Passa ai contenuti principali

Come rendere Firefox più veloce se diventa lento

Giorno dopo giorno o minuto dopo minuto Firefox diventa sempre più lento nell’aprirsi e nel caricare siti e pagine web? Il problema riguarda parecchi utenti ed è dovuto in parte al browser stesso che passata qualche decina di minuti inizia a rallentare soprattutto nel caso in cui nella sessione internet in questione sono state aperte più pagine e siti web magari con contenuti e animazioni flash.

Dall’altra parte però la colpa è anche dell’utente che adopera il browser di casa Mozilla con il quale nell’arco di tutto il tempo in cui lo ha utilizzato ha provveduto ad installare componenti aggiuntivi ed estensioni varie, spesso inutili, che sommandosi l’uno con l’altro hanno fatto decadere le performance di Firefox. Se ci si riconosce in questo problema andiamo dunque a vedere alcune soluzioni per far diventare Firefox più veloce se è diventato lento.

In questo articolo abbiamo già visto una serie di addons e di applicazioni freeware per ottimizzare la memoria, accelerare e rendere Firefox più veloce. Si potrebbe provare con una di queste soluzioni ma probabilmente in alcuni casi si riveleranno non del tutto sufficienti nel migliorare le performance del browser. Allora si deve ricorrere ad altre azioni, tre principalmente: disattivare i plugin non necessari, disattivare o rimuovere le estensioni non necessarie, eliminare i dati di navigazione.

Disattivare i Plugin di Firefox

I Plugin di Firefox come ad esempio i noti ed essenziali Adobe Flash Player, Silverlight, Java, e Office, aiutano e migliorano la navigazione, la gestione e la visualizzazione delle pagine e dei siti internet. Molto probabilmente la lista dei plugin del browser di casa Mozilla sarà però più ampia dunque occorrerà individuare quelli non essenziali e disattivarli (i plugin si possono solo disattivare non disinstallare, eccetto quelli provenienti da installazioni terze).

Per accedere alla lista dei plugin di Firefox seguire il percorso Strumenti>Componenti aggiuntivi>Plugin. Verrà mostrata la corrispondente schermata:

Firefox lista dei Plugin installati

nella quale non resta altro che disabilitare quelli non indispensabili facendo clic sul relativo pulsante Disattiva. Nel caso in cui in seguito alla disattivazione di un plugin qualcosa non dovesse funzionare basterà tornare nella lista Plugin e attivare nuovamente quello disabilitato.

Disattivare le Estensioni di Firefox

Le Estensioni di Firefox, ovvero i componenti aggiuntivi più conosciuti con il termine addon, sono quelli che in maniera più particolare hanno contribuito al successo di questo browser. Con i componenti aggiuntivi di Firefox è infatti possibile aumentare l’interazione con i contenuti web, l’esempio eclatante sono i componenti aggiuntivi per fare il download di video e audio da YouTube, ma non solo.

Nonostante ciò, le estensioni possono essere in parte causa del rallentamento di Firefox, soprattutto se ne vengono installati in quantità eccessive. Spesso infatti la lista dei componenti aggiuntivi è ricca di estensioni molte delle quali si adoperano raramente o per niente, rimaste dimenticate senza aversi mai preso la briga di disinstallarle. Che gli addon rallentano il browser è un fatto piuttosto noto tanto che a tale proposito venne perfino stilata la lista dei 50 addon che rallentavano maggiormente Firefox 4.

Quindi controllare i componenti aggiuntivi installati sul proprio Firefox per individuare, disattivare o disinstallare quelli inutili è un atto dovuto se l’intenzione è quella di voler velocizzare il browser. Seguire il percorso Strumenti>Componenti aggiuntivi>Estensioni per visualizzare la corrispondente schermata:

Firefox lista delle Estensioni installate

Trovati quelli non indispensabili non resta che cliccare il relativo pulsante Disattiva per disabilitare il componente aggiuntivo in questione; oppure nel caso in cui l’estensione non ci serve allora sarebbe bene disinstallarla dal browser cliccando il relativo pulsante Rimuovi.

Cancellare i dati di navigazione di Firefox

I dati di navigazione che vengono memorizzati nel browser sono l’insieme delle pagine e siti internet visitati con rispettivi cookie, download effettuati, moduli e ricerche compilati online, cache, preferenze dei siti web, dati non in linea dei siti web e gli accessi effettuati.

Se è da tanto tempo che si adopera Firefox senza aver mai eliminato questi dati o parte di essi, il loro carico potrebbe incidere sulle performance del browser. Ecco perché cancellandoli si potrebbe guadagnare maggiore velocità in Firefox. Per farlo seguire il percorso Strumenti>Cancella cronologia recente per visualizzare la corrispondente finestra (sotto in figura):

Firefox cancellare i dati di navigazione

nella quale in Intervallo di tempo da cancellare cliccare il pulsante evidenziato in fucsia e nel menu indicare l’opzione tutto. Dunque subito sotto all’interno dell’area evidenziata in rosso non resta che selezionare i dati di navigazione che si desidera eliminare dalla memoria del browser. Avviare l’eliminazione cliccando il pulsante Cancella adesso. A questo punto riavviato Firefox, esso sarà sicuramente più performante di prima in quanto la memoria occupata dai dati navigazione è stata completamente svuotata.

Volendo è anche possibile automatizzare questa azione in maniera tale che venga eseguita ogni volta che si chiude Firefox. Per farlo seguire il percorso Strumenti>Opzioni>Privacy e come nell’esempio sotto in figura:

Firefox automatizzare la cancellazione dei dati di navigazione

attivare la casella evidenziata in rosso Cancella la cronologia alla chiusura di Firefox, cliccare il pulsante Impostazioni evidenziato in fucsia, dunque nella finestra Impostazioni per la cancellazione della cronologia che verrà visualizzata, selezionare i dati di navigazione che si desidera vengano eliminati in automatico quando viene chiuso Firefox e confermare cliccando OK per salvare le modifiche. Tra l’altro questa azione è uno dei metodi per aumentare la Privacy in Firefox che abbiamo visto in questo articolo.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…