Passa ai contenuti principali

Eliminare tutte le sottocartelle vuote da una cartella principale con un click

A forza di installare e disinstallare programmi dal computer, soprattutto se non li si rimuove dal sistema nel modo giusto, dopo qualche tempo non è raro trovarsi sparse in giro per Windows diverse cartelle vuote che a loro volta si trovano dentro altri vuoti ancora.

Dato che di cartelle vuote molto probabilmente ce ne saranno svariate, andare a cercarle una per una non avrebbe senso e non varrebbe il disturbo. Anche perché esistono programmi appositi con i quali è possibile trovarle ed eliminarle facilmente dal PC in un colpo solo, come ad esempio i software gratis Empty Folder Remover, Folder Cleaner e Vanity Remover.

Ma è anche vero però che bisogna stare attenti e sapere quali cartelle si stanno per cancellare in quanto anche se sono vuote, alcune di esse potrebbero appartenere ed essere essenziali per il funzionamento di qualche programma installato e/o di altre risorse ancora.

Premesso ciò, nel caso in cui si ha l’esigenza di eliminare tutte le sottocartelle vuote presenti dentro una cartella specifica, e si ha la certezza che non sono importanti per il funzionamento di Windows o di qualche software, in tal caso il piccolo programma gratis Sub4Del può rivelarsi un comodo aiuto in quanto il suo compito è proprio quello di eliminarle con un solo click di mouse. Vediamo come.

Per prima cosa scaricare e installare Sub4Del. Durante l’installazione scegliere la modalità Advanced e deselezionare le tre caselle sponsor della Delta Toolbar. Una volta installato, avviarlo e nella piccola finestra  Sub4Del Options che verrà visualizzata, come nell’esempio sotto in figura:

Sub4Del Options

spuntare tutte e tre le caselle/opzioni in modo tale che Sub4Del, partendo dall’alto, venga integrato nel menu contestuale del mouse, chieda la conferma prima di eliminare le cartelle, mostri un messaggio dopo l’eliminazione delle cartelle; confermare cliccando OK.

Finito. Adesso non resta che far entrare in azione il programma. Dunque con il tasto destro del mouse cliccare la cartella dalla quale si desidera eliminare tutte le sottocartelle vuote presenti al suo interno, e come nell’esempio sotto in figura:

Sub4Del Remove Empty Sub Folders

nel menu contestuale fare clic sulla voce “Remove Empty Sub Folders” e confermare l’eliminazione. Subito dopo il messaggio di notifica “Done” informerà che tutte le sottocartelle vuote presenti dentro la directory selezionata sono state cancellate; se infatti si prova a dare uno sguardo si noterà personalmente il risultato ottenuto.

Compatibile con Windows: Tutte le versioni

Dimensione: 785 KB

Download Sub4Del

Commenti

  1. interessante eliminare le cartelle vyuote, cosa che fa anche GLARY UTILITY, appunto cercandole, ed in effetti se ne trovano parecche. Il problema sorge quando bisogna capire quelle utili o superflue, e per gli utenti meno esperti,la maggior parte, sorgono problemi ed errori,che poi si scontano col malfunzionamento. sarebbe opportuno che qualcuno ideasse apposito programma automatico , " INTELLIGENTE ", CHE PROVVEDA ALLA ELIMINAZIONE, SICURA, e non dirmi che con la tecnologia di oggi e' impossibile. Ciao e grazie per la continua corretta,utile informazione, che ci propini a dosi allopatiche. .ADAMAS

    RispondiElimina
  2. Ciao Adamas ;), premetto che in giro non ce ne sono ancora programmi così, di certo non è impossibile svilupparli ma sicuramente qualche cartella da non eliminare verrà comunque eliminata. Ci sono troppe variabili da tenere in considerazione.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…