Passa ai contenuti principali

Risolvere e compilare codici captcha in automatico su internet

Risolvere e compilare codici captcha in automatico su internet

I captcha sono quelle immagini composte da lettere e numeri talvolta incomprensibili che devono essere digitate nell’apposito form di inserimento per poter effettuare ad esempio un download, inviare un commento, e in generale per usufruire di un servizio su internet.

Lo scopo dei captcha è quello di prevenire ed evitare lo spam, dunque l’utente risolvendoli dimostra di essere un umano e non un computer. Nonostante questa utilità, i captcha non godono di molta simpatia da parte degli utenti in quanto talvolta sono davvero incomprensibili, difficili da decifrare, tanto che in alcune circostanze prima di riuscire a digitarli in modo corretto si dovranno fare diversi tentativi.

Captcha Monster e Rumola sono due servizi online che consentono di risolvere in automatico i fastidiosi codici captcha nei quali è possibile imbattersi sul web. Nello specifico essi rilevano i caratteri dell’immagine captcha e li immettono nell’apposito campo di inserimento il tutto in maniera autonoma e all’utente non resta altro che confermare l’immissione per proseguire con l’utilizzo del servizio internet in questione associato.

Captcha Monster e Rumola non sono gratis però entrambi possono essere usati gratuitamente per un periodo di prova. Nel dettaglio:

Captcha Monster – La versione di prova gratuita dura 30 giorni con 30 crediti a disposizione (ogni singola risoluzione captcha vale un credito);

Rumola – La versione di prova non ha scadenza ma prevede solo 10 crediti a disposizione.

Dunque per utilizzare entrambi i servizi è necessario registrarsi creando un account gratuito. Vediamo come procedere.

Captcha Monster

Per registrare un account gratuito per provare Captcha Monster collegarsi con questa pagina internet e immettere il proprio indirizzo email. Ricevuta l’email da parte di Captcha Monster cliccare il link di conferma contenuto al suo interno e nella pagina internet che verrà aperta digitare un nome per l’account, la password di accesso e confermare la registrazione. Terminata la registrazione spostarsi nell’area Download o Members e fare il download dell’addon Captcha Monster per Firefox, al momento l’unico browser supportato.

Installato il componente aggiuntivo e riavviato Firefox, premere Ctrl+Shift+A e nella lista dei componenti aggiuntivi installati individuare Captcha Monster e cliccare il corrispondente pulsante Opzioni per aprire la finestra dei settaggi dell’addon (sotto in figura):

Captcha Monster Authorization

Nella scheda Authorization digitare la stessa email e password usate per la creazione dell’account e confermare cliccando il pulsante Check per confermare l’attivazione di Captcha Monster che così potrà entrare in funzione. Nella scheda Settings:

Captcha Monster settings

in Recognize Captcha si può decidere quale metodo di rilevamento captcha adoperare. Consiglio il terzo (risoluzione solo su richiesta dell’utente), in quanto le altre due funzioni agiscono in automatico dunque prendono via un credito anche nel caso in cui non era propria intenzione risolvere il codice captcha di una pagina internet. Infine nella scheda Subscription in corrispondenza della voce Days Left è possibile vedere quanti giorni restano per poter usare gratuitamente Captcha Monster.

Risolvere i codici captcha con Captcha Monster è semplice. Una volta giunti su una pagina web che riporta tale codice di verifica (esempio sotto in figura):

Risolvere i codici captcha con Captcha Monster

basterà cliccare il pulsante Solve Captcha! evidenziato in fucsia ed ecco che entro qualche secondo Captcha Monster lo rileverà e lo immetterà automaticamente nell’apposito campo di inserimento.

Terminato il periodo di prova, nel caso in cui si decidesse di acquistare un abbonamento a Captcha Monster, i piani attualmente disponibili sono i seguenti:

Licenza base – 2.99 dollari al mese con 60 crediti

Licenza estesa – 4.99 dollari al mese con 120 crediti

Licenza professionale – 9.99 dollari al mese con 760 crediti

Rumola

Per registrare un account gratuito Rumola collegarsi con questa pagina web, immettere il proprio indirizzo di posta elettronica e confermare cliccando il pulsante Register. Ricevuta l’email da parte di Rumola (nella quale è anche riportata la password di accesso al servizio, automaticamente associata alla propria email) cliccare il link al suo interno e dalla pagina web che verrà visualizzata scaricare e installare il componente aggiuntivo Rumola disponibile sia per Firefox, Chrome e Safari.

Installato l’addon, Rumola è pronto per entrare in funzione. Risolvere i captcha con Rumola è facile; come nell’esempio sotto in figura:

Risolvere i captcha con Rumola

esso individuerà automaticamente la presenza di tale codice di verifica nelle pagine web, notificando il rilevamento. Per risolvere il codice non si dovrà fare altro che fare un doppio clic di mouse all’interno del campo di inserimento dove normalmente deve essere digitato il captcha. In pochi secondi Rumola lo risolverà e lo compilerà autonomamente.

Finiti i 10 crediti a disposizione è possibile acquistarne di nuovi in due modalità/pacchetti differenti:

50 crediti validi per sei mesi al prezzo di 0.99 dollari

150 crediti validi per sei mesi al prezzo di 1.95 dollari

In questo video dimostrativo è possibile vedere Captcha Monster e Rumola in azione:

Commenti

  1. interessante..specialmente quando si deve scaricare ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…