Passa ai contenuti principali

Come fare il backup e ripristino degli addon di Firefox e non solo

Come fare il backup e ripristino degli addon di Firefox e non solo

I browser internet odierni rispetto al passato si sono evoluti notevolmente e fra le principali caratteristiche delle quali ormai non se ne può più fare a meno, gli addons o componenti aggiuntivi o estensioni, se si preferisce chiamarli così, sono sicuramente al primo posto.

Semplicemente per il fatto che con gli addons si possono ampliare le funzionalità dei browser internet, ovvero compiere determinate azioni che normalmente senza di essi non si potrebbero attuare o che costringerebbero l’utente a servirsi di software di terze parti per raggiungere il medesimo scopo.

Addons per scaricare video dai siti internet, musica, immagini, giochi, convertire pagine web in PDF, nascondere banner, analizzare con l’antivirus i link e i siti web sospetti, estensioni per tradurre nella propria lingua le pagine scritte in una lingua differente e via dicendo. Va da se che per soddisfare specifiche esigenze per forza di cose nel browser si andranno ad installare diversi e preziosi componenti aggiuntivi in maniera tale da averli sempre a portata di clic quando sarà necessario servirsene.

Il problema in questo caso si pone nell’eventualità in cui il rischio è quello di perdere gli addon installati magari perché il PC è stato infettato da un virus o presenta errori gravi al sistema che obbligano alla formattazione, o semplicemente perché si deve reinstallare il browser, oppure si desidera esportare gli addons per installarli sullo stesso browser ma su un altro computer. La soluzione a questi problemi è quella di fare il backup del browser internet o dei soli componenti aggiuntivi. In tal senso le risorse per farlo non mancano di certo, ad esempio abbiamo già conosciuto software gratis appositi come Google Chrome Backup, MozBackup, FavBackup, MailBrowserBackup, Hekasoft Backup & Restore e BrowserBackup Pro.

Restando nello specifico di Mozilla Firefox, invece di servirsi di un programma si potrebbe prendere in considerazione di usare l’addon FEBE con il quale in maniera semplice è possibile fare il backup dei componenti aggiuntivi installati o all’occorrenza dell’intero profilo del browser (nomi utente e password salvate, cookie, impostazioni, cronologia, riempimento moduli, permessi, impostazioni, segnalibri e altro ancora, anche singolarmente non per forza tutti insieme).

Fra l’altro FEBE è facile da usare ed è anche multilingue, italiano compreso. Vediamo come funziona. Dopo aver installato FEBE e riavviato Firefox, nella barra dei menu del browser fare clic su Strumenti>FEBE>Opzioni FEBE, verrà visualizzata questa omonima finestra (sotto in figura):

Opzioni FEBE per fare il backup del browser o singoli elementi

Nella scheda Backup elementi dunque nella sottoscheda Tipo di backup da effettuare in modalità Backup selettivo si potranno indicare (selezionandoli) i dati di Firefox per i quali si desidera fare il backup, ad esempio le estensioni, i temi ed Elementi supplementari come segnalibri, cookie, cronologia e vari. Si può selezionare tutto oppure soltanto i dati di proprio interesse mettendo la flag su quelli desiderati.

All’occorrenza si può indicare di procedere direttamente al Backup di tutto il profilo oppure di Entrambi i tipi ovvero Backup selettivo più Backup di tutto il profilo. E’ anche possibile effettuare backup personalizzati ed eventualmente indicare gli elementi da escludere dal backup (agendo dalle apposite sottoschede). Quando si hanno dei dubbi su una funzione/opzione di FEBE in tal caso basterà cliccare la l’icona i di colore blu per poter consultare la spiegazione in italiano.

Una volta configurati gli elementi da includere nel backup, spostarsi nella scheda Cartelle, per indicare come nell’esempio sotto in figura:

Indicare cartella di destinazione dove salvare il backup di Firefox

la cartella di destinazione dove si preferisce salvare il backup una volta generato. Spuntando l’opzione Utilizza cartelle con data/ora, gli elementi del backup verranno automaticamente salvati dentro una sottocartella che verrà creata nella destinazione sopra indicata, e che verrà rinominata con data e ora del backup in maniera tale da poterla distinguere facilmente dalle eventuali cartelle create con i nuovi e futuri backup. Ancora, se occorre con FEBE è anche possibile programmare i backup giornalmente, settimanalmente o mensilmente accedendo nella scheda Backup programmati. Una volta terminata la configurazione del backup confermare cliccando OK. Adesso per avviare il backup, nella barra dei menu di Firefox non resta che fare clic su Strumenti>FEBE>Effettua backup; al termine dell’operazione la cartella di backup verrà salvata nella destinazione precedentemente indicata.

Quando in futuro si vorrà ripristinare il backup, nella barra dei menu del browser basterà fare clic su Strumenti>FEBE>Ripristina o Ripristina profilo completo, dunque indicare la cartella contenente il backup creato in precedenza e confermare per avviare il tutto.

Download FEBE

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…