Passa ai contenuti principali

Chrome eliminare segnalibri duplicati e non funzionanti in automatico

Chrome eliminare segnalibri duplicati e non funzionanti in automatico

La funzione segnalibri dei browser internet è particolarmente importante e utile in quanto consente di salvare siti e pagine web di nostro interesse in maniera tale da poterle reperire in qualsiasi momento senza invece dover andare ogni volta a cercarle manualmente.

Nel tempo, soprattutto per gli utenti che ne fanno largo uso, la lista dei segnalibri salvati potrebbe risultare essere davvero immensa, magari con decine se non centinaia di link da noi memorizzati durante la navigazione online di mesi e anni. Molto probabilmente tale lista conterrà a seconda dei casi un certo numero di segnalibri duplicati o non più validi, ovvero in questo ultimo caso quei segnalibri per i quali l’indirizzo internet associato non è più funzionante.

Dato che la lista è già abbondante allora perché non sbarazzarsi dei segnalibri doppi e rotti? Farlo manualmente agendo un link alla volta risulterebbe umanamente impossibile, ma se per navigare in rete si adopera il browser Google Chrome, l’estensione gratuita Bookmark Sentry si rivela la migliore soluzione per tale scopo.

Questo componente aggiuntivo infatti ha il compito di scansionare l’intero elenco dei segnalibri di Chrome alla ricerca di quelli duplicati e che non funzionano più, in maniera tale da poterli successivamente eliminare dalla lista con un solo clic di mouse. Facile da usare, una volta installato nel browser recarsi in Strumenti>Estensioni, individuare Bookmark Sentry e cliccare il corrispondente pulsante Opzioni; verrà visualizzata questa finestra:

Bookmark Sentry opzioni di scansione

In Preferences, l’area evidenziata in verde, è possibile personalizzare le impostazioni di scansione del componente aggiuntivo. Nello specifico in:

Scheduled Scan – E’ possibile pianificare la scansione in maniera tale che venga automaticamente eseguita ogni mese (opzione settata di default) oppure ogni settimana, ogni giorno, ogni due giorni, ogni due mesi, ogni due settimane oppure che venga avviata manualmente dall’utente.

Connection Timeout – E’ il tempo entro il quale l’indirizzo internet del segnalibro in scansione deve rispondere; superato questo tempo senza una risposta da parte del dominio, il segnalibro in questione verrà considerato non valido dunque aggiunto alla lista di quelli da eliminare al termine della scansione. Di default il valore è settato a 10 seconds, ma consiglio di portarlo almeno a 20 in quanto alcuni link funzionanti potrebbero non riuscire a rispondere entro i 10 secondi.

Scan Mode – Consente di indicare la modalità di scansione che più si preferisce. Da impostazione predefinita è settata la scansione sia per i segnalibri duplicati che per quelli non funzionanti. Ma all’occorrenza è possibile effettuarla solo per gli uni o per gli altri.

Non resta che avviare la scansione cliccando il pulsante Scan Now evidenziato dal riquadro rosso:

Bookmark Sentry scansione in corso dei segnalibri

A seconda del numero di segnalibri e del valore Connection Timeout settato, la scansione potrebbe richiedere diversi minuti. Nel mentre è comunque possibile navigare sul web o fare altri lavori al PC. Al termine verrà visualizzata la pagina dei risultati, ovvero i segnalibri duplicati e/o non funzionanti rilevati da Bookmark Sentry (esempio sotto in figura):

Bookmark Sentry segnalibri duplicati e non funzionanti trovati

Nel mio caso tra quelli duplicati e non più funzionanti, l’estensione ha individuato ben 234 segnalibri da eliminare. Per rimuoverli tutti in un solo colpo basterà cliccare il pulsante Delete All Not Found (404). Se nella lista dovesse esserci qualche segnalibro che invece funziona o non è un doppione lo si potrà escludere dall’elenco di eliminazione cliccando la corrispondente X visualizzata subito alla sua sinistra nella colonna Delete.

Download Bookmark Sentry

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…