Passa ai contenuti principali

Modalità smarrito su iOS 7 ostacola la vendita e l’uso dell’iPhone, iPad, iPod rubato o perso

Fra le tante novità e funzionalità di iOS 7 che già abbiamo visto in questo articolo, anche la funzione Trova il mio iPhone/iPad/iPod touch è stata migliorata.

Più nel dettaglio in Trova il mio iPhone/iPad/iPod su iOS 7 è stata implementata l’opzione Modalità smarrito la quale ora rende la vita difficile a chiunque voglia usare o vendere l’iPhone, iPad, iPod touch rubato o andato perso in quanto lo schermo verrà bloccato anche da remoto con un codice a quattro cifre e nella schermata di blocco inoltre sarà possibile visualizzare un messaggio di testo personalizzato.

Inoltre per disabilitare Trova il mio iPhone/iPad/iPod sarà necessario digitare ID e password dell’account Apple del proprietario; diversamente tale funzionalità resterà attiva e di conseguenza il dispositivo potrà essere localizzato. L’immissione dell’ ID e della password dell’account Apple del proprietario sono richiesti anche per eliminare i dati dal dispositivo, riattivare e riutilizzare il dispositivo.

L’unica cosa da fare per avere tali protezioni di sicurezza è di tenere attiva la funzione Trova il mio iPhone/iPad/iPod configurabile accedendo in Impostazioni>iCloud>Trova il mio iPhone/iPad/iPod (passando da iOS 6 a iOS 7 tale funzione sarà già attiva di default), tenere attivi i servizi di localizzazione e magari attivare preventivamente il Blocco con codice del dispositivo (da Impostazioni>Generali>Blocco con codice).

LEGGI ANCHE: Cose da fare per avere più probabilità di rintracciare l’ iPhone, iPad e iPod rubato.

Come attivare la Modalità smarrito se è stato rubato o perso l’iPhone, iPad, iPod touch?

1. Non appena si è realizzato di aver perso il dispositivo oppure che è stato rubato, la prima cosa da fare è di attivare la Modalità smarrito per bloccare l’iPhone, iPad o iPod touch. In tal senso si può agire da un qualsiasi computer (Windows o Mac) collegato a internet accedendo su icloud.com/find oppure utilizzare l’applicazione Trova il mio iPhone/iPad/iPod da un altro dispositivo (quello di un amico o parente); in entrambi i casi effettuare il login con ID e password del proprio account Apple.

2. Una volta effettuato l’accesso, sulla mappa cliccare/toccare il proprio dispositivo poi la “i” per aprire la finestra delle opzioni di gestione. In questa finestra premere il pulsante Modalità smarrito:

iPhone Modalità smarrito

Ora nel caso in cui sul dispositivo non si è provveduto precedentemente a settare alcun codice di blocco, la Modalità smarrito chiederà di impostarlo in primis da remoto (come nell’esempio sotto in figura):

iPhone Modalità smarrito Blocco con codice

Fatto ciò, oppure se sul dispositivo era già attivato il blocco con codice, si dovrà procedere con i successivi due step:

Modalità smarrito iPhone digitare numero e messaggio

dove facoltativamente è possibile inserire un numero di telefono al quale si può essere raggiunti (1) e a seguire dopo aver premuto Avanti, nell’ultima schermata (2) sempre facoltativamente sarà possibile immettere anche un messaggio di testo che verrà visualizzato insieme al numero di telefono sullo schermo dell’iPhone, iPad, iPod touch rubato o perso. Dunque il ladro o comunque chi troverà il dispositivo visualizzerà queste due schermate oltre le quali non potrà andare senza conoscere il codice a quattro cifre di sblocco:

iPhone bloccato con Modalità smarrito

Ma ad ogni modo supponendo che riescano a bypassare tale schermata, per resettare il dispositivo e per disattivare Trova il mio iPhone/iPad/iPod touch, come detto prima sarà per forza di cose necessario conoscere l’ID e la password dell’account Apple del proprietario, senza i quali sarà impossibile procedere in tal senso.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…