Passa ai contenuti principali

Comprimere video, audio e immagini per ridurne la dimensione con File Sizer

Comprimere video, audio e immagini per ridurne la dimensione con File Sizer

Ridurre la dimensione dei video, dei file audio e/o delle immagini è una soluzione che può tornare utile principalmente in tre circostanze: per inviarli come allegato email, per farli stare dentro la chiavetta USB, per risparmiare spazio su disco o dispositivo di memoria.

Per quanto riguarda la compressione dei video in passato abbiamo già visto come fare utilizzando Format Factory e Moo0 VideoMinimizer, Shrink Pic per comprimere le immagini e yacib Portable Mp3 per comprimere gli MP3.

File Sizer è un altro programma gratis della medesima gamma ma esso è stato sviluppato non per comprimere una sola tipologia di file bensì consente di ridurre la dimensione sia dei video che dei file audio e delle fotografie. Con File Sizer i file possono essere ridotti fino al 20% della dimensione originale con conseguente e notevole risparmio di spazio in memoria. Vediamo come funziona.

Facile da usare, una volta installato e avviato File Sizer si presenterà con questa interfaccia grafica (sotto in figura):

File Sizer

1. Premere il pulsante evidenziato in verde per indicare la cartella nella quale è contenuto il/i video o file audio o immagine che si desidera comprimere. Subito sotto nel riquadro che riporta il contenuto della cartella appena indicata, con un clic di mouse selezionare il/i file di proprio interesse e aggiungerlo alla lista di lavoro cliccando il pulsante Add evidenziato in fucsia.

2. Adesso, in basso nella lista/riquadro di lavoro, selezionare con un clic di mouse il file appena aggiunto e agire sul cursore evidenziato in blu per indicare la percentuale di compressione di proprio interesse (da 20% a 100%): più la percentuale di compressione indicata è bassa, minore sarà la dimensione finale del file che si otterrà al termine del processo.

Prima di avviare il tutto, cliccando il pulsante Preview è possibile riprodurre in anteprima il file per vedere se la percentuale di compressione applicata rende il file qualitativamente accettabile o meno; dunque se necessario si potrà provvedere nel modificare ulteriormente la compressione fino a che non si ottiene il risultato desiderato.

Inoltre all’occorrenza espandendo il menu Output format è anche possibile convertire il file in un altro formato fra quelli disponibili; se non si desidera effettuare la conversione lasciare impostata l’opzione Original.

3. Non resta che cliccare il pulsante evidenziato in giallo per indicare la cartella di destinazione nella quale si preferisce salvare al termine del processo il file compresso, magari nel Desktop, e avviare la compressione cliccando il pulsante Compress All evidenziato in rosso. Al termine, nella finestra di avanzamento del processo, conclusa la compressione (come nell’esempio sotto in figura):

File Sizer termine compressione nuova dimensione del file

in corrispondenza della colonna Target Size verrà mostrata la nuova dimensione (quella del file compresso che comunque non sostituisce il file originale) confrontabile con quella originaria riportata invece nella colonna Source Size.

Compatibile con Windows: 2000, XP, Vista e 7

Dimensione: 9.68 MB

Download File Sizer

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…