Passa ai contenuti principali

Volunia il motore di ricerca italiano: impressioni di un Power User

Volunia il motore di ricerca italiano: impressioni di un Power User

Proprio questa mattina ho ricevuto una email nella quale mi è stato notificato di essere stato selezionato come Power User di Volunia.

Come Power User ho dunque potuto testare in anteprima questo nuovo motore di ricerca tutto italiano, che tra l’altro verrà lanciato ufficialmente il 14 Giugno 2012, e che sin dalla nascita ha fatto tanto discutere in bene e in male. Soprattutto venerdì 8 Giugno con la clamorosa notizia che Massimo Marchiori l’ideatore del progetto ha lasciato Volunia in quanto fatto fuori dall’incarico di direttore tecnico, oltre ad altri parapiglia con i vertici del team.

Per chi ancora non lo sapesse Marchiori ideò l’algoritmo di Google e dato il suo curriculum la sua assenza da Volunia non nego che mi lasci un po’ perplesso sul futuro del motore di ricerca; ma è soltanto un mio pensiero, augurando che sia errato. Polemiche e gossip a parte voglio condividere con i lettori di Guidami.info la mia personale esperienza di Power User riportando le principali caratteristiche di Volunia.

Volunia è un motore di ricerca social network. Infatti oltre ad effettuare ricerche sul web, con Volunia si può interagire con gli altri utenti registrati, tramite chat e amicizie. Dunque ogni utente dovrà creare il proprio profilo personale inserendo nome e cognome (o nickname), data di nascita, sesso, avatar e facoltativamente immagini:

Volunia gestione profilo personale utente

Le informazioni del profilo si possono privatizzare in vari livelli tramite il pannello Impostazioni>Privacy, in maniera tale da renderle visibili a tutti, agli amici, agli utenti registrati oppure a nessuno. I webmaster all’occorrenza possono aggiungere i propri siti internet accedendo nel pannello Il mio profilo>I miei siti.

Settato il proprio profilo a dovere si può iniziare ad usare Volunia; l’Home Page si presenterà così:

Volunia Home Page

Al centro c’è il box di inserimento dei termini di ricerca. La pagina dei risultati delle ricerche mi ricorda un po’ quella di Bing:

Volunia risultati di ricerca

A sinistra dei siti web trovati ci sono due icone: la prima (il mondo) per visualizzare la Mappa del sito, la seconda invece mostra il numero di utenti Volunia attualmente presenti nella pagina e/o nel sito corrispondente.

Tutto intorno ad ogni pagina web ci sono gli strumenti social. Subito a destra della pagina infatti ecco che troviamo la chat principale (provvista di emoticon):

Volunia chat principale

con la quale è possibile comunicare con gli utenti Volunia che stanno visitando lo stesso sito dove ci troviamo noi, quindi la chat è presente in qualsiasi pagina web non solo sulla Home Page del motore di ricerca. Funzione comoda per scambiarsi pareri riguardo il contenuto che si sta consultando. E’ anche possibile avviare chat private con singoli utenti.

In alto alla pagina c’è poi la barra degli strumenti di Volunia tramite la quale accedere e gestire le principali funzioni. Partendo da sinistra troviamo il pulsante Mappa che una volta cliccato mostra in una mappa stile Sim City le principali sezioni del sito che si sta visitando riportando per ognuna di esse il numero di visitatori/utenti Volunia:

Volunia Mappa sito

Segue poi il pulsante Trends dal quale accedere alle Top News ovvero le News più importanti. Con il pulsante Altro si può invece condividere la pagina web in questione su Facebook e Twitter, per email o con un permalink. A seguire c’è il motore di ricerca Volunia con il quale cliccando l’apposita icona si possono anche filtrare le ricerche per ottenere solamente come risultati delle immagini, news, video, documenti o qualsiasi contenuto (filtro Web).

A destra della barra degli strumenti ci sono invece le icone social:

Volunia icone social

La prima partendo da sinistra mostra il numero di utenti Volunia che stanno visitando la nostra stessa pagina internet, segue l’icona che riporta il numero degli amici online, l’icona del numero delle richieste di amicizia, il pulsante nuvoletta per nascondere/visualizzare il pannello della chat principale e infine l’icona del proprio avatar tramite la quale accedere alla gestione del proprio profilo/account. In linea di massima Volunia è facile da usare, in dieci minuti si avrà preso abbastanza familiarità con le sue principali funzioni.

Pareri personali

Personalmente reputo che Volunia sia una buona idea, il fatto di poter comunicare con le persone che stanno visitando la nostra stessa pagina internet può tornare utile ad esempio quando si sta comprando un oggetto online, leggendo un articolo, un tutorial e via dicendo, per scambiarsi così opinioni e suggerimenti. Ma questa funzione social, la chat e gli amici online, allo stesso tempo (secondo me) rischiano di distogliere da quella che è la vera e propria funzione di ricerca (dato che Volunia è stato annunciato come l’anti-Google, cosa piuttosto difficile da realizzare) in quanto possono essere altamente causa di distrazione. Prendiamo l’esempio di uno studente che fa una ricerca web per reperire informazioni utili per un compito e che dopo un po’ potrebbe finirla a chattare con gli amici online o con quelli connessi alla pagina dimenticandosi di ciò che doveva fare.

E’ anche vero che Volunia può essere usato in modalità anonimo dissociandosi dagli amici e dalla chat che però rimarranno sempre li in bella vista e tentare il login.

Non faccio parte di quelle persone che hanno bocciato Volunia dichiarandone il fallimento ancora prima di partire ufficialmente, anzi auguro tanto successo al team, ma più che come motore di ricerca, dato che battere l’efficienza e la qualità di Google è ancora impossibile, viste le sue funzioni credo che Volunia potrebbe avere più consensi come social network italiano. Per concludere, a mio parere un motore di ricerca deve essere semplice: una pagina leggera con al centro un box nel quale digitare i termini che si desidera trovare e il pulsante per avviare la ricerca, senza nient’altro di aggiuntivo e superfluo soprattutto se è causa di distrazione. Voi che ne pensate?

Commenti

  1. A mio parere Marchiori ha mollato a pochi giorni dall'uscita perché, constatato che sarebbe stato un fallimento, ha preferito avere la possibilità di dire "senza di me non potevano andare lontano".

    RispondiElimina
  2. Non saprei, vai e cerca che è successo realmente.

    RispondiElimina
  3. CARO VINNIE...VOLUNIA,,,,NON DICE UN GRANCHE'. INNOVAZIONI,,,TECNOLOGICHE ZERO...SEMPLIFICAZIONI..E COMODITA'? IN PARTE SI.PER IL RESTO DELLE FUNZIONALITA...ESISTE GIA, TUTTO,... SU ALTRI BROWSER COME A TE NOTO. MA LA MIA LUNGIMIRANZA MI PORTA A DIRE,E VEDRAI CHE SARA' TUTTO CONCLAMATO A BREVE TEMPO, CHE TRATTASI..A LIVELLO SOCIOPSICOLOGICO,DELLA ENNESIMA GHETTIZZAZIONE DI TRIBU, O BRANCHI,...AFFINI,NEL LESSICO E MENTALITA,,COMPORTAMENTALE...STANCHI O STUFI...DEI VARI FACEBOOK TWITER EC.......EMIGRANO ALTROVE PER I FINI PIU DISPARATI...IN SINTENSI UN NUOVO "ISOLAZIONISMO AMBIENTALE" DI CUI NON SI SENTIVA LA NECESSITA,POICHE CAUSERA..ULTERIORE DECREMENTO...DELLE ATTIVITA RELAZIONALI.."VIVE E VERE".CIAO DR.ADAMAS

    RispondiElimina
  4. Per le caratteristiche che ha ,ripeto, a parere mio potrebbe essere incentrato più come social network, successo o meno a parte. Comunque stiamo a vedere come si evolve, Volunia è appena nato e il web è volubile.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…