Passa ai contenuti principali

Vedere le password salvate nel PC dei programmi e dei siti internet

Vedere le password salvate nel PC dei programmi e dei siti internet

Per forza di cose oggi chi utilizza il computer deve creare diversi account con email e password per potersi servire dei vari programmi e servizi internet di cui si necessita.

Ad esempio un account Gmail per la posta elettronica e/o quello Outlook e/o di altri fornitori ancora, l’account per Facebook, Google+, Twitter, Instagram, eBay, PayPal, Messenger, quello per giocare online con il proprio videogame preferito e tanti altri a seguire.

Va da se che a seconda dell’uso che si vuole fare del PC sarà inevitabile superare anche la decina se non la ventina di account da creare; il che si traduce in tante email e tante password associate da ricordare.

Per evitare di dimenticare i dati di accesso a software e siti internet si potrebbe prendere in considerazione di memorizzarle su i vari password manager che è possibile trovare sulla rete come ad esempio i gratuiti Sicurpas, Password Safe, Pault e Free Password Manager. C’è anche chi preferisce salvare i dati di accesso ai servizi web direttamente sul browser internet o chi per maggiore prudenza preferisce annottarle alla vecchia maniera con la penna in un agenda. Sta di fatto che per un motivo o per l’altro perdere o dimenticare la password di accesso a un programma o sito web non è cosa rara, anzi. In tal caso potrebbero tornare utili queste 14 applicazioni freeware per recuperare le password e email associate dai browser internet.

Oppure ci si potrebbe anche servire del valido programma gratis PasswdFinder per Windows che ha il compito di trovare le password salvate nel PC non solo quelle memorizzati nei browser internet (Firefox, Google Chrome, Safari, Opera) bensì anche quelle di svariati programmi come ad esempio: Outlook, Yahoo Messenger, MSN Messenger, CamFrog, Google Talk, ICQ, Mozilla Thunderbird, Eudora e tante altre ancora.

Facile da usare, una volta installato e avviato, PasswdFinder mostrerà per 15 secondi una notifica che informa l’utente del fatto che le password trovate dal software non verranno in alcun modo condivise, né online o in altre maniere; infatti il programma funziona anche senza connessione internet. Chiusa la notifica, PasswdFinder in automatico avvierà la scansione dei dati memorizzati nel computer e al termine in base alle applicazioni da esso supportate mostrerà in lista le password con annesse email trovate e memorizzate nel PC (come nell’esempio sotto in figura):

PasswdFinder password trovate

Partendo da sinistra, nella prima colonna è visualizzato il link o il nome del programma associato all’email e alla password che rispettivamente vengono mostrate nella seconda e terza colonna. All’occorrenza facendo clic sul pulsante che il floppy come icona si potrà salvare la lista delle password trovate in un documento HTML o di testo (TXT e PDF ad esempio), oppure facendo clic sull’icona della stampante è possibile stampare direttamente l’intera lista dei dati di accesso individuati dal programma.

Infine accedendo nelle opzioni di PasswdFinder (cliccando il pulsante che ha come icona il martello) e a seguire facendo clic sul pulsante “Filtra secondo i titoli del software”, come nell’esempio sotto in figura:

PasswdFinder programmi supportati

sarà possibile vedere tutti i software supportati da PasswdFinder ed eventualmente deselezionare/selezionare quelli che si desidera rimuovere o aggiungere all’indice della scansione.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7 e 8

Dimensione: 3.37 MB

Download PasswdFinder

Commenti

  1. a me il programma fa la ricerca ma non trova nessuna password

    RispondiElimina
  2. Simone ma sul PC, sul browser internet hai salvato qualche password?

    RispondiElimina
  3. Perchè non dite anche che nella installazione del programma rifilate anche degli spyware?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Uno, noi non rifiliamo niente perché il programma non è nostro; noi ci limitamo solo a segnalare programmi utili.

      Due, il programma non ha nessun spyware o virus bensì come segnalato da analisi VirusTotal (link a fine commento), il programma contiene OpenCandy ovvero durante l'installazione propone l'installazione extra di software sponsor che sta a te deselezionare/rifiutare tramite apposita opzione "Installazione personalizzata" che è ben visibile.

      Tre, la maggior parte dei programmi per recuperare password è segnalata da diversi antivirus come possibile minaccia, proprio per il fatto che sono in grado di visualizzare le password salvate, dunque sono dei falsi positivi non dei malware.

      https://www.virustotal.com/it/file/e7e7fc3474a06bc6cdb44c73ad38154d4035aac19ade527ba21872f7e75aec54/analysis/1436496626/

      Elimina
    3. E riguardo a OpenCandy dai un'occhiata a questo articolo:

      http://www.guidami.info/2015/06/come-eliminare-opencandy-dal-computer.html

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…