Passa ai contenuti principali

Gmail ripristinare la vecchia interfaccia di composizione email con OldCompose

A fine dello scorso anno (2012) Google ha cambiato look all’interfaccia grafica di composizione delle email su Gmail che adesso permette di scrivere i nuovi messaggi di posta elettronica in una finestra popup che verrà caricata sopra la schermata Gmail sulla quale ci si trova attualmente (es. una email, la cartella posta inviata o ricevuta, il Cestino e qualsiasi altra directory Gmail) senza rimpiazzarla come invece accadeva prima.

Qualche mese più tardi, nel 2013, Google ha apportato un’ulteriore modifica a tale interfaccia per visualizzare la finestra popup di composizione centrata sullo schermo in modalità a schermo intero (nella prima versione infatti tale interfaccia veniva obbligatoriamente mostrata in basso a destra della finestra con dimensioni ridotte e non ampliabili, se non attivando la composizione in una finestra separata).

Non tutti però hanno gradito il nuovo look di composizione email di Gmail, in quanto la vecchia interfaccia essendo più ampia permetteva di avere a portata di mouse tutti gli strumenti necessari, comunque disponibili anche nella nuova ma organizzati diversamente. E se fino a poco tempo fa era possibile tornare alla classica interfaccia qualora non si gradisse l’ultima versione, adesso Google ha rimosso tale opportunità, di conseguenza il nuovo look di composizione email è diventato predefinito e l’unico che si può usare.

OldCompose è una estensione per Chrome (dovrebbe funzionare anche su Opera Next) sviluppata appositamente per ripristinare la vecchia interfaccia di composizione delle email su Gmail. Dunque se ora le email si scrivono con questa grafica:

Gmail nuova interfaccia composizione email

Dopo aver installato su Chrome l’estensione OldCompose, e riavviato Gmail, ecco che i messaggi di posta si potranno nuovamente comporre con il vecchio look:

Gmail OldCompose vecchia interfaccia composizione email

Fra l’altro dopo aver ripristinato la vecchia interfaccia, su Gmail tornerà anche a funzionare il tasto/scorciatoiaC” da premere per aprire subito una finestra di composizione email.

L’unico neo di OldCompose è che non si torva sul Chrome Web Store, e per poterla scaricarla nel PC, download da questa pagina, gli sviluppatori richiedono di inserire prima l’indirizzo email e poi di condividere il componente aggiuntivo su Twitter o su Facebook. Qualche utente generoso però si è preso la briga di caricare a questo indirizzo l’ultima versione di OldCompose per scaricarla direttamente senza fare tutti i giri appena citati.

Installazione di OldCompose

Scaricata l’estensione nel computer, il file OldCompose.crx, su Chrome aprire la pagina delle estensioni installate (da Strumenti>Estensioni oppure dal link chrome://extensions/) e qui sopra trascinare e rilasciare il file OldCompose.crx per installarla sul browser.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…