Passa ai contenuti principali

Chrome: 3 modi per farlo usare ad altri utenti come ospiti

Potrebbe capitare che qualche amico o parente ci chieda di usare il nostro computer per navigare internet. Ora a seconda dei casi questo può anche rivelarsi fastidioso magari perché si vorrebbe evitare che la cronologia di navigazione di quella persona si mischi con la nostra, oppure perché far prendere il controllo del PC ad altri lo si ritiene una cosa po’ troppo invasiva.

Ad ogni modo se si utilizza Google Chrome, ci sono tre modi per aggirare tali inconvenienti e far usufruire a quella persona del browser come ospite.

1. Creare un nuovo account utente Chrome

Il modo più semplice è sicuramente quello di creare un nuovo utente Chrome in modo tale da avviare una sessione separata dall’utente principale (noi) con la quale l’ospite potrà navigare internet senza però poter vedere la nostra cronologia, le estensioni installate e qualsiasi altro dato e/o personalizzazione.

Per fare ciò, avviare Chrome e accedere nelle Impostazioni, dunque scorrere la pagina fino ad individuare la sezione Utenti e come nell’esempio sotto in figura:

Chrome aggiungi nuovo utente

fare click sul pulsante “Aggiungi nuovo utente”. Subito dopo nella finestra popup “Crea utente” che verrà visualizzata:

Chrome crea utente

non resta che scegliere l’avatar desiderato, assegnare un nome utente, spuntare la casella “Crea un collegamento sul desktop per questo utente” e confermare cliccando il pulsante Crea. Dunque tornare al Desktop di Windows e avviare Chrome dalla nuova icona dell’utente ospite, sessione che sarà del tutto indipendente da quella principale.

2. Avviare Chrome in modalità Kiosk

La modalità Kiosk l’avevamo già scoperta nell’articolo 5 funzioni Chrome attivabili con parametri specifici e in pratica non fa altro che avviare il browser di Google a tutto schermo coprendo anche la barra delle applicazioni di Windows.

La soluzione Kiosk torna utile quando si preferisce non far vedere all’ospite quello che c’è dietro la finestra di Chrome e/o comunque per impedire che possa navigare fra le cartelle del computer tramite la barra delle applicazioni e/o le icone di collegamento sul Desktop.

Come spiegato nell’articolo sopra menzionato, per abilitare la modalità Kiosk è necessario agire sull’icona di collegamento di Chrome; nello specifico cliccarla con il tasto destro del mouse e nel menu fare click su Proprietà, quindi nella finestra Proprietà Google Chrome che verrà visualizzata, spostarsi nella scheda Collegamento e nel campo Destinazione subito dopo \chrome.exe dare uno spazio e incollare il parametro --kiosk:

Chrome kiosk

confermare cliccando Applica e OK. Adesso avviando Chrome ci si potrà rendere conto personalmente che tale modalità a schermo intero impedisce di vedere al di fuori della schermata del browser la quale infatti non potrà neanche essere ridotta a icona; per chiudere Chrome si dovrà premere Alt+F4.

La modalità Kiosk però non impedisce di mischiare la cronologia di navigazione dell’utente ospite con la nostra. In tal caso se si desidera avere entrambe le caratteristiche, basterà creare un nuovo utente come spiegato nel metodo 1 e modificare l’icona di avvio di Chrome ospite inserendo il parametro --kiosk come appena illustrato.

3. Avviare Chrome in modalità Incognito

Chrome Incognito

Oppure si potrebbe prendere in considerazione di usare Chrome in incognito, ovvero la modalità di navigazione anonima del browser di Google che non salva alcuna cronologia dei siti visitati né i cookie né altri dati relativi a quella sessione internet.

Per lanciare Chrome in incognito, dopo aver aperto il browser normalmente, nella tastiera premere la combinazione dei tre tasti Ctrl+Maiusc+N oppure espandere il menu Impostazioni e cliccare la voce “Nuova finestra di navigazione in incognito”. In entrambi i casi subito dopo verrà così aperta una nuova finestra di Chrome con la quale navigare il web senza lasciare tracce sul browser né sul computer dell’attività internet svolta in quella sessione.

Quando Chrome è in modalità incognito ci si potrà subito rendere conto di ciò se nella barra del titolo della finestra in alto a sinistra è presente l’icona di un anonimo con cappello, occhiali scuri e impermeabile (vedi immagine sopra).

LEGGI ANCHE: Come navigare sempre anonimi con Firefox, Internet Explorer e Chrome senza lasciare tracce.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…