Passa ai contenuti principali

Localizza, blocca e cancella Android cellulari e tablet da remoto con Gestione dispositivi Android

Google ha introdotto ufficialmente, dunque è accessibile a tutti gli utenti, il nuovo servizio online di Gestione dispositivi Android con il quale è possibile localizzare su mappa geografica Google Maps il proprio smartphone e/o tablet, farlo squillare da remoto, bloccarlo e cancellarlo alle impostazioni di fabbrica agendo sempre da remoto.

Funzionalità decisamente utili nel caso in cui il dispositivo è andato perso oppure è stato rubato, per poter così intervenire a distanza con il browser internet al fine di rintracciarlo oppure di limitare i danni riguardo la privacy dei dati sensibili presenti in memoria.

Per poter utilizzare Gestione dispositivi Android è necessario abilitare prima sul dispositivo la funzione Gestione dei dispositivi, dunque andare in Impostazioni > Sicurezza > Amministratori dispositivo e abilitare l’opzione “Consenti a Gestione dispositivi Android di bloccare un dispositivo perso o di cancellare i dati” (sotto in figura):

Android abilitare Gestione dispositvi

Ovviamente è necessario che sul dispositivo siano attivi i servizi di localizzazione, attivabili accendendo in Impostazioni > Servizi per la posizione.

Fatto ciò, sempre sul dispositivo Android adesso andare in Applicazioni e avviare l’app Impostazioni di Google e qui in Gestione dispositivi Android abilitare le due opzioni “Localizza questo dispositivo da remoto” e “Consenti ripristino dati fabbrica e blocco remoto” (sotto in figura):

Android app Impostazioni Google

Finito. Adesso si è pronti per usare a pieno il servizio online Gestione dispositivi Android, raggiungibile a questo indirizzo dal browser internet oppure adesso agendo anche dall’omonima e apposita applicazione gratis Gestione dispositivi Android disponibile sul Play Store, e a proposito dell’app Gestione dispositivi Android leggere anche la guida Rintracciare cellulare Android perso o rubato agendo come Ospite da un altro smartphone. Chi già ha usato su iOS l’app e annesso servizio web Trova il mio iPhone, su Gestione dispositivi Android si ritroverà davanti a un’interfaccia grafica abbastanza simile:

Gestione dispositivi Android sito internet

Come si avrà modo di notare il dispositivo verrà localizzato su mappa geografica Google Maps, nel mio caso la precisione della posizione è del 100%. Nel pannello di controllo a disposizione si hanno tre funzioni:

Fai squillare – Utile nel caso in cui ad esempio si è perso il cellulare o il tablet dentro casa, così da farlo suonare per rintracciarlo acusticamente;

Blocca – Utile nel caso in cui il cellulare o il tablet è andato perso in quanto con questa funzione sarà possibile bloccarlo con una nuova password;

Cancella – Utile funzione, da usare quando proprio si è sicuri di non riavere più indietro il cellulare o tablet Android, per cancellare da remoto tutti i contenuti del dispositivo ovvero file come foto, video, documenti, audio, account vari, applicazioni e impostazioni ripristinando lo smartphone o il tablet allo stato di fabbrica.

Da tenere a mente che dopo la cancellazione, il servizio Gestione dispositivi Android non funzionerà più, in quanto il ripristino è definitivo. Nel caso che nel momento in cui si è cliccato il pulsante Cancella, il dispositivo è offline, ad ogni modo il ripristino alla configurazione di fabbrica verrà effettuato automaticamente non appena tornerà online. Per quanto riguarda le schede di memoria SD potrebbe non essere possibile cancellare i dati contenuti all’interno.

Per maggiori dettagli e completa guida all’uso di Gestione dispositivi Android consultare questa pagina ufficiale.

LEGGI ANCHE: Migliori applicazioni per localizzare e ritrovare il cellulare perso o rubato.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…