Passa ai contenuti principali

MEGA è il nuovo Megaupload con 50 GB di spazio online gratis

MEGA è il nuovo Megaupload con 50 GB di spazio online gratis

Poco più di un anno fa l’FBI chiuse Megaupload (e Megavideo) per pirateria arrestando Kim Schmitz il fondatore, conosciuto anche come Kim Dotcom, e altri suoi collaboratori.

Dopo una serie di avventure legali Kim Dotcom venne rilasciato su cauzione e come da lui promesso, Megaupload vedrà nuovamente la luce. Ed è stato di parola. Infatti da pochi giorni è online MEGA il nuovo servizio di cloud storage fondato in Nuova Zelanda sempre da Kim Dotcom con il suo team e che prende il posto di Megaupload.

Ed è stato subito un successo. A poche ore dal lancio ufficiale erano già centinaia di migliaia i nuovi account creati tanto che l’enorme afflusso di utenti ha causato ovviamente qualche rallentamento iniziale nell’usabilità del servizio. Tante sono le novità interessanti che caratterizzano MEGA raggiungibile a questo indirizzo.

Tanto per iniziare, come era possibile fare con Megaupload, anche con MEGA è possibile caricare file online in modo anonimo senza registrarsi, semplicemente collegandosi con la Home Page del servizio e facendo clic sul pulsantone rosso con scritto sopra MEGA:

MEGA

Se invece si crea un account gratuito si avranno a disposizione ben 50 GB di spazio di archiviazione online, capacità decisamente generosa se raffrontata a quella degli altri servizi di cloud storage. Ovviamente per chi esige di più non potevano mancare gli account Pro, disponibili in tre differenti piani:

Pro 1 – 500 GB di spazio, 1 TB di larghezza di banda, costo 9,99 euro al mese;

Pro 2 – 2 TB di spazio, 4 TB di larghezza di banda, costo 19,99 euro al mese;

Pro 3 – 4 TB di spazio, 8 TB di larghezza di banda, costo 29,99 euro al mese.

Non ci sono limiti di dimensione in upload dei file sul proprio account; l’unico limite è legato allo spazio di archiviazione che si ha a disposizione. Inoltre i dati caricati vengono protetti da crittografia con algoritmi AES-128 e RSA-2048 più il protocollo HTTPS per il trasferimento sicuro dei file.

MEGA è già disponibile in multilingue fra le quali non manca l’italiano (selezionabile dalla barra degli strumenti in alto a destra della pagina). Essendo ottimizzato per l’HTML5, dopo aver creato l’account, al fine di ottenere le migliori prestazioni del servizio verrà suggerito, se già non lo si sta facendo, di utilizzare il browser Google Chrome che da questo punto di vista è già configurato a differenza di Firefox, Internet Explorer e altri.

Bella l’interfaccia grafica per la gestione dei propri file e del proprio account, leggera, ordinata ed intuitiva (sotto il File Manager):

MEGA File Manager account

Accedendo in “Il mio account” si potrà vedere lo spazio di archiviazione attualmente utilizzato, regolare a piacimento le impostazioni di trasferimento (upload e download paralleli, settare eventualmente limiti in upload e download) e vedere la cronologia delle sessioni all’account in questione.

Al momento MEGA è ottimizzato per il browser Desktop ma come annunciato nelle FAQ prossimamente sarà disponibile anche per i dispositivi mobili e tablet. Consiglio infine vivamente di dare uno sguardo agli argomenti raccolti in Menu e alle FAQ di MEGA per comprendere a pieno le funzionalità e i termini del servizio.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…