Passa ai contenuti principali

LinkedIn - Scopri se la tua password è stata violata dagli hacker

LinkedIn - Scopri se la tua password è stata violata dagli hacker

Un gruppo di hacker russi ha attaccato il noto sito LinkedIn, il social network professionale, trafugando oltre sei milioni di password utente con annessi dati associati a ogni singolo account.

I dati rubati dagli hacker, che nella rivendicazione hanno tra l’altro rivelato come poi dimostrano i fatti un’inadeguata cifratura con la quale LinkedIn ha protetto tali informazioni private degli utenti iscritti, sono stai poi pubblicati su internet in un file di testo di 250 MB.

LinkedIn ha ammesso e confermato subito l’accaduto correndo ai ripari, ovvero bloccando gli account compromessi. Agli utenti del social network interessati verrà infatti inviata un’email con tanto di istruzioni per settare una nuova password di accesso all’account. Inoltre per ovvie ragioni di sicurezza, tutti gli utenti che hanno settato e utilizzano la stessa password di LinkedIn anche su altri siti e servizi internet, è bene che il prima possibile provvedano nel settare per ognuno di essi una password differente onde evitare eventuali intrusioni e spiacevoli conseguenze.

In seguito a questa vicenda la nota azienda LastPass ha sviluppato un utile tool online tramite il quale si può scoprire nell’immediato se la propria password LinkedIn è stata violata o meno. Il tool è raggiungibile a questo indirizzo e si presenta con questa schermata:

Toll LastPass per verificare se la password LinkedIn è stata violata

in Enter your LinkedIn password here si deve digitare la password di accesso all’account registrato sul social network e confermare cliccando il pulsante Test My Password. Subito sotto se verrà visualizzata una notifica a sfondo rosso con la dicitura Your password was one of the ones that was compromised (vedi figura) significa che la password inserita è stata violata, dunque è fortemente consigliato procedere al più presto con il settaggio di una nuova e più sicura.

Invece se verrà mostrata una notifica a sfondo giallo con la dicitura Your password was NOT one of the ones that was compromised significa che la password immessa non è stata violata. Volendo il tool si può usare anche per semplice curiosità per verificare quali tipologie di password sono state violate.

Riassumendo, se la password è stata violata si deve resettarla e settarne una nuova non facile da indovinare, composta da lettere, magari una maiuscola, numeri e/o simboli di almeno otto caratteri di lunghezza. Se la password violata è utilizzata per accedere anche su altri siti ai quali ci si è registrati cambiarla e impostarne una differente per ogni account.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…