Passa ai contenuti principali

Strumenti per ottimizzare la memoria, accelerare e rendere Firefox più veloce

Strumenti per ottimizzare la memoria, accelerare e rendere Firefox più veloce

Firefox è sempre stato un browser per navigare internet piuttosto popolare e ampiamente utilizzato, anche se con il lancio di Google Chrome ha registrato un calo di utenti.

Sta di fatto che sono ancora tante le persone che adoperano il browser web di casa Mozilla che pregi a parte, tra i difetti lamenta pesantezza e lentezza dopo un certo periodo di utilizzo della sessione. Ma in alcuni casi il rallentamento può manifestarsi anche in avvio.

Questi problemi non sono passati inosservati da parte del team degli sviluppatori di Firefox tanto che le ultime versioni del browser risultano essere più veloci delle precedenti release.

Sta di fatto che comunque anche se in maniera minore rispetto al passato, in alcuni casi le performance di Firefox possono ancora calare sensibilmente nonostante si disponga della versione più aggiornata. Ecco perché in queste circostanze possono tornare sempre utili agli utenti del browser Mozilla alcuni addon e strumenti free sviluppati appositamente per ottimizzare la memoria, accelerare e rendere Firefox più veloce. Vediamo quali sono.

Soluzioni addons

Prima di utilizzare questi strumenti sarebbe bene dare un’occhiata alla lista dei 50 addons che rallentano Firefox 4 in avvio e navigazione. Inoltre si potrebbe prendere in considerazione di adoperare anche l’addon eCleaner con il quale eliminare le tracce lasciate dagli addon disinstallati per velocizzare Firefox.

Per liberare la memoria RAM occupata in eccesso da parte di Firefox (anche in automatico), ci sono specifici componenti aggiuntivi per farlo come ad esempio i quattro addons descritti in questo articolo dedicato.

Soluzioni software free

Venendo invece alle applicazioni gratis per velocizzare Firefox, le migliori attualmente a disposizione sono le seguenti:

1. Firemin | Compatibile con Windows: 2000, 2003, XP, Vista e 7 e MacFiremin

Tramite l’utilizzo di una funzione di sicurezza API chiamata EmptyWorkingSet, Firemin costringe il processo di Firefox ad utilizzare un basso quantitativo di memoria RAM (il limite è settabile a proprio piacimento servendosi dell’apposito cursore) in maniera tale che il carico del browser non superi la soglia indicata evitando così pesantezza e di sottrarre risorse agli altri processi in esecuzione.

2. Firefox Booster | Compatibile con Windows: NT, XP, Vista e 7

Firefox Booster

Firefox Booster è una piccola applicazione portable che tenta di ottimizzare e velocizzare Firefox in base alla velocità della propria connessione internet sia essa veloce (Fast), media (Medium) o lenta (Slow).

3. SpeedyFox | Compatibile con Windows: 2000, 2003, XP, Vista e 7 e Mac

SpeedyFox

E’ un altra applicazione portable che consente di velocizzare fino a tre volte non solo Firefox ma anche altri noti programmi come Chrome, Skype e Thunderbird, alleggerendo il carico dei corrispondenti profili con conseguente guadagno in velocità.

4. Firefox Preloader | Compatibile con Windows: NT, 98, 2000, XP, Vista e 7

Firefox Preloader

Firefox Preloader è un piccolo programma freeware che come si può intuire dal nome stesso precarica Firefox all’avvio di Windows quando si accende il PC in maniera tale che quando poi si va ad aprire Firefox esso venga eseguito immediatamente rimediando così all’ eventuale lentezza in avvio del browser di casa Mozilla.

Commenti

  1. Quando Firefox rallenta lo chiudo, lo pulisco con Ccleaner, lancio Speedyfox e lo riapro: funziona sempre! :-)

    RispondiElimina
  2. Interessante pulirlo con CCleaner e poi avviarlo dopo Speedyfox, però solo se non serve conservare cookie, cache, e cronologie varie.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Windows 10 October 2018 Update risolto il problema che cancellava i file con l'aggiornamento

Lo scorso 5 ottobre Microsoft ha interrotto la distribuzione di Windows 10 October 2018 Update iniziata ufficialmente tre giorni prima, in quanto dopo l'aggiornamento su alcuni computer (solo sullo 0.001% delle installazioni) venivano cancellati file personali contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download ecc.

Ma ieri con un post sul blog ufficiale di Windows è stato annunciato che gli ingeneri hanno identificato e risolto tutti i problemi noti che portavano a tale perdita di dati con l'upgrade a Windows 10 versione 1809.

Qual'è stata la causa del problema? La perdita dei dati ha interessato i file contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download e via dicendo, reindirizzate in un percorso di destinazione diverso da quello predefinito (es. C\Users\NomeUtente\Documents); soluzione che alcuni adottano per risparmiare spazio sul disco di sistema archiviando, con il reindirizzamento delle cartelle, tali file su altre unità di memori…

Vedere il consumo elettrico dei programmi nel Task Manager di Windows 10

A partire dall'aggiornamento October 2018 Update, il Task Manager di Windows 10 ora mostra il consumo elettrico da parte dei programmi in esecuzione.

In questo modo è possibile individuare rapidamente i processi degli applicativi che incidono maggiormente a livello energetico quando il computer portatile è alimentato dalla solo batteria, e in base a tali informazioni decidere se terminare o meno i programmi più dispendiosi in questo senso, soprattutto se sono in esecuzione in background.

Per prima cosa è necessario aprire il Task Manager facendo un clic destro sulla barra delle applicazioni e qui nel menu contestuale cliccando la voce "Gestione attività"; oppure ci si può servire direttamente della combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc.

LEGGI ANCHE: Cosa si può fare con il Task Manager di Windows 10

Qualora il Task Manager venisse eseguito in un piccola finestra, allora qui nell'angolo in basso a sinistra cliccare il link "Più dettagli" per visualizzare…