Passa ai contenuti principali

Proteggere la connessione internet da hacker e phishing con WiFi Protector

Proteggere la connessione internet da hacker e phishing con WiFi Protector

In questo articolo abbiamo già elencato una lista di programmi che gli hacker o comunque qualsiasi altra persona capace di manovrali potrebbe usare per entrare forzatamente in una rete Wi-Fi anche se essa è protetta da password debole.

Se poi la rete non è adeguatamente messa in sicurezza allora ci si potrebbe facilmente ritrovare alla mercé di malintenzionati che riuscendo ad intrufolarsi nella connessione avrebbero campo libero per impossessarsi di dati di navigazione come ricerche effettuate sul web, password, numeri di carte di credito, email digitate e in generale di qualsiasi altro dato sensibile immesso online.

In linea di massima una connessione Wi-Fi con criptazione WPA/WPA2 si può proteggere in modo abbastanza sicuro settando una password di almeno otto-dieci caratteri alternando lettere (qualche maiuscola non guasta) a numeri e simboli. Se a casa si è adottato questo accorgimento mettendosi così al sicuro, il discorso cambia quando con il PC ci si connette a internet da un hotspot pubblico del quale si sa poco e niente riguardo la sicurezza della rete in questione e alla quale soprattutto sono libere di accede svariate persone, magari tra esse qualche malintenzionato pronto ad intercettare i i pacchetti dati dei malcapitati.

In tal caso WiFi Protector potrebbe rivelarsi un risorsa utile in quanto si tratta di un programma gratis sviluppato appositamente per proteggere la connessione internet wireless sia essa privata o di un hotspot pubblico. Il compito di questa applicazione è quello di scansionare ed analizzare le reti Wi-Fi rilevate dal computer e mettere in sicurezza tramite crittografia a 256 bit quella alla quale ci si è connessi.

Avviata la protezione della rete tramite VPN al quale si appoggia il programma si potrà inoltre navigare internet in anonimato in quanto il reale indirizzo IP viene nascosto e sostituito da uno fasullo (in circa 6-7 test risultavo connesso sempre dagli Stati Uniti d’America), inoltre si potranno così navigare anche quei siti web normalmente bloccati nella propria area geografica di provenienza. Facile da usare, una volta installato e avviato WiFi Protector si presenterà con questa interfaccia grafica (sotto in figura):

WiFi Protector

nella quale verranno riportate tutte le reti rilevate dal computer, tra esse quella alla quale si è connessi. Per proteggerla non resta che cliccare il pulsante GET PROTECTED ed ecco che l’indirizzo IP verrà camuffato e la connessione messa in sicurezza da parte di phishing e programmi di hacking Wi-Fi vari. Nel menu a sinistra dell’interfaccia grafica iniziale cliccando la voce View trusted devices evidenziata in rosso, come nell’esempio sotto in figura:

WiFi Protector dispositivi connessi alla rete Wi-Fi

verrà mostrata la lista dei dispositivi connessi alla rete Wi-Fi in questione. Dispositivi che si possono segnalare come sicuri (nel caso in cui effettivamente si conoscono) cliccando la voce Trust this device corrispondente. Quando WiFi Protector rileverà un nuovo dispositivo connesso alla medesima rete, mostrerà una notifica in merito.

Compatibile con Windows: XP, Vista e 7

Dimensione: 7.25 MB

Download WiFi Protector

Commenti

  1. ciao winni sono ale, e da tanto tempo che non ci sentiamo,ma chi non muore si rivede.
    allora: io sto usando questo programma che mi e utile, però,quanto viene avviato, noto che non mi fa entrare nella mia email,(libero)ma se lo spengo si,, il motivo? cosi non posso essere tanto sicuro, visto che per entrare in un sito lo devo spegnere.. ciaooo

    RispondiElimina
  2. Ciao Ale bentornato ;) E' probabile che il VPN blocchi l'esecuzione di alcuni contenuti della mail. Se hai altri indirizzi di posta prova a vedere se quelli li fa aprire.

    RispondiElimina
  3. WINNIE WI-FI PROTECTOR FUNZIONA VERAMENTE BENE,ANZI ECCESSIVAMENTE BENE MA E' IN CONTRASTO CON GLI ACCOUNT EMAIL DI GOOGLE ED ALTRI. INFATTI IO USO COME CLIENT EMAIL FISSO...EMAIL TRAY E SPESSO MI ARRIVA LA NOTIFICA DI RICONFIGUARE GLI ACCOUNT ..E SAI CHE MENATA, ADDIRITTURA ANCHE GOOGLE,GIUSTAMENTE ATTIVA UNA PROCEDURA DI SICUREZZA,CHIEDENDOMI SE SONO IO,O SE E' UN TENTATIVO DI INTRUSIONE FRODANTE,,,DUNQUE DEVO RIATTIVARE ANCHE CON GOOGLE TRAMITE LA LORO PROCEDURA DI SICUREZZA ECC....POI SI RIATTIVA IL TUTTO,,,E GOGLE NON INTERVIENE PIU MA ALTRI ACCOUNT COLLEGATI CON INTERNET ESXPLORE 9 SEGNALANO DISTURBO E LO STESSO WINDOWS UPDATE,QUANDO E' ATTIVO WI-FI PROTECT NON SCARICA EVENTUALI AGGIORNAMENTI,UNA VOLTA DISATTIVATO SI. COME FARE? GRAZIE ADAMAS

    RispondiElimina
  4. Adamas il problema è dovuto sicuramente al servizio VPN che potrebbe causare qualche conflitto con i protocolli delle email, in tal caso apri l'email con WiFi Protector disattivo.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…