Passa ai contenuti principali

Backup completo del browser internet con BrowserBackup Pro

Backup completo del browser internet con BrowserBackup Pro

Il browser internet predefinito che si adopera abitualmente per navigare sul web è una risorsa piuttosto importante in quanto nel tempo memorizza una serie di dati che rendono più semplice e più rapida la navigazione.

Dati come password e info di login ai siti internet, cronologia, cookie, bookmark, estensioni, personalizzazioni, preferiti e via dicendo. Se per un problema improvviso il browser dovesse smettere di funzionare correttamente costringendoci alla disinstallazione, tutti questi dati andranno persi e riportarlo a com’era prima sarà piuttosto difficile in quanto si dovrà rifare tutto da capo.

Ecco allora che per evitare tale situazione conviene essere lungimiranti ovvero creando una copia di backup del proprio browser internet in maniera tale che se per forza di cose lo si dovesse disinstallare basterà fare il ripristino della copia di sicurezza precedentemente creata per riavere con un clic di mouse tutte le personalizzazioni apportate nel tempo. Per fare il backup dei browser internet abbiamo già visto diverse risorse free come: Google Chrome Backup, MozBackup, FavBackup, MailBrowserBackup e Hekasoft Backup & Restore.

BrowserBackup Pro è un’altra utile applicazione per tale scopo, diventata di recente completamente gratuita. Nello specifico con questo programma è possibile effettuare la copia di sicurezza dei seguenti browser: Google Chrome, Firefox, Opera e per i browser web basati su Chromium.

Facile da usare, una volta installato e avviato BrowserBackup Pro si presenterà con questa interfaccia grafica (sotto in figura):

BrowserBackup Pro indicare il browser per il quale creare il backup

1. Cliccare il pulsante evidenziato in fucsia e nella lista indicare il browser internet per il quale si desidera creare una copia di backup.

2. Cliccare il pulsante Create backup evidenziato in verde e in basso a destra della schermata all’interno dell’area evidenziata in rosso cliccare la voce In this machine per salvare il file di backup nel computer.

3. Nella successiva schermata lasciare tutto così com’è e proseguire cliccando il pulsante Next.

4. Arrivati a questa schermata (sotto in figura):

BrowserBackup Pro indicare i dati del browser da comprendere nel backup

selezionare i dati che si desidera salvare ovvero comprendere nel backup come impostazioni generali, bookmarks, password e dati di login ai siti web sui quali ci si è registrati, cronologia, cookies, link visitati, estensioni e via dicendo. In basso al centro in base ai dati selezionati verrà visualizzata la dimensione approssimativa del file di backup che verrà generato (nel mio caso 14.52 MB). Proseguire cliccando Next.

5. Nell’ultima schermata (sotto in figura):

BrowserBackup Pro avviare la creazione della copia di backup del browser

non resta che cliccare il pulsante evidenziato in verde per indicare in quale cartella del PC si desidera salvare il file di backup che verrà generato e avviare il tutto cliccando il pulsante Finish.

Quando e se sarà necessario, per ripristinare il browser basterà avviare nuovamente BrowserBackup Pro e scegliere la modalità Restore backup quindi seguire la procedura.

Compatibile con Windows: 2000, 2003, 2008, XP, Vista e 7

Dimensione: 1.08 MB

Download BrowserBackup Pro

Commenti

  1. Ascolta, a me da solo Opera...com'è 'sto fatto???

    RispondiElimina
  2. Kooma, non ne ho idea. L'ho appena testato e mi rileva tutti i browser. Non è che gli altri sono in versione portable?

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…