Passa ai contenuti principali

Windows 8: recuperare file cancellati attivando la Cronologia file

Windows 8: recuperare file cancellati attivando la Cronologia file

Il nuovo sistema operativo della Microsoft, Windows 8, rispetto alle precedenti versioni include nuove funzionalità e fra esse una decisamente utile è sicuramente la Cronologia file.

Con la Cronologia file è infatti possibile recuperare i file cancellati dall’hard disk per errore o in seguito a problematiche varie; una funzione nativa di Windows 8 che consente di fare a meno di programmi di terze parti sviluppati appositamente per lo scopo e che a differenza di quest’ultimi è in grado di ripristinare la totalità dei file eliminati non solo alcuni e/o parzialmente.

Tale funzione infatti salva una copia dei file presenti nell’hard disk principale automaticamente ogni intervallo di tempo indicato dall’utente creando così una vera e propria cronologia dalla quale quando sarà necessario si potrà provvedere al recupero dei file eliminati.

Da impostazioni predefinite la Cronologia file è disattivata; dunque per servirsene è prima necessario attivare la funzione. Sotto a seguire andiamo dunque a vedere come attivare e configurare la Cronologia file in Windows 8 e tramite essa come recuperare i file cancellati accidentalmente.

Attivare e configurare la Cronologia file in Windows 8

Per prima cosa è necessario disporre possibilmente di un hard disk esterno da collegare al computer sul quale Windows 8 andrà a salvare la cronologia dei file. Per accedere alla funzione Cronologia file richiamare la Charm Bar con la combinazione dei due tasti Windows+C e in Ricerca digitare Cronologia file settando come filtro Impostazioni, quindi fare clic sull’icona Cronologia file che verrà mostrata nei risultati (esempio sotto in figura):

Charm Bar cercare Cronologia file

Come detto in apertura da impostazioni predefinite la funzione Cronologia file è disattivata. Di conseguenza è necessario attivarla manualmente:

Windows 8 Cronologia file

facendo clic sul pulsante Attiva. Subito dopo in automatico verrà riconosciuto e associato l’hard disk esterno o altra unità di memoria USB collegata al computer sul quale sarà creata e salvata la cronologia dei file. Una volta abilitata la funzione è possibile personalizzare alcune opzioni secondo le proprie esigenze cliccando la voce Impostazioni avanzate a sinistra della finestra:

Impostazioni avanzate Cronologia file

Ad esempio si potrà indicare ogni quanto tot tempo salvare le copie dei file, di default Ogni ora, ma volendo anche ogni 10, 15, 20, 30 minuti oppure ogni 3, 6, 12 ore o ancora ogni giorno; si può anche settare la dimensione della cache offline da un minimo del 2% a un massimo del 20% di spazio su disco; infine è anche possibile indicare per quanto tempo tenere le versioni salvate dei file, da impostazioni predefinite Sempre, ma all’occorrenza si possono tenere i salvataggi per 1, 3, 6, 9 mesi, oppure per 1, 2 anni.

Rendere effettive le personalizzazioni apportate cliccando il pulsante Salva modifiche. Da ora in avanti ogni intervallo di tempo indicato, sull’unità di memoria esterna associata, in automatico Windows 8 creerà e salverà la Cronologia file dalla quale sarà possibile recuperare in ogni momento gli eventuali file cancellati per errore dal sistema operativo.

Come recuperare file cancellati agendo dalla Cronologia file

Il procedimento è abbastanza semplice. Se si desidera recuperare un documento, video, musica, immagine, è possibile accedere alla relativa Cronologia file aprendo prima la cartella Documenti, Video, Musica o Immagini (a seconda della tipologia del file da ripristinare) e come nell’esempio sotto in figura:

Accedere alla cronolgia file dalla cartella Windows

nella barra degli strumenti della cartella fare clic sul pulsante Cronologia. Oppure per richiamare la Cronologia file generale (non filtrata per tipologia di file), nella Charm Bar effettuare nuovamente la ricerca Cronologia file e nella finestra della funzione nel menu a sinistra cliccare la voce Ripristina i file personali. Subito dopo verrà così visualizzata la Home Page della Cronologia file (sotto in figura):

Home Page Cronologia file

dalla quale si potrà accedere alle varie tipologie delle copie dei file salvate nell’unità di memoria esterna. La cronologia è organizzata per data e ora, comoda soluzione per rintracciare i file in ordine di tempo. Una volta entrati nella directory che contiene i file cancellati che si desidera recuperare, come nell’esempio sotto in figura:

Cronologia file Recuperare file cancellati

basterà selezionare quelli di proprio interesse, cliccare la selezione con il tasto destro del mouse e nel menu contestuale fare clic sulla voce Ripristina per ripristinarli nella loro posizione originaria (dove si trovavano prima di essere eliminati), oppure cliccare la voce Ripristina in per indicare una destinazione personalizzata nella quale si preferisce vengano ripristinati, ad esempio sul Desktop o su una nuova cartella creata appositamente.

Commenti

  1. Ciao, grazie per questa preziosa informazione. Ti volevo chiedere: da quanto hai scritto quindi l'hard disk deve essere sempre collegato al PC o cosa?
    Scusa la mia ignoranza.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kooma, si perché è sull'unità di memoria che indicherai che verrà salvata la cronologia dei file. ;)

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Scaricare video da ogni sito internet – Migliori programmi gratis per farlo

Scaricare video da internet è un’operazione ormai comune a tutti. La maggior parte degli utenti ha imparato bene come fare il download dei filmatidalla rete.

Ma la tendenza per la stragrande maggioranza degli utenti è quella di scaricare video sempre dagli stessi siti, tendenza in parte dovuta alla loro popolarità, al tanto materiale disponibile e alle varie risorse gratis sviluppate appositamente per fare il download da quei siti.

Però bisogna ricordare che oltre ai soliti noti, internet brulica di tanti altri portali video ricchi di contenuti di vario tipo e genere. L’unico problema potrebbe essere quello di non sapere come fare a scaricare i video nel PC anche da questi siti, magari perché non esistono estensioni dedicate o software appositi.

A tale proposito sotto a seguire andiamo dunque a vedere una lista dei migliori programmi gratis per scaricare video praticamente da ogni sito internet, anche da quelli dove normalmente è impossibile farlo.

1. aTube Catcher
Ne avevamo parlato de…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…

3 modi per aumentare il volume dei file video se l'audio è troppo basso

Alcune volte può capitare che riproducendo un file video al computer, un film scaricato da internet ad esempio, l'audio sia troppo basso e di conseguenza si faccia fatica a sentire i dialoghi anche aumentando al massimo il volume del player multimediale e/o del computer stesso.

Se si sta usando un computer fisso si può rimediare facilmente alzando il volume delle casse collegate al case, mentre invece il discorso cambia se si sta usando un computer portatile per il quale per ovvie ragioni di comodità, specialmente se si è fuori casa, non si avranno sicuramente con se le casse esterne da collegare al PC, di conseguenza aumentare il volume del lettore e del computer stesso potrebbe rivelarsi essere non sufficiente per ottenere un livello audio accettabile.

In tali circostanze si può comunque risolvere abbastanza rapidamente riproducendo il video su alcuni player multimediali provvisti di apposita opzione che permette di aumentare ulteriormente il volume anche se lo si è già portato …