nonostante essa. E il più delle volte quando i virus sono riusciti a entrare sarà quasi impossibile rimuoverli usando lo stesso software antivirus che protegge il PC in quanto i malevoli in questione si sono resi immuni da esso.

In questo caso per eliminare i virus dal computer ci si dovrà servire di altri programmi specializzati per tale scopo. A seguire andiamo dunque a vedere una lista di software gratis da usare per togliere malware dal PC quando il programma antivirus ha fallito.

1. KillEmAll, già descritto in questo articolo, è una piccola applicazione che ha la funzione di terminare e chiudere in automatico tutti i processi e i programmi in esecuzione su Windows eccetto quelli indispensabili al sistema. In questo modo verranno terminati anche i processi relativi ai malware e di conseguenza si potrà intervenire più efficacemente con la cura e la rimozione di tali minacce.

Va da se che KillEmAll va eseguito prima di avviare qualsiasi altro programma per la ricerca e disinfezione virus. In alternativa a KillEmAll si può usare RKill, un’altra applicazione che termina tutti i processi su Windows legati a malware noti (maggiori informazioni su questo articolo dedicato).

2. Malwarebytes Anti-Malware Free è forse uno dei migliori programmi per trovare ed eliminare malware dal computer, multilingue e facile da usare. Una volta avviato e aggiornato il database delle definizioni virus, si deve selezionare la tipologia di scansione di proprio interesse (in questo caso optare per quella completa che analizza in profondità il sistema) e avviare il tutto.

Nel caso in cui i malware dovessero bloccare l’installazione e/o l’avvio di Malwarebytes Anti-Malware Free, in questo articolo abbiamo visto come risolvere con Malwarebytes Chameleon. In alternativa o aggiunta a Malwarebytes Anti-Malware Free consultare la lista dei Migliori programmi gratis per trovare ed eliminare malware dal PC.

Malwarebytes Anti-Malware Free

3. ComboFix è un programma che una volta eseguito, avviata la scansione effettua la ricerca di eventuali malware nel sistema e se ne trova tenterà di eliminarli automaticamente. Fra l’altro prima di effettuare la scansione ComboFix proverà a creare un punto di ripristino del sistema.

Nel caso in cui non riuscisse a rimuovere alcune minacce, nel file di report che verrà generato al termine della scansione verranno riportate le istruzioni su come eliminarle e qui si potrà fare riferimento al forum dedicato qualora si avessero difficoltà. Prima di eseguire ComboFix assicurarsi di aver chiuso programmi e finestre aperte.

4. Kaspersky TDSSKiller è un piccolo software della nota azienda sviluppatrice di uno dei migliori e più noti antivirus oggi in circolazione. La funzione di TDSSKiller è di individuare e rimuovere noti rootkit come ad esempio TDSS, SST, Pihar, ZeroAccess, Sinowal, Whistler, Phanta, Trup, Stoned, RLoader, Cmoser, Cidox e altre anomalie legate ai rootkit.

Kaspersky TDSSKiller

Facile da usare, una volta avviato non si deve fare altro che cliccare il pulsante Start scan per avviare la scansione. Scansione che come obbiettivi ha la memoria di sistema, servizi e driver, e i settori di avvio.

5. RogueKiller è un piccolo ma utile programma con il quale scansionare il sistema alla ricerca di malware nascosti e insidiati fra i processi, nel registro, host, proxy, DNS, driver, MBR e da altre directory. Ma non solo, RogueKiller è anche in grado di rimuovere diverse infezioni in atto fra le quali rootkit ZeroAccess, TDSS e tanti altri rogue e svariati ransomware. Inoltre, qualora fosse necessario, permette di riparare/ripristinare il file di Host, proxy e DNS, soluzioni utili se il PC in tal senso è affetto da dirottamenti causati dai malevoli.

RougeKiller

6. VIPRE Rescue è un programma pratico e facile da usare per ripulire il computer infetto da virus di vario tipo. VIPRE Rescue va utilizzato con Windows avviato in modalità provvisoria, dunque preventivamente lo si dovrà mettere su una chiavetta USB (pesa circa 140 MB) o altra periferica di memoria esterna dalla quale poi lanciarlo una volta collegata al PC. Le definizioni virus del programma sono aggiornate di continuo, dunque è sempre bene scaricare l’ultima versione di VIPRE Rescue per far si che la scansione sia basata su di un database il più fresco possibile in tal senso.

7. Qualora nonostante l’impiego dei programmi sopra indicati non si riesce ad eliminare virus e malware vari dal sistema, o addirittura Windows non si avvia più, come ultima spiaggia nei casi più gravi ci si dovrà servire dei Rescue Disk, ovvero dei programmi antivirus (rilasciati in formato immagine .iso) che vanno masterizzati su CD/DVD o su chiavetta USB ed eseguiti al boot (il Boot da CD/DVD o USB si configura accedendo nel BIOS) in modo tale che possano scansionare il computer prima che venga caricato Windows, dunque prima che i malware possano entrare in azione.

In questo articolo dedicato abbiamo visto una raccolta dei migliori Rescue Disk di note aziende produttrici di popolari programmi antivirus e di altri software per la sicurezza dei computer.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…